Uluburun

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 36°07′43″N 29°41′09″E / 36.128611°N 29.685833°E36.128611; 29.685833

Modello in legno

Il relitto di Uluburun è un relitto dell'età del bronzo databile alla fine del XIV secolo a.C.,[1] scoperto al largo di Uluburun, a circa 10 km a sud-est di Kaş, in Turchia sud-occidentale.[2] Il relitto fu visto la prima volta nell'estate del 1982 da Mehmed Çakir, un cercatore di spugne locale originario di Yalikavak, un villaggio nei pressi di Bodrum.

Undici campagne di recupero, lunga ognuna dai tre ai quattro mesi, si susseguirono sul posto dal 1984 al 1994, per un totale di 22 413 immersioni, riuscendo a portare alla luce uno dei più spettacolari reperti dell'età del bronzo emersi dal mar Mediterraneo.[2]

Scoperta[modifica | modifica sorgente]

Il relitto fu scoperto nell'estate del 1982 perché Mehmet Çakir riportò a galla dei "biscotti metallici con le orecchie" riconosciuti poi come particolari lingotti dell'età del bronzo. I cercatori di spugne turchi venivano spesso contattati dall'Institute of Nautical Archaeology (INA) per poter identificare antichi relitti mentre erano al lavoro.[3] I ritrovamenti di Çakir allertarono Oğuz Alpözen, direttore del museo di Bodrum di Archeologia Subacquea, tanto da inviare una squadra di esplorazione per localizzare il relitto. La squadra riuscì a recuperare numerosi lingotti di rame a soli 50 metri dalla costa di Uluburun.[4]

Rotta apparente[modifica | modifica sorgente]

Grazie alle prove raccolte, si può ipotizzare che la nave fosse salpata da Cipro o da un porto in Siria o Palestina. La nave di Uluburun era senza dubbio diretta alla parte occidentale di Cipro, ma la sua ultima destinazione può essere determinata solo dagli oggetti presenti a bordo al momento del naufragio.[5] È stato quindi ipotizzato che fosse diretta a Rodi, al tempo un importante centro di smistamento per l'Egeo.[6]

Datazione[modifica | modifica sorgente]

Peter Kuniholm della Cornell University fu incaricato della datazione dendrocronologica in modo da ottenere una datazione assoluta per la nave. I risultati hanno datato il legno al 1305 a.C., ma non essendo sopravvissuto nessun pezzo di legno è impossibile determinare con sicurezza l'esatta data, e si può ipotizzare che la nave si sia insabbiata attorno a quella data.[7] Basandosi sulle ceramiche ritrovate, sembra che la Uluburun affondò verso la fine del periodo Amarna, e non prima del tempo di Nefertiti, visto che a bordo è stato trovato uno scarabeo in oro col suo nome.[8] Sintetizzando, si ritiene che la nave sia affondata alla fine del XIV secolo a.C.

Gli oggetti a bordo della nave provengono da Europa ed Africa settentrionale, dalla Sicilia alla Mesopotamia, e sono stati creati da circa nove o dieci diverse culture.[6] La presenza di questo carico indica che l'Egeo della tarda età del bronzo era impegnato in commerci internazionali anche col Vicino Oriente.[9]

Il vascello[modifica | modifica sorgente]

Replica in dimensioni reali presso il museo di Bodrum di Archeologia Subacquea

I resti dell'Uluburun ed il contenuto del suo carico indicano che la nave era lunga tra i 15 ed i 16 metri. Si sa che è stata costruita col metodo del "prima lo scafo" con giunti in simili a quelli greco-romani dei secoli successivi.[10]

Anche se lo scafo è stato dettagliatamente esaminato, purtroppo non ci sono reperti del suo telaio. La chiglia appare rudimentale, forse più una piattaforma che una vera e propria chiglia. La dendrocronologia ha permesso di capire che la nave fu costruita con tavole e chiglia in legno di cedro del libano e quercia.[11] Il cedro del Libano è un albero indigeno delle montagne del Libano, della Turchia meridionale e della parte centrale di Cipro.[12] La nave aveva 24 ancore, di tipo quasi completamente sconosciuto nell'Egeo, ma spesso trovate in mare o nei templi siro-palestinesi e di Cipro. Rami secchi e sterpaglie servivano per proteggere lo scafo dal contatto con i metalli trasportati.[8]

