Un giorno della vita

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un giorno della vita
Paese di produzioneItalia
Anno2011
Durata87 min
Generedrammatico
RegiaGiuseppe Papasso
SoggettoGiuseppe Papasso
SceneggiaturaGiuseppe Papasso, Mimmo Rafele
FotografiaUgo Menegatti
MontaggioValentina Romano
MusichePaolo Vivaldi
ScenografiaNunzia Decollanz
Interpreti e personaggi

Un giorno della vita è un film del 2011 diretto da Giuseppe Papasso, prodotto dalla GFC Production e distribuito dalla Iris Film. La sceneggiatura è stata scritta da Giuseppe Papasso e da Domenico Rafele[1]. Uscito nelle sale italiane il 14 gennaio 2011, ha incassato fino al 10 febbraio 2011 una somma pari ad € 31.337[2].

Il film, opera prima del regista Giuseppe Papasso, è stato girato in Basilicata tra Melfi, Barile, Forenza e Rionero in Vulture[3].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il film è ambientato nella Basilicata del 1964. Salvatore (il debuttante Matteo Basso) è un bambino di dodici anni con una grande passione per il cinema, che lo spinge a recarsi quotidianamente in bicicletta nel paese vicino insieme agli amici Caterina (Francesca D'Amico) ed Alessio (Amedeo Angelone) per assistere ai film proiettati in una saletta di terza visione. Questa passione è osteggiata da suo padre (Pascal Zullino), un contadino comunista con la figura di padre autoritario e despota, mentre la mamma del bambino (Maria Grazia Cucinotta) pur se vittima e succube del marito cerca in qualche modo di proteggere i suoi figli.

L'annuncio della vendita di un vecchio proiettore 16 mm. fa nascere in Salvatore l'idea di creare un piccolo cinema, ma il suo sogno è ostacolato dalla mancanza di denaro; così il piccolo riesce a sottrarre alle casse della locale sezione del Partito Comunista (in cui milita attivamente suo padre) la somma raccolta tra i militanti per inviare una delegazione a Roma ai funerali di Palmiro Togliatti. Il furto, che porta ad una serie di equivoci ed alla mancata presenza della sezione ai funerali di Togliatti, viene però scoperto e Salvatore finisce in riformatorio.

Completano il cast, tra gli altri, il giornalista Lombardi (Alessandro Haber), che va a trovare il piccolo chiuso in riformatorio e narra la sua storia per scriverne un articolo, ed un sacerdote di provincia (Ernesto Mahieux).

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

    • Premio Agave di Cristallo 2011: Alessandro Haber
    • Premio internazionale Cesare De Lollis 2011: Migliore regista a Giuseppe Papasso
    • Tropea Film Festival 2011: Migliore regista esordiente a Giuseppe Papasso
    • BAFF Busto Arsizio Film Festival 2011: Menzione Speciale a Alessandro Haber
    • Capua Film Festival 2011: Migliore film; migliore attore non protagonista; migliore giovane rivelazione a Giuseppe Papasso, Domenico Fortunato, Daniele Russo, Pascal Zullino
    • Festival del Cinema Mediterraneo Verso Sud 2011: Migliore film d'autore calabrese a Giuseppe Papasso
    • Premio AIC 2011: Miglior fotografia a Ugo Menegatti
    • Nomination Ciak d'oro 2011 Migliore opera prima

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda di Un giorno della vita, Comingsoon.it. URL consultato il 14-01-2011.
  2. ^ Un giorno della vita: incassi, Movieplayer.it. URL consultato il 30-08-2011.
  3. ^ Venerdì 14 gennaio la prima del film Un giorno della vita, Sassilive.it. URL consultato il 12-05-2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema