Ulyana Lopatkina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lopatkina nel Lago dei Cigni alla Royal Opera House (2009)

Ulyana Vyacheslavovna Lopatkina (Kerch, 23 ottobre 1973) è una ballerina ucraina di danza classica, prima ballerina presso il Kirov Ballet (Balletto Mariinskij) di San Pietroburgo, nota soprattutto per le sue interpretazioni del Lago dei cigni e di Giselle.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Lopatkina è nata e ha vissuto in Ucraina fino all'età di 10 anni. I suoi genitori lavoravano sulla costa del Mar Nero nei cantieri Kerch. Completavano la sua famiglia due fratelli e sorelle. Fin da bambina era appassionata di balletto classico, ma il padre era contrario a mandarla a studiare danza a San Pietroburgo in così giovane età. La madre, invece, era consapevole del vantaggio a lungo termine che il sacrificio avrebbe fruttato, viste le attitudini e il talento della piccola Ulyana.

Studiò quindi presso l'Accademia di Ballo Vaganova con Natalia Dudinskaya. Terminati gli studi, Lopatkina si unì al Balletto Mariinskij nel 1991 e nel 1995 fu promossa prima ballerina.[1][2]

Lopatkina è sposata con Vladimir Kornev, architetto e scrittore, e ha una figlia, Masha, nata nel 2002.[3][4] Con i suoi 175 cm. è tra le più alte ballerine classiche del mondo (indossa scarpe di taglia 42).[5]

Repertorio[modifica | modifica sorgente]

Lopatkina eccelle nei ruoli classici e drammatici, ed è un perfetto esempio della scuola Kirov con grande espressione interpretativa e eccezionale purezza di linea classica, unite a una innata e istintiva musicalità.[6][7]

Il suo repertorio include: Giselle (Giselle, Myrtha), Le Corsaire (Medora), La Bayadère (Nikia), La bella addormentata (Lilac Fairy), Il lago dei cigni (Odette-Odile), Lo Schiaccianoci (Clara-Fata Confetto), Raymonda (Raymonda, Clemans), Shéhérazade (Zobeide), The Fountain of Bakhchisarai (Russo: Бахчисарайский фонтан) (Zarema), The Legend of Love (Mekhmeneh Bahnu), Leningrad Symphony (La ragazza), Pas de quatreìì (Маria Taglioni), Piano Concerto No. 2 (Balletto Imperiale), Sinfonia in C (2° Movimento), La Valse, Jewels (Diamonds).[1][2]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

  • International Vaganova-prix Competition (San Pietroburgo 1991).
  • Golden Sofit (1995)
  • Maschera d'Oro (1997)
  • Prix Benois de la Danse (1997)
  • The Baltika prize (1997)
  • the Evening Standard (1998)
  • State Prize of Russia (1999)
  • Artista onororario della Russia (2000)
  • Premio Baltika (2001)
  • People's Artist della Russia (2006)[1][2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Ulyana Lopatkina - Short Bio at the Mariinsky Theatre site
  2. ^ a b c L. Dyukova, M. Haegeman, Ulyana Lopatkina at www.ballet.classical.ru
  3. ^ Natasha Dissanayake, Interview with Ulyana Lopatkina, Ballet Magazine, giugno/luglio 2005.
  4. ^ Edward Cowley, Interview with Uliana Lopatkina, The Sunday Times, 17 luglio 2005.
  5. ^ Jenny Gilbert, HOW DO I LOOK? The Kirov's Uliana Lopatkina on her transformation, The (London) Independent, 23 giugno 2001.
  6. ^ Geraldine Bedell,[1], The Guardian, 16 agosto 2009.
  7. ^ Sarah Crompton, [2], The Daily Telegraph, 10 agosto 2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 69251636