Ugo Intini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ugo Intini
Ugo Intini 2007.jpg

Viceministro degli affari esteri
Durata mandato 17 maggio 2006 –
8 maggio 2008
Vice di Massimo D'Alema
Presidente Romano Prodi
Predecessore Carica creata
Successore Marta Dassù
Staffan de Mistura

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature IX, X, XI, XIV
Gruppo
parlamentare
PSI, Misto, SDI
Coalizione L'Ulivo (XIV)
Circoscrizione Liguria
Collegio XIV: Genova-Sestri
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico PSI (1983-1994)
MLS (1994-1996)
PS (1996-1998)
SDI (1998-2007)
PSI (dal 2007)
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Professione Giornalista; Politico

Ugo Intini (Milano, 30 giugno 1941) è un politico e giornalista italiano, esponente storico del Partito Socialista Italiano, poi dirigente nazionale dei Socialisti Democratici Italiani, confluiti nel rinato Partito Socialista Italiano del 2007.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ugo Intini nel 1992

Laureato in giurisprudenza, giornalista direttore dell'Avanti! e de Il Lavoro di Genova, è stato uno stretto collaboratore di Bettino Craxi in quanto membro della segreteria, responsabile per l'informazione, portavoce del Partito Socialista Italiano e suo rappresentante nell'Internazionale Socialista, capolista in Liguria dopo il futuro presidente della repubblica Sandro Pertini ed è stato deputato dal 1983 al 1994. Dopo lo scoppio dell'inchiesta Mani Pulite continuò a militare nel PSI.

Nel 1994 organizza la "Federazione dei Socialisti" (ridenominata poi "Movimento Liberal Socialista"), che nel 1996 fonda, assieme al Partito Socialista Riformista di Fabrizio Cicchitto ed Enrico Manca, il Partito Socialista del quale sarà segretario.

In seguito partecipa alla fondazione dei Socialisti Democratici Italiani insieme ad Enrico Boselli nel 1998, dove viene rieletto deputato alla Camera alle elezioni politiche del 2001 nel collegio di Genova-Sampierdarena-Cornigliano-Sestri Ponente.

Nel 2005, è tra i promotori del nuovo progetto radical-socialista: è capolista in tutti i collegi del Senato per la Rosa nel Pugno nelle elezioni politiche del 2006, insieme a Marco Pannella, mentre Enrico Boselli ed Emma Bonino lo sono alla Camera.

Ha fatto parte del governo come sottosegretario agli Esteri dal 2000 al 2001 e come viceministro agli Affari Esteri del governo Prodi II dal 2006 al 2008. Ha poi aderito al rinato Partito Socialista Italiano nel 2007.

Imitazioni[modifica | modifica wikitesto]

Ugo Intini è stato oggetto della satira del comico Corrado Guzzanti in Avanzi nel periodo di Tangentopoli e Mani Pulite[1][2], Tunnel e Mai dire gol.[3][4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Repubblica, 26 febbraio 1993, pag., 43 Ugo Intini al Festival?
  2. ^ Non può crollare il sistema, 1993.
  3. ^ Il ritorno, 1994
  4. ^ Craxi è ovunque

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN22178498 · ISNI (EN0000 0000 6305 0604 · SBN CFIV003958 · LCCN (ENn80066711 · BNF (FRcb121470395 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n80066711