Una notte con il re

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una notte con il re
Titolo originale One Night with the King
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 2006
Durata 123 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2,35 : 1
Genere drammatico
Regia Michael O. Sajbel
Soggetto Mark Andrew Olsen, Tommy Tenney
Sceneggiatura Stephan Blinn
Casa di produzione Gener8Xion Entertainment
Fotografia Steven Bernstein
Montaggio Stephan Blinn, Gabriella Cristiani, Michelle Summers
Musiche J.A.C. Redford
Scenografia Aradhana Seth, Abid T.P.
Costumi Neeta Lulla
Interpreti e personaggi

Una notte con il re (One Night with the King) è un film del 2006 diretto da Michael O. Sajbel. È un film drammatico, statunitense, avente come protagonisti, Tiffany Dupont, Luke Goss e John Noble. È basato sul romanzo del 2004, Hadassah: One Night with the King di Mark Andrew Olsen e Tommy Tenney.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

È la versione romanzata di Ester, il 17° libro della Bibbia. Il film è verosimile alla storia originale, dove Ester, da semplice orfana, viene indotta da Dio a diventare regina della Persia, il regno più potente dell'epoca. Divenne il mezzo per cui Dio avrebbe salvato il suo popolo, gli Ebrei. La storia è un probabile esempio di come Dio sia in grado di aiutare e ad amare tutti coloro che riescono ad abbandonarsi a Lui, la probable dimostrazione di come sia possibile, che l'ultima delle donne, orfana, sola con uno zio, possa diventare una regina.

La storia[modifica | modifica wikitesto]

La storia narra di Assuero Re di Persia che un giorno organizza un banchetto per onorare la grandezza del suo regno. Durante i festeggiamenti Aman, uno dei suoi consiglieri, invita re Assuero a presentare al popolo, sua moglie, la regina Vasti, quale simbolo della bellezza e del potere del marito. Vasti si rifiuta, così il re la costringe ad abdicare, la ripudia, cacciandola dal palazzo. Inizia così la ricerca di una nuova regina. Si radunano tutte le vergini del paese nell'harem di palazzo : ognuna di loro dovrà sottoporsi ad una severa selezione : passare una notte con il re ; in questo modo sarà in grado di scegliere colei che diverrà regina al posto di Vasti. Tra queste c'è Adassa, stupenda donna ebrea, orfana, allevata dallo zio Mardocheo.

Adassa diventa Ester[modifica | modifica wikitesto]

Quando le guardie del Re la prendono in custodia, Mordecai le fa promettere di non rivelare a nessuno che lei è ebrea e le dà un altro nome, Ester, un nome persiano, in grado di depistare chiunque sulle sue vere origini ebraiche. Il motivo di tanta premura nel non mostrarsi attraverso la sua vera identità, sta nel fatto che durante quel periodo storico, gli Ebrei erano considerati una minaccia per il regno persiano. Ester entra nelle simpatie dall' eunuco Agag, per cui riesce a entrare per prima nella camera del Re per leggergli il "Libro delle cronache dei Re". Ester però, annoiata da tale lettura, inizia a seguire il suo cuore decidendo di raccontare al Re la storia di Giacobbe e Rachele, patriarca del suo popolo. Assuero, apparentemente è duro e indifferente, ma contemporaneamente rimane affascinato e rapito dallo spirito di Ester.

Ester è regina di Persia. Il Complotto[modifica | modifica wikitesto]

Quando giunge la sua prima notte, il Re apre il suo cuore a Ester e le confessa il suo amore offrendole il suo regno. Così Ester diventa Regina con un Re profondamente innamorato di questa donna, che non gli ha ancora svelato le sue origini. Un giorno Mardocheo vede per caso i due coppieri del re acquistare del veleno, così avvisa immediatamente Ester che a sua volta avvisa il Re, salvandolo dalla cospirazione. Da quel momento inizia un susseguirsi di intrighi. Re Assuero decise pertanto di nominare Aman l' Agaghita primo ministro del Re, ponendo il suo seggio al di sopra di tutti i principi. Tutti i servitori del Re presenti alla porta del Re si inchinavano davanti ad Aman ma Mardocheo, né si inchinava né si prostrava.

