Un sacchetto di biglie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Un sacchetto di biglie (film))
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Un sacchetto di biglie (disambigua).
Un sacchetto di biglie
Titolo originaleUn Sac de billes
AutoreJoseph Joffo
1ª ed. originale1973
1ª ed. italiana1976
Genereromanzo
Sottogenereromanzo storico autobiografico
Lingua originalefrancese
AmbientazioneFrancia 1941, seconda guerra mondiale
ProtagonistiJoseph Joffo, Maurice Joffo
CoprotagonistiAlbert Joffo, Henri Joffo
AntagonistiGiovanna Pertot

Un sacchetto di biglie (Un sac de billes) è un romanzo di Joseph Joffo pubblicato nel 1973.

Dal romanzo sono stati realizzati due adattamenti cinematografici.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1941, due giovani fratelli ebrei, Joseph e Maurice Joffo, vivono nella Parigi occupata dai tedeschi durante la seconda guerra mondiale. Una sera sono chiamati da loro padre che racconta loro la storia di come lui era fuggito dalla Russia zarista, e quindi annuncia ai suoi due figli che devono iniziare un lungo viaggio attraverso tutta la Francia, per scappare dai nazisti raggiungendo la terra "libera". Dopo aver ricevuto il denaro (ventimila franchi) e salutato i loro cari, partono.

La prima tappa del viaggio è la città di Dax: i due, dopo aver raggiunto la stazione d'Austerlitz, salgono su un treno. Nel treno ci sono due SS che chiedono i documenti per attestare che i passeggeri non siano ebrei. Fortunatamente un prete che ha i documenti legali prende sotto custodia i due ragazzi, che riescono così a superare i controlli. I due fratelli dopo una rocambolesca traversata accompagnati da una guida di nome Raymond riescono ad entrare in zona libera e a raggiungere Mentone dove hanno trovato rifugio i loro fratelli maggiori Henri e Albert che hanno trovato lavoro come parrucchieri. La vita sembra tornare tranquilla e Joseph e Maurice trovano un lavoro, il primo come aiuto di un contadino della zona e l'altro come panettiere. Quando vengono a sapere che i loro genitori, mentre cercavano di passare nella zona libera, sono stati arrestati e condotti in un campo in attesa della deportazione, Henri decide di partire per cercare di liberarli. Durante l'assenza di Henri, Albert iscrive alla scuola del paese i due ragazzi: Joseph ha una maestra giovane che riesce ad insegnare bene, mentre Maurice ha un insegnante molto anziano richiamato dalla sua pensione, che non riesce a tenere il silenzio; perciò in classe si lanciano palline di carta, aeroplanini, ecc.

Henri arriva al campo di transito dove venivano messe le persone sospettate di essere ebrei; qui un poliziotto a cui taglia i capelli intercede per lui facendogli ottenere un appuntamento con il colonnello; il colonnello dice esplicitamente che se vuole salvare i suoi genitori mette a rischio la sua libertà, Henry afferma che sua madre è russa ed imparentata con la famiglia imperiale dei Romanov, mentre suo padre è francese e, visto che il colonnello non sembrava convinto, dice di chiamare la prefettura di Parigi per verificare. Dopo lunghi periodi di attesa il colonnello decide di liberarli. I genitori allora si trasferiscono in un appartamento a Nizza. I due protagonisti devono partire per Nizza perché i loro fratelli sono stati chiamati come barbieri per i tedeschi e, siccome non hanno nessuna intenzione di buttarsi nelle fauci del lupo, decidono nuovamente di scappare e tutti insieme raggiungono i loro genitori.

In Italia l'8 settembre 1943 cade il governo e Mussolini viene arrestato; i soldati italiani, che stazionavano a Nizza, devono ritirarsi: al loro posto arrivano i tedeschi.

Una sera il signor Joffo chiama i suoi due ragazzi per avvisarli che dovranno andare a vivere per un po' di tempo in una colonia, chiamata “Nuovo Raccolto”: lì saranno al sicuro e i tedeschi non potranno portarli via. Lì i protagonisti vivono bene per molto tempo, grazie anche alla compagnia degli altri ragazzi e al signor Subinagui, il capo, che conosce tutta la loro storia. Una sera Joseph e Maurice sentono il rumore di un camioncino, guidato dal loro amico Ferdinand, che va a Nizza; i due non resistono e, sapendo che al mattino successivo sarebbero ritornati, decidono di salirci insieme ad altri loro amici. Le SS bloccano il camioncino e, i ragazzi vengono condotti all'Hotel Excelsior, requisito dai tedeschi come base.

