Un film comme les autres

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Un film comme les autres
Unfilmcomemlesautres.jpeg
Titolo originaleUn film comme les autres
Paese di produzioneFrancia
Anno1968
Durata120 min
Generepolitico, sperimentale
RegiaJean-Luc Godard
SoggettoJean-Luc Godard
Casa di produzioneAnouchka Films
FotografiaWilliam Lubatchansky
MontaggioChristine Aya

Un film comme les autres è un film del 1969 realizzato da Jean-Luc Godard che impiega attori non professionisti, tre studenti dell'Università di Parigi a Nanterre e due operai dello stabilimento di Flins-sur-Seine della Renault.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese hanno luogo con una macchina da 16 mm su un terreno erboso abbandonato a Flins-sur-Seine, a file luglio 1968. Il regista, influenzato dagli avvenimenti del Maggio francese durante i quali aveva lavorato ai Ciné-tracts (cine-volantini), episodi di pochi minuti l'uno dedicati alla lotta degli studenti parigini, avrebbe a breve intrapreso la strada della regia collettiva con il Gruppo Dziga Vertov (1969-1972). Un film comme les autres è il primo tentativo di sperimentare un linguaggio cinematografico nuovo che sfuggisse dalle regole industriali, e stravolgesse i principi formali e estetici di un'arte definita “borghese” in senso marxista.

Godard chiede ai suoi attori (universitari della sede di Nanterre, dove ha avuto il via la contestazione, e operai Renault che a giugno hanno occupato la fabbrica di Flins e sono stati sgomberati con violenza dalle forze dell'ordine) di discutere tra di loro per trarre degli insegnamenti dall'esperienza rivoluzionaria.[1] Le riprese sono intervallate da immagini senza sonoro girate durante le manifestazioni, le occupazioni, le assemblee, autore delle quali è spesso lo stesso regista con una 16 mm.[2]

Godard interviene da fuori campo nella discussione dei suoi attori per cercare di indirizzarli. Il risultato è un film assolutamente alieno da qualsiasi regola spettacolare: l'operatore non inquadra mai il volto di chi parla, spesso ripreso con la faccia dietro un cespuglio o di schiena, o ancora in campo lunghissimo; le voci sono sovente coperte da un commento off che cita parole di grandi rivoluzionari dal 1789 al 1968: Lenin, Marx, Che Guevara, perfino Shakespeare e il situazionista Guy Debord, con il risultato che la banda sonora risulta inaudibile.

In fase di post-produzione, il regista elabora con la montatrice Christine Aya (che in seguito entrerà nel Gruppo Dziga Vertov) un principio di decostruzione narrativa, psicologica, descrittiva e persino del significato, al fine di ottenere attraverso l'inevitabile e conseguente senso di frustrazione che gli spettatori si pongano delle domande, nella speranza di decifrare il senso delle immagini e dei suoni.[2] Di conseguenza Un film comme les autres risulta assolutamente privo di drammatizzazione e spettacolarizzazione, a differenza dei film coevi, considerati progressisti o di sinistra. Godard spinge a tal punto la decostruzione del cinema dal suo interno da annullare non solo l'emotività ma anche la sua capacità significante,[3] arrivando fino all'esaurimento della sua funzione.

Il film non ha una vera e propria distribuzione, raggiungerà solo qualche centinaio di spettatori. Gli Stati Generali del Cinema, organizzazione degli addetti ai lavori che militano nella sinistra, lo considera non conforme alla propria linea politica.[4]

Il titolo sembra quindi un'ironica allusione a un film che appare in realtà come nessun altro ostico, insopportabile al punto da spingere gli spettatori a abbandonare le proiezioni.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Intervista con Jean-Luc Godard su (FR) Un cinéaste comme les autres, in Cicéthique, nº 1, gennaio 1969.
  2. ^ a b de Baecque, 2010, p. 430.
  3. ^ Farassino, 2007, p. 113.
  4. ^ de Baecque, 2010, p. 431.
  5. ^ Farassino, 2007, pp. 113-114.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema