Twin Galaxies

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Twin Galaxies è una organizzazione statunitense fondata nel 1981 che raccoglie e cataloga i record di punteggio registrati nei videogiochi. Il database compilato dall'associazione include giochi distribuiti su diverse piattaforme incluse arcade e flipper.

I record raccolti vengono pubblicati nell'opera Twin Galaxies' Official Video Game & Pinball Book of World Records. L'organizzazione ha collaborato negli anni con il Guinness dei primati per la certificazione di alcuni record. Oltre a Guinness World Records 2008 - Videogiochi edito da Arnoldo Mondadori[1], Guinness World Records ha distribuito negli anni 2010 altri volumi dedicati all'argomento esclusivamente in lingua inglese sotto il titolo di Guinness World Records Gamer's Edition.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel novembre 1981 Walter Day apre una sala giochi denominata Twin Galaxies ad Ottumwa, nello Stato dell'Iowa. Per promuovere gli arcade Day inizia a raccogliere i record di centinaia di giochi in un elenco denominato Twin Galaxies National Scoreboard.[2] All'inizio degli anni 1980 i record vengono ripresi da alcune riviste di videogiochi statunitensi ed internazionali (inclusa l'italiana Videogiochi) oltre che dalla stampa generalista (in particolare da USA Today e Life).[3][4]

Dal 1983 al 1987 Twin Galaxies organizza negli Stati Uniti un torneo di videogiochi denominato Video Game Masters Tournament.[5] I risultati vengono pubblicati come record nel Guinness Book of Records l'anno successivo alla competizione, ad eccezione del 1988, anno in cui si interrompe la collaborazione.[6][7]

Nel 1998 Walter Day pubblica il primo volume dell'Official Video Game & Pinball Book of World Records dedicato ai record effettuati sui flipper e sui videogiochi arcade. Le edizioni successive includono anche i record registrati mediante l'uso di emulatori.

Nel 2010 Day abbandona l'associazione.[8] Dopo la sua uscita da Twin Galaxies, l'associazione inizia a richiedere denaro per la registrazione dei record.[9] Negli anni successivi il sito si trova al centro di numerose transazioni e finisce addirittura offline.[10][11][12] Alla fine viene acquisito da Jace Hall che modifica nuovamente il processo di sottomissione dei record.[13]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Il processo di registrazione del record ufficiale del videogioco Donkey Kong, raccontato nel documentario The King of Kong: A Fistful of Quarters di Seth Gordon, è stato criticato da alcune fonti.[14][15][16]

Jun Kitamura (noto con lo pseudonimo di QtQ) sostiene inoltre che Twin Galaxies abbia considerato solamente i record conseguiti in America, ignorando le riviste giapponesi che dagli anni 1980 pubblicavano i punteggi migliori. Di tali record, che venivano riferiti dai gestori di sale giochi nipponiche, non esistono documentazioni fotografiche.[17]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Guinness World Records 2008 - Videogiochi, Arnoldo Mondadori, ISBN 978-8804578086.
  2. ^ (EN) Twin Galaxies, in Guinness World Records Gamer's Edition 2016, Guinness World Records, 2015, p. 188, ISBN 9781910561102.
  3. ^ (EN) LIFE magazine, January 1983: Video Game V.I.P.S, classicarcadegaming.com.
  4. ^ (EN) Player profiles, su Chasing Ghosts.
  5. ^ (EN) Twin Galaxies / APA contest listings, classicarcadegaming.com.
  6. ^ (EN) 1987 Video Game Masters Tournament: the lost results, classicarcadegaming.com.
  7. ^ (EN) Peter Svensson, Guinness to Release Book of Game Records, su Sydney Morning Herald, 7 febbraio 2008.
  8. ^ (EN) Tom Bramwell, Walter Day leaves Twin Galaxies, su Eurogamer.net.
  9. ^ (EN) Twin Galaxies starts charging for score submissions, bit-tech.net, 22 aprile 2013.
  10. ^ (EN) Jon Martindale, The real story behind Twin Galaxies, kitguru.net, 14 marzo 2014.
  11. ^ (EN) Twin Galaxies Sold to New Ownership?, donkeykongblog.blogspot.com, 4 ottobre 2012.
  12. ^ (EN) Chris Utterback, Twin Galaxies lost in space: What's happened to gaming's record-keeping company?, su Westword, 10 marzo 2014.
  13. ^ (EN) Twin Galaxies Returns With New Owner Jace Hall, donkeykongblog.blogspot.com, 29 marzo 2014.
  14. ^ (EN) Donkey Controversy, zota.org, 7 febbraio 2008.
  15. ^ (EN) Jason Brown, DONKEY TIMELINE Tracking the History of a High Score, su Superbunker.
  16. ^ (EN) The Donkey Kong World Record: The Real History, From 1982 to Today, donkeykongblog.blogspot.com.
  17. ^ (EN) John Szczepaniak, Interview with QtQ (aka: Jun Kitamura), in The Untold History of Japanese Game Developers, 4 agosto 2014, ISBN 978-0992926021.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]