Un topolino sotto sfratto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un topolino sotto sfratto
Un topolino sotto sfratto.tiff
Una scena del film
Titolo originaleMouse Hunt
Paese di produzioneUSA
Anno1997
Durata98 min
Generecommedia
RegiaGore Verbinski
SceneggiaturaAdam Rifkin
Casa di produzioneDreamWorks Pictures
FotografiaPhedon Papamichael
MontaggioCraig Wood
MusicheAlan Silvestri
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

« Un mondo senza spago è il Caos. »

(Rudolf Smuntz)

Un topolino sotto sfratto (Mouse Hunt) è un film del 1997, diretto dal regista Gore Verbinski.

Le riprese del film si sono svolte dal 3 marzo 1997 al 3 luglio 1997.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la morte del padre, il magnate Rudolf Smuntz, i fratelli Ernie e Lars Smuntz ereditano la fabbrica di spago del genitore, dotata di attrezzature arretrate ed in gravi crisi finanziarie; a loro insaputa, ereditano anche una vecchia casa in campagna, di cui il loro padre stranamente non ne aveva mai loro parlato.

Ernie, in rapporti non sereni con il padre già da tempo, è proprietario e chef di un ristorante di lusso e vorrebbe vendere tutta la loro eredità, mentre Lars, sposato con April, lavora nella fabbrica di spago del padre e vorrebbe proseguire l'attività di famiglia. Una sera nel ristorante dove Ernie lavora, viene a cena il sindaco della città con la sua famiglia; sfortunatamente, gli viene servita da Ernie dell'aragosta in vi è finito uno scarafaggio vivo fuoruscito da una vecchia scatola di sigari cubani, anch'essa ereditata al padre, che si trovava in cucina. Quando se ne accorge, il sindaco viene così colpito da un improvviso infarto e viene immediatamente trasportato in ospedale dove muore. Ernie, incolpato dell'accaduto, è costretto a chiudere il ristorante, andando in seguito a lavorare in un comune fast food. Lars, dal canto suo, è cacciato di casa dalla moglie perché non ha voluto vendere la disastrata fabbrica ad una multinazionale italo-americana, per mantenere la promessa al padre di non vendere mai a nessuna multinazionale la Smuntz String per dirigerla secondo le tradizioni di famiglia. I due, rincontratisi, decidono di andare a visitare la pericolante casa e scoprono che è stata progettata da un grande architetto: Charles Lyle Larue. La particolarità di questa magione è il fatto che nessuno è al corrente della sua esistenza. Molti intenditori si presentano per valutare ed acquistare la casa. Tra loro vi sono molti milionari, in particolare Alexander Falko, il quale è uno dei più appassionati di Larue ed è deciso ad aggiudicarsi l'edificio a qualsiasi cifra inferiore ai 10 milioni di dollari. Viene quindi organizzata un'asta per superare la soglia dei 600 000 dollari, il suo effettivo valore. I due fratelli iniziano le operazioni di ristrutturazione per renderla vendibile.

Ma non sono i soli nella casa: si accorgono infatti di avere un altro inquilino, un topolino. I due fratelli danno la caccia all'animaletto (una cosa che all'inizio sembra facile e che poi si rivela quasi infattibile) e cercano di eliminarlo in ogni modo (con centinaia di trappole per topi, prendendo il ferocissimo gatto "Catzilla" e assoldando lo strampalato disinfestatore Caesar). Ma tutto si dimostra inutile ed il topolino riesce in ogni situazione a dimostrare la sua volontà di cacciare i due intrusi.

I due fratelli riescono infine a sbarazzarsi del topolino, in una lite causata dal tentativo di vendita della fabbrica (andata a vuoto) ad opera di Ernie alle spalle di Lars. Il topolino viene spedito a Cuba, ma purtroppo per i due protagonisti, il topolino viene rispedito in America, dato il peso eccessivamente inferiore rispetto alla norma.

Durante l'asta, i due si accorgono del ritorno del topolino e fanno di tutto per eliminarlo una volta per tutte. Poco prima della vendita della casa per l'incredibile somma di 25 milioni di dollari, Lars provoca un allagamento facendo crollare l'edificio. I fratelli tornano allora alla fabbrica di spago; ma il topolino, che è venuto con loro intrufolandosi sotto l'automobile, dà a loro un'idea: creare dei gomitoli di formaggio anziché di spago. Questo nuovo prodotto riscuote un grande successo, essendo una novità sul mercato. Ernie e Lars iniziano così ad uscire dalla rovina finanziaria, la fabbrica viene modernizzata e adattata alla lavorazione casearia. Il topolino diventa così un membro fondamentale della nuova attività, collaborando con i due fratelli e diventandone amico.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Per interpretare il topolino sono stati utilizzati sessanta animali vivi (addestrati da Boone Narr), un pupazzo meccanico (costruito da Stan Winston) e immagini digitali (della Rythm and Hues).[2]

La pellicola venne registrata in California fra: Fresno, Bass Lake, North Folk, Oakhurst.

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

A fronte di 38 milioni di dollari di budget, il film ha incassato 122 milioni (BoxOffice Mojo).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Un topolino sotto sfratto - Info, su movieplayer.it. URL consultato il 26 giugno 2016.
  2. ^ Un topolino sotto sfratto - Curiosità, su movieplayer.it. URL consultato il 26 giugno 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema