Twilight Sparkle

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
(EN)

«Friendship isn't always easy. But there's no doubt it's worth fighting for.»

(IT)

«Anche se non è sempre così facile stare insieme, l'amicizia è qualcosa per cui vale la pena lottare.»

(Twilight Sparkle a Discord[1])
Twilight Sparkle
Princess twilight sparkle.png
Twilight Sparkle e il suo assistente Spike
UniversoMy Little Pony - L'amicizia è magica
AutoreLauren Faust
Voci orig.
Voce italianaEmanuela Pacotto (voce e canto)
Specieunicorn pony (fino a 3x13)
alicorno (a partire da 3x13)
SessoFemmina
Luogo di nascitaCanterlot

Princess Twilight Sparkle è la protagonista della serie animata My Little Pony - L'amicizia è magica, doppiata in italiano da Emanuela Pacotto e da Tara Strong nell'edizione originale. Pony unicorno originaria di Canterlot, Twilight iniziò a studiare la magia sotto la guida di Princess Celestia in qualità di sua più fidata allieva; i suoi studi sulla «magia dell'amicizia» sono culminati nella sua trasformazione in alicorno (unicorno alato) al termine della terza stagione, unitamente alla sua ascesa al rango di principessa. Ella rappresenta l'elemento della magia, e detiene il titolo di principessa dell'amicizia. A partire dall'ottava stagione, è inoltre la fondatrice e preside della Scuola di amicizia di Ponyville.

Il personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Lo sviluppo del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Nelle fasi iniziali della progettazione di Twilight Sparkle, Lauren Faust propose una bozza dell'unicorno con dettagli e colori molto simili al pony Twilight della prima generazione di Vola mio mini pony, mentre in seguito modificò i capelli e la coda avvicinandosi di più al pony di terza generazione Twilight Twinkle[2]. La versione finale di Twilight Sparkle, pur presentando caratteristiche comuni a entrambi i pony menzionati, possiede tratti originali che la differenziano da entrambi.

Il suo cutie mark rappresenta una grande stella rosa a sei punte circondata da cinque piccole stelle bianche.

Carattere[modifica | modifica wikitesto]

Inizialmente, Twilight Sparkle ha un carattere solitario e dedito allo studio; fiancheggiata soltanto dal proprio assistente e amico Spike, un cucciolo di drago viola, evita deliberatamente il contatto con gli altri pony, arrivando ad affermare che "il destino di Equestria non dipende dai suoi rapporti con gli altri"[3]. Dopo il suo arrivo a Ponyville, Twilight inizia ad aprirsi con altri pony, stringendo una forte amicizia con le altre cinque protagoniste della serie e diventando estroversa e amichevole, pur continuando a essere caratterizzata da una grande passione per i libri e un forte senso del dovere; ciò si riflette in un costante impegno nello studio, nella totale fedeltà verso la propria tutrice e maestra Princess Celestia e nell'aiuto che è sempre pronta ad offrire ai suoi amici.

Questa sua indole si traduce anche nell'ottica razionale e metodica con cui affronta le situazioni, spesso strutturando una "tabella di marcia" per organizzare i propri impegni giornalieri; questa sua qualità rappresenta tanto un pregio - ad esempio quando impiegata per coordinare le manovre necessarie alla "Chiusura dell'inverno"[4] - quanto un difetto, poiché Twilight arriva occasionalmente ad agitarsi più del necessario qualora le cose non vadano nel modo aspettato[5][6].

Twilight è un tipo decisamente umile, a cui non piace vantarsi: quando Trixie, un unicorno altezzoso che ama sbandierare i propri poteri magici e definirsi "grande e formidabile", si reca a Ponyville per dare spettacolo, Twilight preferisce ritirarsi di fronte a una sfida lanciatale da questa, piuttosto che rischiare di essere malvista dalle proprie amiche per aver messo in mostra le proprie doti[7]. Persino dopo la sua proclamazione a principessa, preferisce mantenere un basso profilo, e chiede alle proprie amiche di evitare di riferirsi a lei con il suo titolo reale[8].

