Umberto Piscicelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Umberto Piscicelli (Scerni, 29 settembre 1927Roma, 22 luglio 2003) è stato un medico e scrittore italiano.

Umberto Piscicelli

Biografia e carriera[modifica | modifica wikitesto]

Laureatosi in Medicina e Chirurgia presso l'Università di Roma nel 1951, dal suo interesse per le scienze biologiche, la psicologia comparata e la psicoanalisi, sviluppò una competenza multidisciplinare in medicina psicosomatica che lo condusse all'insegnamento di questa materia in ambito ostetrico e ginecologico all'Università Cattolica di Roma e all'Università degli Studi dell'Aquila, alla direzione della Scuola di formazione dell'Ospedale ”Cristo Re“ di Roma e alla pubblicazione di numerose opere e diversi articoli.

Esperto di sessuologia e di patologia della riproduzione umana, studiò in particolare la sterilità femminile psicogena[1] e, basandosi su una psicoprofilassi ostetrica tesa sostanzialmente "a prevenire danni e dolore",[2] elaborò il metodo RAT (Respiratory Autogenous Training) per la pratica del training autogeno durante la preparazione al parto.[3][4] Derivato dai corsi e dalla ginnastica per una "nascita senza paura" proposti da Grantly Dick-Read all'inizio del Novecento, dal sistema del "parto senza dolore" di Fernand Lamaze e dalla tecnica del "training autogeno" di Johannes Heinrich Schultz, il metodo RAT di Piscicelli se ne distingue per la facilità di esecuzione e perché utilizza il respiro spontaneo (autogenous) senza formule ipnotiche, di suggestione o direttive. Messo a punto alla fine degli anni cinquanta presso il Policlinico Agostino Gemelli di Roma, il metodo RAT fu adottato nei consultori italiani fin dal 1965, anche se l'autore lo presentò ufficialmente solo nel 1977.[5]

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

(EN) Trad. inglese di Paul Foulkes: Respiratory autogenic training and obstetric psychoprophylaxis, Padova, Piccin, 1987. ISBN 88-299-0242-X.
  • Psicosomatica ginecologica, Padova, Piccin, 1979. ISBN 88-212-0008-6.
  • Introduzione alla psicosomatica, Roma, Astrolabio, 1985. ISBN 88-340-0825-1.
  • Psicosomatica del transfert. Per una visione naturale della comunicazione umana, Milano, Masson, 1988. ISBN 88-214-1831-6.
  • Sessuologia. Teoremi psicosomatici e relazionali, Padova, Piccin, 1993. ISBN 88-299-1142-9.
  • Trance e psicoterapie brevi. Procedure inconsce di terapie eterogene ed autogene, Roma, Universo, 1995.
  • La guarigione in noi, Roma, Borla, 1997. ISBN 88-263-1205-2.[6]
  • La luna si è rotta. Antropologia dello sviluppo mentale, Roma, Armando, 2000. ISBN 88-8358-059-1.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Il cambio del partner può guarire la sterilità", sul Corriere della Sera del 10 luglio 1995, p. 2 di "Corriere Salute".
  2. ^ Come lui stesso afferma in Training autogeno... cit.
  3. ^ Cfr. A. Vitale, Nascere insieme. Un percorso psicopedagogico per la preparazione delle coppie alla nascita di un figlio, A. Armando Editore, Roma, 2005, Parte II, Cap. V, p. 69 e segg.
  4. ^ "Un corso sul 'trance' per curare pazienti vittime dell'inconscio", sul Corriere della Sera del 12 marzo 1996, p. 41.
  5. ^ Romano Forleo, Giulia Pagliai, Maria Grazia Pellegrini e Patrizia Forleo, "Ieri, oggi e domani nella psicoprofilassi ostetrica, alla luce degli ultimi anni di conduzione di corsi di preparazione ed accompagnamento della coppia in gravidanza e parto", in Chiara Benedetto e Marco Massobrio (a cura di), Psicosomatica in ginecologia e ostetricia. Una medicina a misura di donna (atti del 7º congresso nazionale della Società Italiana per la Psicosomatica in Ginecologia e Ostetricia, Torino, 20-22 maggio 2004), Roma, CIC Edizioni Internazionali, 2004, pp. 81, 84 e 86-88. ISBN 88-7141-656-2 (consultabile anche sul sito della Sipgo Archiviato il 12 febbraio 2015 in Internet Archive.).
  6. ^ Segnalazione su la Repubblica del 26 gennaio 1998, p. 24.