Ulisse Barbieri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Ulisse Barbieri (Mantova, 8 febbraio 1842San Benedetto Po, 22 dicembre 1899) è stato un drammaturgo, scrittore e patriota italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Paolo, professore di botanica, e di Carolina Binder, fu arrestato ancora sedicenne nel 1858 dalla polizia austriaca[1]. Quattro anni di carcere, trascorsi tra Mantova, Peschiera del Garda, Milano e Venezia lo tennero lontano da studi regolari. Nonostante la condizione di recluso si fece una vasta cultura fatta di intense letture, seppure frammentarie e disordinate. Nel 1863, scarcerato, ritornò nella città natale ancora sotto dominazione austriaca. Nel 1866 partecipò alla III guerra d'indipendenza[1] aggregato ai Cacciatori delle Alpi passando da Como, Brescia, Desenzano, Salò fino ad essere ferito sulle montagne trentine intorno al lago d'Idro. Rientrato a Mantova cominciò un'intensa attività letteraria fatta di romanzi, drammi, commedie, libretti d'opera e poesie. Nel 1867 si trasferì a San Benedetto Po dove oltre che alimentare la sua multiforme e incessante creatività, intraprese un impegno politico all'interno del nascente movimento socialista. Scrisse su giornali socialisti e anarchici e infine tra 1887 e 1888 diresse a Genova il settimanale socialista Combattiamo![1] . Ulisse Barbieri giunse a emigrare in Brasile anche per sfuggire processi di natura politica. Dal Brasile nel 1894 scrisse alla rivista teatrale L'arte drammatica, che così riportò la sua corrispondenza: "Ulisse Barbieri ci scrive che a S. Pier d'Arena i suoi drammi brasiliani recitati dalla Compagnia Micheletti-Pezzaglia fecero furore: fanatizzò la piccola e già tanto brava Paola Pezzaglia". Nel 1895 rientrò definitivamente a San Benedetto Po morendovi il 22 dicembre 1899.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Fonte: Dizionario Biografico degli Italiani, riferimenti in Bibliografia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN88997390 · ISNI (EN0000 0003 5519 3914 · SBN IT\ICCU\LO1V\050618 · LCCN (ENnb2015008025 · GND (DE116052074 · BAV ADV10242427