I protagonisti, sapendo che poteva arrivare questo momento, si sono inventati “un'altra vita” nel caso di un interrogatorio, pertanto quando vengono condotti dal capo e interrogati separatamente, iniziano la loro commedia come previsto; ci sono però due problemi che devono risolvere per essere liberati: il primo è che devono dimostrare di essere stati battezzati e di aver fatto la comunione e poi devono anche essere sottoposti a una visita medica per verificare se sono stati circoncisi. Al medico che li comincia a visitare raccontano di essere stati operati per una malattia che avevano da piccoli. Il medico, un po' perplesso, conferma al capo che li ha interrogati, che non sono ebrei. Dopo questo episodio passano tantissimi giorni nei quali Joseph è persino operato di meningite acuta. Una mattina il capo spiega ai ragazzi che devono dimostrare di essere stati battezzati, così permette a Maurice di uscire dall'hotel e di andare a cercare il certificato necessario, il tempo a disposizione è di due giorni, se non fosse tornato nel tempo stabilito Joseph sarebbe stato fatto salire sul primo treno in partenza per un campo.

Così Maurice va subito da un prete, si fa falsificare i documenti e nel tempo stabilito li porta al capo. Il capo afferma che i documenti sono falsi. Il prete il giorno successivo chiede di essere ricevuto ma viene respinto, si presenta il giorno successivo e viene accolto. Il suo scopo è attestare che i documenti sono veri e che in caso non sia creduto avrebbe chiamato il vescovo; il capo decide di liberarli per non mettersi contro la Chiesa che non era in guerra. I due fratelli tornano al campo “Nuova Raccolta”. Appena arrivati però, devono partire di nuovo: c'è stata un'irruzione tedesca nel campo e, attraverso i documenti veri trovati addosso al padre, si sarebbe potuto risalire a loro; allora decidono di raggiungere la loro sorella a Montluçon.

Lì fa molto freddo, però loro non hanno niente di pesante da mettersi addosso, quindi vanno in un negozio di abiti dove chiedono dei cappotti o delle maglie pesanti, ma la commessa risponde che ha solo due sciarpe, però propone loro di farli alloggiare per la notte nella camera di suo figlio che è riscaldata, e loro accettano. I due, arrivati passano pochi giorni da Rosette, la loro sorella, avvisandola che il padre è stato di nuovo catturato dai nazisti. Secondo Rosette è meglio se vanno ad abitare ad Aix-les-Bains dove vivono i loro fratelli perché Montluçon è una piccola città troppo sorvegliata dai tedeschi. Dopo aver ricevuto degli indumenti pesanti, i due ripartono.

Arrivati ad Aix-les-Bains si stabiliscono dalla famiglia Mancelier, anche se il signor Mancelier diceva esplicitamente di odiare gli ebrei; lì Joseph gestisce la libreria appartenente alla famiglia che li ospitava, mentre Maurice lavora in un hotel. Quando sui giornali compare scritto "PARIGI LIBERA", Joseph decide di tornarci prendendo un treno che trabocca di gente, mentre Maurice decide di raggiungerlo successivamente in automobile. A Parigi incontrano di nuovo tutta la famiglia, tranne il padre.

Il romanzo si conclude con l'autore (Joseph Joffo) che è cresciuto, ha 42 anni e tre figli, ricordando sempre la sua biglia e come essa chi gliel'aveva regalata, suo padre.

Adattamenti cinematografici[modifica | modifica wikitesto]

Dal romanzo sono stati realizzati due adattamenti cinematografici; Un sacchetto di biglie, diretto da Jacques Doillon nel 1975, e Un sacchetto di biglie, diretto da Christian Duguay nel 2017.

Versione a fumetti[modifica | modifica wikitesto]

  • Vincent Bailly e Kris, Un sacchetto di biglie, prefazione di Walter Veltroni, Milano, Rizzoli Lizard, 2013.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • (FR) Joseph Joffo, Un sac de billes, J.C. Lattès, 1973.
  • Joseph Joffo, Un sacchetto di biglie, traduzione di Marina Valente, Milano, Rizzoli, aprile 1976. Milano, BUR-Rizzoli, 1977-2017; Firenze, Sansoni, 1988; Collana Best BUR, Milano, Rizzoli, 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàBNF (FRcb122410972 (data)