Uesugi Kagekatsu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Uesugi Kagekatsu

Uesugi Kagekatsu[2] (上杉 景勝?; 8 gennaio 155619 aprile 1623) è stato un samurai e daimyō giapponese durante i periodi Sengoku ed Edo[1].

Lettera di Uesugi Kenshin a Uesugi Kagekatsu.

Primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Kagekatsu era figlio di Nagao Masakage, capo del clan Ueda e zio della sorella maggiore di Uesugi Kenshin, Aya-Gozen. Quando suo padre morì fu adottato da Kenshin.

Daimyō[modifica | modifica wikitesto]

Alla morte di Kenshin nel 1578 Kagekatsu combatté con l'altro figlio adottivo di Kenshin, Uesugi Kagetora, per la successione, sconfiggendolo nel 1578 nell'assedio di Ōtate. Obbligò Kagetora a commettere seppuku, e divenne il capo del clan Uesugi. Kagekatsu sposò una sorella di Takeda Katsuyori e figlia di Takeda Shingen dopo l'assedio di Ōtate.

Come generale agli ordini di Toyotomi Hideyoshi Kagekatsu prese parte all'assedio di Odawara e alle campagne di Corea, diventando uno dei daimyō più importanti del Giappone. Per questo fu nominato nel consiglio dei cinque reggenti. Originariamente in possesso di un feudo da 550.000 koku nella provincia di Echigo, Kagekatsu ricevette il feudo di Aizu, che valeva 1,2 milioni di koku, quando Hideyoshi ridistribuì le sue terre. Dopo la morte di Hideyoshi, in quell'anno, Kagekatsu si alleò con Ishida Mitsunari contro Tokugawa Ieyasu per diverse dispute politiche.

La campagna di Sekigahara iniziò con Kagekatsu il quale fu il primo daimyō a pianificare una rivolta contro i Tokugawa. Costruì un nuovo castello ad Aizu, attirando l'attenzione di Ieyasu, che lo convocò ad Osaka per spiegazioni. Kagekatsu rifiutò così i Tokugawa pianificarono di guidare un'armata di 50.000 uomini a nord contro di lui. Gli Uesugi dovevano tenere occupato Tokugawa Ieyasu a combattere nel nord distraendoli mentre Ishida Mitsunari attaccava da Osaka. Venuto a conoscenza del piano, Ieyasu si concentrò su Osaka per affrontare Mitsunari mentre due tra i suoi più fedeli e forti alleati, i generali Mogami Yoshiaki e Date Masamune, avrebbero combattuto nel nord nella regione di Tōhoku contro gli Uesugi. Kagekatsu intendeva muovere le sue forze a sud, attaccando i Tokugawa da nord-est mentre Ishida attaccava da ovest, ma fu sconfitto molto presto nello scontro a nord, nell'assedio del suo castello di Shiroishi.

Dichiarando successivamente la sua fedeltà ai Tokugawa dopo esser stato sconfitto, Kagekatsu divenne un tozama, ossia un daimyō non alleato ai Tokugawa a Sekigahara; gli fu assegnato il dominio di Yonezawa, che aveva una rendita di 300.000 koku, nella regione di Tōhoku. Kagekatsu combatté più tardi per lo shogunato Tokugawa contro il clan Toyotomi nell'assedio di Osaka.

Kagekatsu morì a Yonezawa nel 1623 e fu succeduto da suo figlio Uesugi Sadakatsu.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Turnbull, Stephen R. (2013). Samurai Armies 1467–1649, p. 191.
  2. ^ Per i biografati giapponesi nati prima del Periodo Meiji si usano le convenzioni classiche dell'onomastica giapponese, secondo cui il cognome precede il nome. "Uesugi" è il cognome.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN31951252 · ISNI (EN0000 0000 5294 8937 · LCCN (ENnr2005000441