Umar Arteh Ghalib

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Umar Arteh Ghalib

Primo ministro della Somalia
Durata mandato 24 gennaio 1991 –
maggio 1993
Predecessore Muhammad Hawadle Madar
Successore Carica vacante

Ministro degli affari esteri
Durata mandato 1969 –
1976
Predecessore Haji Farah Ali Omar
Successore Mohammed Siad Barre

Umar Arteh Ghalib, in somalo Cumar Carte Qaalib (1930), è un politico somalo.

Dal 1969 al 1976 ricoprì la carica di Ministro degli affari esteri nel governo guidato da Mohammed Siad Barre. In tale qualità prese parte alla Conferenza dei non allineati dell'agosto 1972; il ministro somalo stigmatizzò l'atteggiamento della Francia, accusata di vendere armi al Sudafrica, e degli Stati Uniti, importatori di risorse dalla Rhodesia[1].

Nel giugno del 1974 presiedette la Conferenza ministeriale dell'Organizzazione dell'unità africana, tenutasi a Mogadiscio[2].

Aderì successivamente al Congresso della Somalia Unita del generale Mohammed Farah Aidid, uno dei principali avversari di Barre. Dopo la caduta del regime, avvenuta nel gennaio 1991, Ghalib divenne Primo ministro, mantenendo tale carica sino al maggio 1993, quando l'inasprimento della guerra civile già in atto condusse ad un quadro di generale anarchia.

Note[modifica | modifica wikitesto]