Tyler Brûlé

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tyler Brûlé

Tyler Brûlé (1968) è un giornalista ed editore canadese, ritenuto un importante trendsetter per le sue riviste di stili di vita e design[1][2].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Brûlé inizia la sua carriera come giornalista nel 1989 per la BBC. Inviato come reporter in Afghanistan[3], il fuoristrada su cui viaggia viene attaccato nei pressi di Kabul, e Brûlé viene ferito, perdendo quasi l'uso della mano sinistra[4].

Nel 1994 decide di diventare editore, e lancia la rivista Wallpaper*. Nel 1997 vende la rivista a Time Inc. per 1,63 milioni di dollari[4]. Nel 1998 fonda l'agenzia Winkreative, con la quale si occupa dell'immagine di Swissair[3]. Nel 2004 riceve il Lifetime Achievement Award da parte della British Society of Magazine Editors[4].

Nel 2007 lancia la rivista Monocle[4], e nel frattempo continua a scrivere articoli per il Financial Times e The New York Times[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Quest'estate vado al minimo, La Stampa, 19 luglio 2008. URL consultato il 06-07-2010.
  2. ^ E’ in edicola il primo numero di Case da Abitare progettato da Tyler Brûlé, Corriere della Sera, 16 aprile 2008. URL consultato il 06-07-2010.
  3. ^ a b A. Paudice, Dove va lo stile? Lui lo sa, la Repubblica, x marzo 2003. URL consultato il 06-07-2010.
  4. ^ a b c d (EN) Tim Adams, Tyler Brûlé, Media Maverick, Businessweek, 1° febbraio 2010. URL consultato il 06-07-2010.
Controllo di autorità VIAF: (EN146496528 · LCCN: (ENno2008103824 · ULAN: (EN500271325