Scavi[modifica | modifica sorgente]

L'Institute of Nautical Archaeology (INA) iniziò gli scavi nel luglio del 1984, sotto la direzione prima del suo fondatore George F. Bass e poi del vicepresidente Cemal Pulak dal 1985 al 1994.[13] Il relitto si trovava tra i 44 ed i 52 metri di profondità su un piano roccioso in pendenza pieno di banchi di sabbia.[14] Metà del personale che aiutò negli scavi era accampato nella parte sud-orientale del promontorio che fu probabilmente colpito dalla nave, mentre gli altri vivevano a bordo del Virazon, la nave di ricerca dell'INA in quel periodo. La mappatura del sito fu fatta tramite triangolazione con metri flessibili e quadrati di metallo per facilitare l'orientamento degli operai.[15] Quando gli scavi furono completati nel settembre 1994, tutti gli sforzi si concentrarono sulla conservazione del relitto, sullo studio, e sulla raccolta di campioni per le analisi nel laboratorio dell'Istituto d'archeologia marina in Turchia.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Pulak, 2005, p. 34
  2. ^ a b Pulak, 1998, p. 188
  3. ^ (Bass, 1986 p.269)
  4. ^ (Bass, 1986)
  5. ^ Pulak, 1988, p. 36
  6. ^ a b Pulak, 2005, p. 47
  7. ^ Pulak, 1998, p. 214
  8. ^ a b Pulak, 2005, p. 46
  9. ^ Pulak, 1998, p. 220
  10. ^ (Pulak, 1998 p.210).
  11. ^ (Pulak, 1998 p. 213)
  12. ^ (Pulak, 2005 p.43)
  13. ^ (Pulak, 2005 p. 35)
  14. ^ (Pulak, 1998 p.189)
  15. ^ (Bass, 1986 p.272)

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Pulak, Cemal. Discovering a Royal Ship from the Age of King Tut: Uluburun, Turkey. In "Beneath the Seven Seas", George F. Bass, 34-47. New York, Thames & Hudson Inc., 2005.
  • Pulak, Cemal. The Bronze Age Shipwreck at Ulu Burun, Turkey: 1985 Campaign. American Journal of Archaeology, Vol.92, No.1 (gen., 1988):1-37.
  • Pulak, Cemal. The Uluburun Shipwreck: an Overview. "The International Journal of Nautical Archaeology", 27.3 (1998): 188-224.
  • Bass, George F. A Bronze Age Shipwreck at Ulu Burun (Kas): 1984 Campaign. "American Journal of Archaeology", Vol. 90, No. 3 (lug., 1986): 269-296.
  • Bass, George F. et al. The Bronze Age Shipwreck at Ulu Burun: 1986 Campaign. "American Journal of Archaeology", Vol. 93, No.1 (gen., 1989): 1-29.
  • Mumford, Gregory D. Mediterranean Area. The Oxford Encyclopedia of Ancient Egypt. Ed. Donald B. Redford. Oxford University Press, Inc. 2001, 2005.
  • Nicholson, Paul T., Caroline M. Jackson, Katherine M. Trott. The Ulu Burun Glass Ingots, Cylindrical Vessels and Egyptian Glass. Journal of Egyptian Archaeology, Vol.83 (1997): 143-153.
  • Payton, Robert. The Ulu Burun Writing-Board Set. Anatolian Studies, Vol.41 (1991): 99-106.
  • Ward, Cheryl. Pomegranates in Eastern Mediterranean Contexts during the Late Bronze Age. World Archaeology, Vol.34, No.3 (Feb., 2003): 529-541.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

archeologia Portale Archeologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di archeologia