Ultima V

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ultima V: Warriors of Destiny
Sviluppo Richard Garriott
Pubblicazione Origin Systems
Data di pubblicazione 16 settembre 1988
Genere Videogioco di ruolo
Modalità di gioco Singolo giocatore
Piattaforma Amiga, Apple II, Atari ST, Commodore 64, Commodore 128, MS-DOS, MSX, NES
Supporto Floppy disk
Periferiche di input tastiera

Ultima V: Warriors of Destiny, uscito nel 1988 è la quinta parte della serie di giochi di ruolo Ultima.

Trama[modifica | modifica sorgente]

All'inizio di Warriors of Destiny, il giocatore viene informato che Lord British è scomparso durante una spedizione nel sottomondo, e il trono di Britannia è stato usurpato da un tiranno che risponde al nome di Lord Blackthorn, mentre tre figure d'ombra, conosciuti come Shadowlords terrorizzano il reame. Blackthorn instaura una visione distorta e fondamentalista delle otto virtù, che porta risultati tutto fuorché virtuosi. (per esempio, i cittadini sono obbligati a fare l'elemosina, pena l'esecuzione capitale). L'Avatar è evocato nuovamente a Britannia dai suoi amici; insieme formeranno i "Guerrieri del Destino" al fine di eliminare gli Shadowlords, rovesciare Lord Blackthorn, e restaurare il regno di Lord British.
Si può facilmente arguire che il gioco vuole condannare il fondamentalismo e la teocrazia.

Il Gioco[modifica | modifica sorgente]

Warriors of Destiny contiene dei dialoghi molto più curati (i giochi precedenti furono distribuiti con non pochi errori ortografici), un dettaglio visivo considerevolmente migliorato, ed un sistema di misura del tempo in cui il sole sorgeva e tramontava, modificando anche il comportamento dei personaggi non giocanti. Questo gioco è stato lodato come una immagine realistica di una cultura che vive sotto un regime dittatoriale; i suoi toni sono molto più cupi del precedente Ultima IV.

Questo gioco fu l'ultimo Ultima sviluppato per Apple II; i limiti di quel sistema erano eccessivi rispetto all'avanzata tecnologica di quegli anni, i successivi giochi della serie verranno tutti distribuiti su sistemi di tipo IBM compatibile. Fu anche l'ultimo gioco nel quale il creatore Richard Garriott ebbe un ruolo importante nella stesura del codice; nei successivi giochi ebbe soltanto il ruolo di game designer.

Personaggi[modifica | modifica sorgente]

Gli Shadowlords[modifica | modifica sorgente]

Nel gioco ci sono tre shadowlords: Nosfentor lo Shadowlord della Codardia, Astaroth lo Shadowlord dell'Odio, e Faulinei lo Shadowlord della Falsità. Ognuno di questi personaggi rappresenta l'antitesi di uno dei tre Principi di Verità, Amore e Coraggio.

Alfabeto runico[modifica | modifica sorgente]

Ultima V usa una forma modificata dell'alfabeto runico chiamato Fuþark antico per alcuni testi in gioco, aggiungendo alcune lettere per ottenere una corrispondenza biunivoca con l'alfabeto inglese (più alcune rune per rappresentare unioni comuni di due lettere).

La versione NES[modifica | modifica sorgente]

Come le precedenti due parti della serie, Ultima V fu anche prodotto per NES da FCI e Pony Canyon. Questa versione però, non fu di livello buono come le precedenti: parti introduttive tagliate, grafica e giocabilità limitate (l'esempio più eclatante è il terreno della palude rappresentato da campi magici di veleno) e musiche ridotte non lo fanno di certo un gioiello per gli appassionati.

La versione Commodore 64 di Ultima V difettava sulle tracce musicali, ma per il resto era la stessa versione del Commodore 128.

Ports, mods, ecc.[modifica | modifica sorgente]

Recentemente dei fans hanno creato una versione tridimensionale di Ultima V utilizzando il motore di gioco di Dungeon Siege. Questa versione prende il nome di Ultima V: Lazarus.

Nel 2006 è stato creato un motore CRPG realizzato da fan per creare giochi in stile Ultima, ispirato da Ultima V, di nome Nazghul.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi