Ultima legge di Shermer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

L'ultima legge di Shermer è un principio teorico proposto nel 2002 da Michael Shermer. Si tratta di un corollario alla terza legge di Clarke («Qualunque tecnologia sufficientemente avanzata è indistinguibile dalla magia»), che viene portata alle estreme conseguenze nell'ambito della riflessione su forme di vita extraterrestre molto avanzate tecnologicamente:

(EN)

«Any sufficiently advanced ETI [extraterrestrial intelligence] is indistinguishable from God.»

(IT)

«Qualunque intelligenza extraterrestre sufficientemente avanzata è indistinguibile da Dio

I caratteri tipicamente associati con la divinità sono l'onniscienza e l'onnipotenza. Shermer sostiene che, dal nostro punto di vista umano, è impossibile distinguere un dio che possieda questi caratteri in senso assoluto (ovvero che sia letteralmente onnisciente e onnipotente) da un'entità che li possegga solo apparentemente (ovvero che sia solo estremamente più sapiente e più potente di noi).[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Michael Shermer, Shermer's Last Law, su michaelshermer, gennaio 2002. URL consultato il 6 aprile 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]