Abilità[modifica | modifica wikitesto]

Benché tutti gli unicorn ponies siano in grado di adoperare la magia[7], le doti magiche di Twilight sono di gran lunga superiori alla media, avendo ella studiato e praticato la magia fin da piccola sotto la protezione di Princess Celestia: il suo cutie mark testimonia in effetti che la magia è il suo talento innato[7]. Iscritta dai genitori alla Scuola di Princess Celestia per Unicorni Dotati, perde il controllo della propria magia durante l'esame di ammissione, rivelando un enorme potere latente; Celestia decide allora di prendere Twilight come sua allieva e insegnarle a sfruttare appieno il suo "talento davvero speciale"[9].

I suoi poteri comprendono, tra le altre cose, le capacità di far levitare o animare oggetti[3] e animali[10], teletrasportare se stessa e altri[11], ammaliare un oggetto per renderlo irresistibile[6], trasformare oggetti (ad esempio, rocce in vestiti[12], o una mela in una carrozza[13]) e creature (ad esempio, topi in cavalli[13]), far crescere ali di rugiada che permettono di volare[14], imitare un incantesimo di altri unicorn ponies[15], riparare una diga crepata[16], permettere ai pony di camminare sulle nuvole pur non essendo pegasi[14], intagliare oggetti e invertire la direzione dell'accelerazione di gravità agente su di sé e su altri[17]. In un'occasione, dimostra di poter usare una forma di magia oscura, che definisce «un trucchetto insegnatole da Celestia»[17].

Spike asserisce in un'occasione che la magia di Twilight è migliorata molto da quando si sono stabiliti a Ponyville[10].

Twilight non padroneggia alla perfezione tutti gli incantesimi, sicché talvolta questi finiscono fuori controllo o sortiscono effetti indesiderati; ad esempio, un incantesimo lanciato contro uno sciame di voraci paraspiritelli per impedire loro di divorare tutto il cibo in Ponyville fa sì che questi si mettano invece a sbranare tutto ciò che non è cibo[18]. Ad ogni modo, Twilight dimostra grandi doti di apprendimento nei confronti della magia, essendo in grado di lanciare incantesimi nuovi appena dopo averli letti su un libro o una pergamena[19][20].

Alla fine della terza stagione, Celestia informa Twilight che i suoi studi sull'amicizia hanno portato frutti, tanto da permetterle di sviluppare un incantesimo che nemmeno il grande incantatore del passato, Starswirl il Barbuto, era riuscito a completare; in questa occasione, Celestia afferma che Twilight è «pronta» per «compiere il [suo] destino», e tramite un incantesimo la trasforma in un alicorno. Inoltre, le rivela dinanzi alle stupefatte amiche che da quel momento avrebbe assunto lo status di principessa, avendone dimostrato le doti ed essendo «di ispirazione per tutte [loro]»[21].

Alla fine della quarta stagione, Celestia, Luna e Cadance cedono momentaneamente la propria magia a Twilight per evitare che Lord Tirek se ne impossessi; durante questo periodo, la magia di Twilight cresce a tal punto da renderle difficile controllarla[22].

Equestria Girls[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: My Little Pony - Equestria Girls (film) ed Equestria Girls - Rainbow Rocks.

Nello spin-off My Little Pony - Equestria Girls, Princess Twilight Sparkle attraversa un portale per raggiungere un mondo parallelo abitato da esseri umani, e assume ella stessa sembianze umane (perdendo contestualmente le proprie abilità magiche). La sua missione, recuperare la corona che incorpora l'Elemento della magia, la porta a frequentare per qualche giorno la scuola superiore Canterlot High, dove fa la conoscenza di cinque amiche che assomigliano e portano gli stessi nomi delle sue amiche di Ponyville. In questa circostanza, l'amicizia nata tra le ragazze attiva il potere dell'Elemento della magia, che conferisce loro alcuni tratti delle loro controparti pony e permette loro di sconfiggere Sunset Shimmer, che si era impossessata della corona rubandola a Twilight.

Di ritorno a Equestria, Twilight afferma che l'esperienza l'ha aiutata a prendere fiducia nelle proprie doti da leader, e che si sente più disposta ad assumersi le responsabilità legate al suo ruolo di principessa[23].

Twilight fa ritorno al mondo parallelo qualche tempo dopo per far fronte alla minaccia delle sirene Adagio Dazzle, Aria Blaze e Sonata Dusk, che riesce a sventare grazie all'aiuto delle cinque amiche umane e dell'ormai redenta Sunset Shimmer[24].

Twilight umana[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Equestria Girls - Friendship Games ed Equestria Girls - Legend of Everfree.