Il progetto di un genocidio[modifica | modifica wikitesto]

Aman stava meditando di distruggere tutti gli Ebrei per vendicarsi di Saul, un Re di Israele del passato, a causa del dolore che aveva causato a sua madre e alla sua gente. Quindi Aman con il sigillo reale e la piena fiducia del Re emanò un decreto che condannava a morte tutti gli Ebrei. Quando Mardocheo ne venne a conoscenza, per la disperazione si stracciò le vesti, si cosparse di cenere, e inviò un messaggero da Ester, invitandola a perorare, davanti a Re Assuero, la causa del popolo ebraico. Ester si presentò dal Re a suo rischio, sapendo che era contro il protocollo, e che chiunque si presentasse al Re senza invito avrebbe potuto venire ucciso.

Ester, Adassa salva il popolo ebraico[modifica | modifica wikitesto]

Ma come da protocollo il Re poteva stendere il suo scettro e risparmiare la vita : e così fu, Ester organizzò un banchetto al quale invitò, sia Aman che Assuero, per rivelare ad entrambi che lei in realtà era ebrea e voleva salvare il suo popolo. Così Re Assuero decise di risparmiare il popolo d'Israele, condannando Aman ad un'esecuzione sommaria, proprio con l'arma che lo stesso Aman aveva costruito per Mardocheo. Ancora oggi , presso il popolo ebraico, si festeggia il Purim, festa che ricorda appunto tale liberazione.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film, diretto da Michael O. Sajbel su sceneggiatura di Stephan Blinn e soggetto di Mark Andrew Olsen e Tommy Tenney, autori del romanzo.[1] La pellicola fu prodotta da Matt Crouch e Laurie Crouch per la Gener8Xion Entertainment[2], girato a Dallas nel Texas e a Jodhpur in India,[3] con un budget stimato in 20.000.000 di dollari.[4] Il titolo della lavorazione fu, One Night with the King: The Call of Destiny.[5]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film venne distribuito negli Stati Uniti a partire dal 13 ottobre 2006,[5] al cinema dalla 8x Entertainment, mentre per l'home video dalla FoxFaith[2] con il titolo, One Night with the King.

Alcune delle uscite internazionali sono state:[5]

  • negli Stati Uniti il 10 ottobre 2006 (Westwood, California, premiere)
  • in Germania il 9 febbraio 2007 (European Film Market)
  • in Sudafrica il 14 settembre 2007
  • in Germania il 6 dicembre 2007 (Eine Nacht mit dem König, in DVD)
  • in Finlandia il 14 marzo 2008 (Ester - Persian kuningatar, in DVD)
  • in Messico il 4 aprile 2008 (La reina persia)
  • in Portogallo il 24 aprile 2008 (Uma Noite com o Rei)
  • in Italia il 3 dicembre 2008 (Una notte con il re, in DVD)
  • in Ungheria il 12 giugno 2009 (Egy éjszaka a királlyal, in prima TV)
  • nel Regno Unito il 24 maggio 2010 (Princess of Persia, in DVD)
  • in Francia il 18 agosto 2010 (Esther: Reine de Perse, in DVD)
  • in Brasile (Conquista de Reis)
  • in Norvegia (Esther Queen of Persia, in DVD)
  • in Repubblica Ceca (Noc s králem)
  • in Spagna (Una noche con el rey)

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

La tagline è: "Feel The Touch Of Destiny".[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Una notte con il re - IMDb - Cast e crediti completi. URL consultato il 22 novembre 2012.
  2. ^ a b Una notte con il re - IMDb - Crediti per le compagnie di produzione e distribuzione. URL consultato il 22 novembre 2012.
  3. ^ Una notte con il re - IMDb - Luoghi delle riprese. URL consultato il 22 novembre 2012.
  4. ^ Una notte con il re - IMDb - Box office / incassi. URL consultato il 22 novembre 2012.
  5. ^ a b c Una notte con il re - IMDb - Date di uscita. URL consultato il 22 novembre 2012.
  6. ^ (EN) Una notte con il re - IMDb - Tagline. URL consultato il 22 novembre 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema