Ugo Amaldi (fisico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Ugo Amaldi (Roma, 26 agosto 1934) è un fisico e accademico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio del fisico Edoardo e della scrittrice Ginestra Giovene, e nipote abiatico del matematico Ugo Amaldi, a 19 anni partecipa al film di Luciano Emmer Terza liceo.

Nel 1957 si laurea in Fisica presso la Sapienza-Università di Roma, specializzandosi nel campo degli acceleratori di particelle.

Dal 1960 al 1999 è tra gli scienziati del CERN e dal 1982 al 1991 lavora e insegna presso l'Università Statale di Milano. Si trasferisce poi all'Università degli Studi di Firenze, per tornare infine a Milano, ma all'Università degli Studi di Milano-Bicocca, fino al 2006[1].

Fra il 1982 e il 1995 dirige una collaborazione internazionale di oltre 400 scienziati che progetta e realizza l'esperimento DELPHI all'acceleratore LEP del CERN.

Si deve in buona parte alla sua tenace attività la costruzione del Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica (CNAO) a Pavia, inaugurato il 15 febbraio 2010, primo centro destinato a tale innovativo tipo di terapia, in grado di trattare 3000 pazienti all'anno.

Ugo Amaldi è stato insignito del Premio Internazionale Medaglia d'Oro al merito della Cultura Cattolica del 2012. In quell'occasione ha affermato: “la scienza non ha nulla da insegnare alla fede. Però gli scienziati credenti e quelli che si pongono la domanda sulla fede sentono la necessità di integrare in maniera coerente la fede e la visione scientifica del mondo”.[2]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore Ordine al Merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore Ordine al Merito della Repubblica italiana
«Su proposta della Presidenza del Consiglio dei Ministri»
— Roma, 2 giugno 2008[3]

Saggi divulgativi[modifica | modifica wikitesto]

Sempre più veloci, 2012, Zanichelli

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN94887020 · ISNI (EN0000 0001 0927 0793 · SBN IT\ICCU\SBLV\081863 · LCCN (ENn86836646 · GND (DE17195923X · BNF (FRcb14060588k (data) · NLA (EN36560278