A partire da Equestria Girls - Friendship Games viene introdotta la versione umana di Twilight. Più timida della sua controparte pony, porta i capelli raccolti in un chignon, un fermaglio raffigurante il suo cutie mark, e gli occhiali. Molto studiosa e portata per le scienze, come la sua versione pony, non ha però ancora scoperto la magia dell'amicizia. In Friendship Games frequenta la Crystal Prep Academy, dove non ha amici all'infuori del suo cagnolino Spike e della signorina Cadance. Viene costretta tramite un ricatto a partecipare ai "Giochi dell'amicizia" presso la Canterlot High, dove incontrerà Sunset Shimmer e le sue amiche. Dopo essere stata corrotta dalla magia che ha involontariamente rubato, si trasforma in un demone (chiamato Midnight Sparkle in Legend of Everfree) dalla pelle viola scuro, gli occhi azzurri e viola, le ali nere e un corno e occhiali azzurri lucenti, ma viene salvata e fatta rinsavire dalla forma angelica di Sunset ("Daydream Shimmer"[25]); per questo motivo, Sunset diventerà in seguito la sua prima e più fidata amica. Le due Twilight, pony e umana, si incontrano in una scena prima dei titoli di coda[26].

In Legend of Everfree Twilight ottiene, come le sue amiche, poteri magici derivati da una pietra magica viola, e più specificamente la telecinesi. All'inizio crede che questi poteri derivino dall'influenza di Midnight Sparkle, ipotesi che la terrorizza al punto da nascondere le sue nuove capacità a tutti i costi, ma alla fine, grazie all'aiuto delle sue amiche, riesce a vincere la sua parte malvagia e a trasformarsi in pony per la prima volta[27].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il ritorno dell'armonia - parte 2, Stagione 2 - Episodio 2.
  2. ^ My Little Pony Friendship is Magic Wiki.
  3. ^ a b I Preparativi per la Festa del Sole d'Estate, Stagione 1 - Episodio 1 (prima parte).
  4. ^ Basta Organizzarsi!, Stagione 1 - Episodio 11 (parte seconda).
  5. ^ Alla Ricerca di una Spiegazione Scientifica, Stagione 1 - Episodio 15 (parte seconda).
  6. ^ a b Lezione numero zero, Stagione 2 - Episodio 3.
  7. ^ a b c Una Cialtrona in Città, Stagione 1 - Episodio 6 (parte prima).
  8. ^ Princess Twilight Sparkle - Part 1 (EN) , Stagione 4 - Episodio 1.
  9. ^ Legami Speciali, Stagione 1 - Episodio 23 (seconda parte).
  10. ^ a b Duello magico, Stagione 3 - Episodio 5.
  11. ^ La ricerca del drago, Stagione 2 - Episodio 21.
  12. ^ L'Intuito di Pinkie, Stagione 1 - Episodio 15 (parte prima).
  13. ^ a b Il Gran Galà Galoppante, Stagione 1 - Episodio 26 (parte prima).
  14. ^ a b Preparazione Atletica, Stagione 1 - Episodio 16 (parte prima).
  15. ^ Che Caratterino!, Stagione 1 - Episodio 19 (parte seconda).
  16. ^ Una misteriosa rivale, Stagione 2 - Episodio 8.
  17. ^ a b L'impero di cristallo - parte 2, Stagione 3 - Episodio 2.
  18. ^ Amichetti... Invasivi!, Stagione 1 - Episodio 10 (seconda parte).
  19. ^ Era ora, Stagione 2 - Episodio 20.
  20. ^ Troppe Pinkie Pie, Stagione 3 - Episodio 3.
  21. ^ L'ingrediente magico: l'amicizia, Stagione 3 - Episodio 13.
  22. ^ Twilight's Kingdom - Part 2 (EN) , Stagione 4 - Episodio 26.
  23. ^ My Little Pony - Equestria Girls, 2013.
  24. ^ My Little Pony - Equestria Girls - Rainbow Rocks, 2014.
  25. ^ Katrina Hadley, Conferma del nome della forma angelica di Sunset Shimmer, su Twitter, 26 settembre 2015. URL consultato il 25 maggio 2017.
  26. ^ My Little Pony - Equestria Girls - Friendship Games, 2015.
  27. ^ My Little Pony - Equestria Girls - Legend of Everfree, 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Animazione Portale Animazione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di animazione