Umberto Ortolani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Umberto Ortolani (Roma, 31 maggio 1913Roma, 17 gennaio 2002) è stato un imprenditore e banchiere italiano naturalizzato brasiliano. Viene considerato come l’eminenza finanziaria della loggia P2[1], avendo favorito lo sviluppo degli affari di Licio Gelli in Sud America e con il Vaticano, tramite l'Istituto per le opere di religione (IOR) di mons. Marcinkus.

L'11 febbraio 2020 la procura generale di Bologna lo ha indicato come uno dei 4 mandanti, organizzatori o finanziatori della strage di Bologna insieme a Licio Gelli, Mario Tedeschi e Federico Umberto D'Amato.[2]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureatosi in giurisprudenza nel dopoguerra, diventa amministratore delegato della Ducati. Introdotto dal cardinale di Bologna, Giacomo Lercaro, negli ambienti vaticani (tanto che, nel 1963 gli viene concesso il titolo di "gentiluomo di Sua Santità" da papa Paolo VI, ma che verrà poi revocato nel 1983), si costruisce sulle amicizie ecclesiastiche e sulle relazioni con il mondo della politica e dell'industria, un solido trampolino di lancio, preferendo, però, rimanere sempre nell'ombra (egli si definiva un "signor Nessuno"[1]).

È stato Presidente dell'Agenzia giornalistica Italia (che nel 1965 fu venduta all'Eni[3]); Presidente dell'Istituto nazionale per le case degli impiegati statali (INCIS); Presidente dell'Ente Terme e Presidente della Federazione della Stampa Italiana all'Estero. All'inizio degli anni settanta si rafforza il sodalizio con Licio Gelli. Sarebbe del 1974 la sua iscrizione alla loggia P2.

Stemma concesso a Umberto Ortolani con il titolo di conte da Umberto II di Savoia nel 1979, tratto dall'Annuario della Nobiltà italiana, XXXIII edizione (2015-2020)

Il 15 settembre 1979 ottenne, con Regie Lettere Patenti, da Umberto II di Savoia la concessione del titolo di conte, trasmissibile ai maschi primogeniti[4], e lo stemma descritto nei seguenti termini araldici "di rosso, al monte al naturale, fondato su una campagna di verde, alla figura di S. Michele Arcangelo. Motto: si si no no"[5].

Il suo impero finanziario è soprattutto all'estero: nel settembre del 1983, quando la Guardia di Finanza lo blocca in Brasile, amministra una banca (la "Bafisud", Banco Financiero Sudamericano), possiede una trentina di grandi aziende agricole in Uruguay, una casa editrice, tre grattacieli e migliaia di ettari coltivati in Argentina, Paraguay e Brasile. Accusato di essere stato al centro degli intrighi finanziari della loggia P2 (dal "caso Rizzoli" alla bancarotta fraudolenta per il crack Ambrosiano), Ortolani si rende latitante, inseguito da due mandati di cattura internazionali.

Viene anche accusato, ma poi sarà prosciolto, per il coinvolgimento nella strage di Bologna. Rifugiatosi a San Paolo, il Brasile si è sempre rifiutato di arrestarlo perché, dal 1978 aveva preso la cittadinanza brasiliana. Il 21 giugno 1989 Ortolani rientra in Italia. All'aeroporto di Malpensa, la Guardia di Finanza gli notifica due mandati di cattura per bancarotta fraudolenta. Viene rinchiuso nel carcere milanese di Opera ma, pagando una cauzione di 600 milioni di lire, dopo una settimana è di nuovo libero. Il 28 gennaio 1994 viene condannato a quattro anni di reclusione per concorso in bancarotta nell'ambito della gestione della Rizzoli, di cui era stato consigliere di amministrazione.

Nel 1996, nel processo a carico della loggia P2, viene assolto dall'accusa di cospirazione politica contro i poteri dello Stato. Nell'aprile 1998 la Corte di Cassazione conferma e rende definitiva la condanna a 12 anni per il crack del Banco Ambrosiano. Ortolani, che viveva a Roma, non tornò in carcere a causa delle sue cattive condizioni di salute. Il tribunale di Sorveglianza di Roma sospende, infatti, l'esecuzione della pena a causa della sua malattia. Ortolani muore a Roma il 17 gennaio 2002.

Nel febbraio del 2020 la procura generale di Bologna lo ha indicato come uno dei 4 mandanti, organizzatori o finanziatori[2] della strage di Bologna.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— Roma— 2 giugno 1957[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Morto Ortolani signor nessuno della P2, su ricerca.repubblica.it, 18 gennaio 2002.
  2. ^ a b Strage di Bologna, chiuse le indagini: "Bellini esecutore, Licio Gelli mandante, su tg24.sky.it, 11 febbraio 2020.
  3. ^ Agi, su agi.it.
  4. ^ Provvedimenti nobiliari di grazia e giustizia di Umberto di Savoia, su cnicg.net, Corpo della Nobiltà Italiana – Circolo Giovanile, 3 agosto 2012. URL consultato il 3 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 27 agosto 2012).
  5. ^ Andrea Borella, Annuario della Nobiltà Italiana, Edizione XXXI, Teglio, S.A.G.I. Casa Editrice, vol. 3, 2010, pp. 245-246.
  6. ^ [1]
  7. ^ http://arjelle.altervista.org/Tesine/AndreaC/lisbonatemplari6.htm
Predecessore Presidente Istituto nazionale per le case degli impiegati statali Successore Italy-Emblem.svg
Antonio Iannotta 31 luglio 1959 - 31 dicembre 1973 Ente soppresso

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie