UVB-76

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
UVB-76
Lingua russo
Frequenze 4625 e 6998 kHz
Data di lancio 1973
Editore non identificato
Canali gemellati The Pip, The Squeaky wheel
Una breve registrazione di una trasmissione di UVB-76 ascoltata nel sud della Finlandia nel 2002, 860 km lontano dal sito di trasmissione.
Mappa del territorio dove è collocata la vecchia base della stazione
UVB-76 vista all'analizzatore di spettro

UVB-76, conosciuta anche come "The Buzzer", è il soprannome dato da radioamatori e ascoltatori di onde corte a una misteriosa stazione radio.

La stazione abitualmente trasmette un breve e monotono ronzio (Ascolta[?·info]), ripetuto 25 volte al minuto, senza sosta.[1] Nella storia della stazione, in alcune saltuarie occasioni, il suono si interrompe lasciando il posto a messaggi vocali cifrati in russo.[2] La prima trasmissione sembra essere stata nel 1973.[3][4]

Nome e caratteristiche della stazione[modifica | modifica wikitesto]

La stazione è soprannominata dai radioascoltatori di tutto il mondo "The Buzzer", mentre quelli russi sono soliti chiamarla "жужжалка" (žužžalka), "il brusio".[5] Il nome ufficiale della stazione è sconosciuto, sebbene alcuni messaggi vocali trasmessi abbiano fatto intuire un possibile callsign. Fino a settembre 2010 la stazione si autoidentificava come UVB-76 (cirillico: УВБ-76), anche se è possibile che l'identificativo corretto fosse UZB-76 (cirillico: УЗБ-76) e che la Ze (З) fosse in realtà stata male interpretata come una Ve (В). Da settembre 2010 il sito di trasmissione è stato spostato e il callsign da quel momento utilizzato all'interno dei messaggi vocali è stato MDZhB (cirillico: МДЖБ). Dalla fine del 2015 il nuovo callsign utilizzato è ZhUOS (cirillico: ЖУОЗ), pronunciato "Zhenya, Ulyana, Olga, Zinaida".

La trasmissione è in AM e in modulazione a banda laterale singola con soppressione della banda inferiore (USB) (o anche quella inferiore) sulle frequenze 4.625 kHz e dal 2015 anche a 6.998 kHz.[1]

Il suono trasmesso consiste in un ronzio simile a quello di un sonar, dalla durata di 1,2 secondi, con pause di 1 - 1,3 secondi circa, ripetuto dalle 21 alle 34 volte al minuto.[1][6] Fino a novembre 2010 ogni ronzio aveva una durata minore, di circa 0,8 secondi.[7]

Messaggi vocali[modifica | modifica wikitesto]

In alcune rare occasioni, il ronzio si interrompe e cede il posto a brevi messaggi vocali. Questi messaggi sono trasmessi in russo, seguono uno schema pressoché sempre uguale e comprendono solitamente sequenze di numeri e nomi propri di persone.[1][6][7][8][9] [10] [11]

Ecco alcuni esempi di messaggi vocali:

« Ya UVB-76, Ya UVB-76. 180 08 BROMAL 74 27 99 14. Boris, Roman, Olga, Mikhail, Anna, Larisa. 7 4 2 7 9 9 1 4 »
(Alle 21:00 UTC del 24 dicembre del 1997)
« UVB-76, UVB-76. 62 691 IZAFET 36 93 82 70 »
(Alle 04:18 UTC del 9 dicembre del 2002)
« UVB-76, UVB-76. 75-59-75-59. 39-52-53-58. 5-5-2-5. Konstantin-1-9-0-9-0-8-9-8-Tatiana-Oksana-Anna-Elena-Pavel-Schuka. Konstantin 8-4. 9-7-5-5-9-Tatiana. Anna Larisa Uliyana-9-4-1-4-3-4-8 »
(Alle 07:57 UTC del 21 febbraio del 2006)

Il 5 giugno del 2010, UVB-76 interruppe le trasmissioni e si ebbero circa 24 ore di silenzio, ricominciando con il ronzio durante la mattina del 6 giugno. Alle 13:35 UTC del 23 agosto 2010 venne trasmesso un messaggio:

« UVB-76, UVB-76. 93 882 NAIMINA 74 14 35 74. 9 3 8 8 2 Nikolai, Anna, Ivan, Mikhail, Ivan, Nikolai, Anna. 7 4 1 4 3 5 7 4" »
(La registrazione della trasmissione del 23 agosto 2010[12][13][14])

Due giorni dopo, il 25 agosto alle ore 07:13 UTC, il suono si interruppe nuovamente e si udirono alcuni rumori di sottofondo, come se vi fosse un microfono lasciato inavvertitamente acceso. Lo stesso giorno il ronzio ripartì, accompagnato questa volta da voci in sottofondo. Un altro messaggio vocale venne trasmesso:

« Mikhail Dmitri Zhenya Boris. Mikhail Dmitri Zhenya Boris. 04 979 D-R-E-N-D-O-U-T. T-R-E-N-E-R-S-K-I-Y »
(alle 16:48 UTC del 7 settembre)

Il 17 ottobre 2016 il Buzzer emette almeno 18 messaggi diversi in meno di 24 ore.[15]

Trasmissioni insolite[modifica | modifica wikitesto]

Frequentemente, sono stati ascoltati suoni di sottofondo al ronzio, facendo quindi presumere che i ronzii non siano emessi direttamente da una trasmittente, ma siano trasmessi da un dispositivo posto vicino ad un microfono costantemente acceso. È anche possibile che in passato il microfono in questione sia stato acceso involontariamente.[16] In una di queste occasioni, precisamente il 3 novembre 2001, furono udite delle frasi in russo:[6]

(RU)

« Я — 143. Не получаю генератор. Идёт такая работа от аппаратной. »

(IT)

« Io sono 143. Non si riceve il generatore (oscillatore). Quella roba viene dalla stanza hardware. »

Alle 22:25 UTC del 1º settembre 2010, il ronzio venne sostituito da un celebre pezzo di musica classica della durata di 38 secondi estratto da Il lago dei cigni del compositore russo Tchaikovsky. Quattro giorni dopo, il 5 settembre, alle ore 12:30 UTC, una voce femminile iniziò a contare in sequenza da 1 a 9 in russo; dopo poco più di un'ora, alle 13:39 UTC, venne trasmesso un altro messaggio vocale.

Il 17 luglio 2015, la stazione trasmetteva quello che sembrava essere un segnale di tipo radioteletype (RTTY) al posto del segnale acustico.[17][18]

Luogo e scopo della stazione[modifica | modifica wikitesto]

Lo scopo della stazione non è mai stato ufficialmente rivelato. Tuttavia, l'ex Ministro delle Comunicazioni e dell'Informatica della Repubblica della Lituania, Rimantas Pleikys, ha scritto che lo scopo dei messaggi vocali è quello di confermare che gli operatori delle stazioni di ricezione sono allertati.[7][19][20] Altre spiegazioni sono che la trasmissione viene costantemente ascoltata da commissariati militari.[21]

C'è una speculazione pubblicata nella rivista Russian Journal of Earth Sciences che descrive un osservatorio che misura i cambiamenti nella ionosfera trasmettendo un segnale a 4.625 kHz, uguale al Buzzer.[22]

È stato anche ipotizzato che i messaggi vocali sono una sorta di comunicazioni militari russe, e che il ronzio sia solo un "marcatore" utilizzato per mantenere la frequenza sempre occupata, rendendola così poco "attraente" per altri potenziali utenti e in modo da poter prontamente trasmettere in caso di bisogno. Il suono della firma potrebbe essere utilizzato per sintonizzare il segnale su un vecchio ricevitore analogico.[1]

Un'altra teoria, descritta in un articolo della BBC, afferma che la torre emette un segnale "Dead Hand" che innesca una reazione di ritorsione nucleare se la Russia è stata colpita da un attacco nucleare.[23]

Ci sono altre due stazioni russe che seguono un formato simile, soprannominate The Pip e The Squeaky wheel. Come il Buzzer, queste stazioni trasmettono un suono di firma che viene ripetuto costantemente, ma viene temporaneamente interrotto per trasmettere i messaggi vocali codificati. Come The Buzzer, queste stazioni trasmettono un suono continuo (nel caso di The Pip si tratta di un cicalino, nel caso di The Squeaky wheel di un suono simile al cigolio di una ruota), interrotto occasionalmente da trasmissioni vocali cifrate.[1]

Il trasmettitore originale era situato vicino a Povarovo, in Russia, a 56°05′00″N 37°06′37″E / 56.083333°N 37.110278°E56.083333; 37.110278, che si trova a metà strada tra Zelenograd e Solnečnogorsk e 10 chilometri a nordovest di Mosca, vicino al villaggio di Lozhki.[1][24] La posizione e il nominativo erano sconosciuti fino alla prima nota trasmissione vocale del 1997.[25] Nel settembre 2010 il trasmettitore della stazione è stato trasferito nei pressi del villaggio di Kerro Massiv, nell'Oblast' di Leningrado, non lontano dalla città di San Pietroburgo. Il trasferimento potrebbe essere dovuto ad una riorganizzazione delle forze armate russe. Le coordinate di questa stazione sono 60°18′40.1″N 30°16′40.5″E / 60.311139°N 30.277917°E60.311139; 30.277917 ed essa fa parte del 60th Communication Hub. Oltre a questa stazione sembrerebbe esistere un secondo sito di trasmissione, situato nella città di Naro-Fominsk, 70 km a sud ovest di Mosca, alle coordinate 55°25′35″N 36°42′33″E / 55.426389°N 36.709167°E55.426389; 36.709167. Non si hanno molte informazioni su questa seconda stazione, se non che fa parte del 69th Communication Hub.[2][26]

Nel 2011 un gruppo di esploratori urbani esplorò gli edifici abbandonati a Povarovo.[27][28] Essi affermano che si tratta di una base militare abbandonata. È stato rilevato un segnale radio che conferma il funzionamento di un trasmettitore a 4.625 kHz.[27][29]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g (EN) The Buzzer, numbers-stations.com, ottobre 2014. URL consultato il 1º ottobre 2014.
  2. ^ a b (EN) Peter Savodnik, Inside the Russian Short Wave Radio Enigma, in Wired, 27 settembre 2011. URL consultato il 7 ottobre 2011.
  3. ^ (EN) Morse Stations, su Seventy-fifth edition of the N&O column / Spooks newsletter, 2 agosto 2004. URL consultato il 27 agosto 2010.
  4. ^ (EN) Ary Boender, Numbers & oddities: Column 1, su World Utility News, 1995.
  5. ^ (EN) Zaria Gorvett, The ghostly radio station that no one claims to run, bbc.com. URL consultato il 4 agosto 2017.
  6. ^ a b c (EN) Ary Boender, Oddities, su ENIGMA 2000 Newsletter – Issue 8, gennaio 2002. URL consultato il 6 maggio 2009.
  7. ^ a b c (EN) Russian HF Beacons, su Thirty-second edition of the N&O column / Spooks newsletter, 24 dicembre 2000. URL consultato il 26 agosto 2010.
  8. ^ (EN) Russia, "The Buzzer" (UVB-76) – Google Sightseeing, Googlesightseeing.com, 21 luglio 2009. URL consultato il 9 ottobre 2012.
  9. ^ (ES) "El misterio de las emisiones de radio secretas", ABC, 26 agosto 2010 (English)
  10. ^ (RU) Jan Michalski, ru:Радиостанция "УЗБ-76", geocities.com. URL consultato il 29 agosto 2008 (archiviato dall'url originale il 14 aprile 2003).
  11. ^ (EN) Single Letter Markers, su Posts from the SPOOKS and WUN listservers, 2000. URL consultato il 29 agosto 2008 (archiviato dall'url originale il 25 novembre 2007).
  12. ^ (EN) 23 agosto 2010 9:35AM PST Voice transmission confirmed, youtube.com.
  13. ^ (EN) "UVB-76 wakes up, 4chan message warns of World War, New World Order", From The Old, 25 agosto 2010
  14. ^ (EN) Cutlack, Gary, "Mysterious Russian ‘Numbers Station’ Changes Broadcast After 20 Years", Gizmodo Australia, 25 agosto 2010
  15. ^ https://twitter.com/priyom_org/status/788136814246785028
  16. ^ (CS) "Mysteriózní rádio už 30 let vysílá záhadný signál a teď i tajnou šifru", Technet.cz, 27 agosto 2010 (English)
  17. ^ (EN) The Buzzer has changed sound?, reddit.
  18. ^ (EN) UVB-76 (The Buzzer) appears to be sending out a RTTY-like signal right now. Anyone care to decode it?, reddit.
  19. ^ (EN) Single letter markers – posts from the SPOOKS and WUN listservers, dxworld.com, 2000. URL consultato il 29 agosto 2008 (archiviato dall'url originale il 25 novembre 2007).
  20. ^ (EN) Rimantas Pleikys, Jamming, Vilnius Lithuania, Rimantas Pleikys, 1998.
  21. ^ (RU) Военная "Жужжалка" на частоте 4625 кГц. "Buzzer" UVB-76. – Страница 4, Radioscanner.ru. URL consultato il 9 ottobre 2012.
  22. ^ (EN) Information-measuring complex and database of mid-latitude Borok Geophysical Observatory, elpub.wdcb.ru, 2008. URL consultato il 10 febbraio 2012.
  23. ^ (EN) Zaria Gorvett, The ghostly radio station that no one claims to run, bbc.com. URL consultato il 4 agosto 2017.
  24. ^ (EN) Duncan Geere, Mysterious Russian 'Buzzer' radio broadcast changes, su WIRED.CO.UK, agosto 2010. URL consultato il 12 settembre 2010.
  25. ^ (ES) El misterioso zumbido de la estación de radio UVB-76, in El Reservado, 24 gennaio 2011. URL consultato il 31 gennaio 2011.
  26. ^ (EN) UVB-76 Locations, uvb-76.net. URL consultato il 5 ottobre 2017.
  27. ^ a b (EN) Jonathan O'Callaghan, Can YOU solve the mystery of UVB-76?, Daily Mail, 31 dicembre 2014. URL consultato il 3 luglio 2016.
  28. ^ (RU) wasd, kwasd's blog " Небольшой фотоотчет с УВБ-76 ("The Buzzer", "Жужжалка"), Blog.kwasd.ru. URL consultato il 9 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 10 settembre 2012).
  29. ^ (EN) www.numbers-stations.com/media/sample-uvb76-logbook.pdf (PDF), numbers-stations.com, 22 settembre 2014. URL consultato il 3 luglio 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Radio Portale Radio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di radio