Un bianco vestito per Marialé

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un bianco vestito per Marialé
Un bianco vestito pеr Marialé.png
Una scena del film
Titolo originale Un bianco vestito per Marialé
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia
Anno 1972
Durata 84 min
Rapporto 2,35 : 1
Genere thriller, orrore, drammatico
Regia Romano Scavolini
Sceneggiatura Remigio Del Grosso, Giuseppe Mangione
Casa di produzione KMG Cinema
Fotografia Romano Scavolini
Montaggio Francesco Bertuccioli
Musiche Fiorenzo Carpi, Bruno Nicolai
Costumi Herta Swartz Scavolini
Trucco Carlo Sindici
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Un bianco vestito per Marialé è un film del 1972, diretto da Romano Scavolini.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La giovane e bella Marialé è tenuta segregata in casa dal marito Paolo. La coppia abita una bella villa, circondata da un grande parco. Paolo, in accordo col domestico, impone alla moglie l'assunzione di potenti psicofarmaci: in caso di rifiuto le sostanze le vengono somministrate con la forza. Un giorno Marialé riesce a manomettere il telefono, bloccato da un pesante lucchetto, e invita alla villa tre coppie di vecchi amici. Gli ospiti giungono qualche giorno dopo, e fra di loro c'è anche Massimo, l'ex fidanzato di Marialé. Paolo, all'oscuro dell'invito, è costretto a ricevere gli ospiti ma mantiene un rigoroso distacco nei confronti degli amici. Dopo una festa in maschera, un misterioso assassino inizia ad uccidere gli ospiti. Le vittime sono eliminate nelle maniere più disparate: strangolate, massacrate a colpi di martello, affogate in piscina, fatte sbranare dai cani, finite a colpi di rasoio. Il cerchio si stringe attorno a Marialé: al termine resteranno in vita solo Paolo, Massimo e la stessa Marialé. Sarà a questo punto che Paolo svelerà l'arcano: Marialé era tenuta segregata in casa e sedata in quanto pazza, ed è stata lei ad aver ucciso tutti gli ospiti.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema