Udon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il personaggio della serie anime e manga Naruto, vedi Ninja del Villaggio della Foglia#Udon.
Udon
Udon by udono-2.jpg
Origini
Luogo d'origineGiappone Giappone
Dettagli
Categoriaprimo piatto
Ingredienti principali
 
Tempura udon

L'Udon (饂飩, generalmente scritto うどん) è una varietà di pasta preparata con farina di grano tenero tipica della cucina giapponese[1][2].

Serviti solitamente come tagliolini in brodo, possono essere cucinati in diverse maniere, utilizzando vari tipi di brodo ed accompagnandoli con diversi tipi di contorni aggiunti alla minestra.[3]

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Per quanto riguarda la data di introduzione di tale pietanza in Giappone non vi è una data condivisa, bensì vi sono date diverse,[4] mentre storicamente il maggiore consumo di tale cibo si registra nel periodo Edo (1603-1868).

La più antica descrizione della loro preparazione la si ritrova nel libro di ricette Ryori monogatari (料理物語, storie di cucina), del 1643 e in quel periodo era molto diffusa nella zona intorno Osaka e Kyoto.[5]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Composto da farina di frumento, sale e acqua, la sua consistenza è morbida ed elastica, ed è facile la sua preparazione al pari del soba.[6]

Tipi di Udon[modifica | modifica wikitesto]

Udon caldi[modifica | modifica wikitesto]

Kake Udon
  • Kake udon (掛けうどん? o かけうどん?), contengono pesce o salsa di soia (ma anche entrambe). Vi sono molti contorni con cui viene servita[7]
  • Kitsune udon: ricetta originaria del Kansai, con aggiunta di aburaage (tofu fritto ripiegato). Il nome proviene dalla credenza per cui l'aburaage sia il cibo preferito delle kitsune e di Inari.
  • Tempura udon
  • Tanuki udon (così chiamato nella regione del Kanto) o haikara udon (nel Kansai): udon con aggiunta di tenkasu (pastella del tempura fritta da sola a fiocchetti).
  • Tsukimi udon ("udon guarda-luna"): con aggiunta di un uovo crudo che viene poi cotto dal calore del brodo.
  • Wakame udon
  • Karē udon
  • Chikara udon
  • Stamina (sutamina) udon: "Stamina udon".
  • Nabeyaki udon
  • Kamaage udon
  • Udon-suki
  • Yaki udon
  • Misonikomi
  • Houtou udon

Udon freddi[modifica | modifica wikitesto]

Bukkake udon
  • Zaru udon
  • Bukkake udon (ぶっかけうどん?), si tratta di una pietanza facile da preparare, servita sia calda sia fredda; si utilizzano vari ingredienti e poi viene condita con sugo[8]

Essi possono includere:

Varianti[modifica | modifica wikitesto]

Esistono diverse varianti sia per forma che per spessore.

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Zaru udon

La Prefettura di Kagawa ha investito molto nella promozione di tale cibo. Particolarmente famosa è una raccolta di 5 libri intitolati Osorubeki Sanuki Udon (恐るべきさぬきうどん?), il cui primo volume venne pubblicato da Kazutoshi Tao, e che con il tempo è diventata una guida per appassionati.[9]

Nel 1984 venne fondata la Sanuki Udon Kenkyūkai (さぬきうどん研究会?);[10] si tratta di una società in cui molti membri hanno dei rapporti molto stretti con la varie aziende produttrici di Udon, ma vi sono anche molti docenti universitari.

Ogni anno, il 2 luglio, sempre nella Prefettura di Kagawa si festeggia il giorno dell'Udon.

Il 2006 è uscito il film Udon, regia di Katsuyuki Motohiro, basato su una storia vera, che narra della crescita improvvisa della richiesta del prodotto e il ricavo economico che ne conseguì.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Christopher Kilham, The Whole Food Bible: How to Select & Prepare Safe, Healthful Foods, Inner Traditions / Bear & Co, 1996, p. 180, ISBN 0-89281-626-0.
  2. ^ Aveline Kushi, Alex Jack, Guida Completa Alla Cucina Macrobiotica, Edizioni Mediterranee, 1993, p. 112, ISBN 88-272-0271-4.
  3. ^ (EN) Udon Noodles, su japan-guide.com. URL consultato il 24 aprile 2014.
  4. ^ Hiroko Shimbo: The Japanese kitchen: 250 recipes in a traditional spirit, Harvard Common Press, 2001, ISBN 978-1-55832-177-9. pp. 156–157
  5. ^ Matsunosuke Nishiyama, Gerald Groemer: Edo culture: daily life and diversions in urban Japan, 1600-1868, University of Hawaii Press, 1997. ISBN 978-0-8248-1850-0. pag. 222
  6. ^ Shizuo Tsuji, M.F.K. Fisher, Japanese Cooking: A Simple Art. Cookery, Food and Drink Series, 25ª edizione, Kodansha International, 2007, p. 306, ISBN 978-4-7700-3049-8.
  7. ^ Robb Satterwhite: Soba and Udon (Buckwheat and Thick White Noodles). In: What's what in Japanese restaurants: a guide to ordering, eating, and enjoying, Kodansha International, 1996, ISBN 978-4-7700-2086-4. pp. 71–77.
  8. ^ (EN) The Udon Odyssey, su apref.kagawa.jp. URL consultato il 24 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 2 marzo 2012).
  9. ^ (EN) 'Sanuki udon' is slurping its way into Japanese hearts, su The Japan Times Online. URL consultato il 24 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 18 luglio 2012).
  10. ^ (EN) The Sanuki Udon Society, su apref.kagawa.jp. URL consultato il 24 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 2 marzo 2012).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]