Turismo nel Tamil Nadu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sede dell'ente governativo per il turismo del Namil Nadu, a Chennai.

Il turismo nel Tamil Nadu è una delle principali fonti di reddito della regione, vantando la seconda più grande industria del turismo dell'intera India, con un tasso di crescita annuo del 16%[1]. Nel 2012 il Tamil Nadu occupava il secondo posto (dopo il vicino Andhra Pradesh) in termini di arrivi di turisti, sia nazionali che stranieri[2]; meta turistica per tutto il corso dell'anno, nel 2010 è stato visitato da 3 milioni di stranieri e 11 milioni di indiani[3].

Il Tamil Nadu è uno degli stati federati dell'India, situato nella parte sud-orientale della penisola indiana; è una delle quattro nazioni d'origine dravidica del paese, con più i 4 mila anni di storia e cultura. Il Tamil Nadu ha anche alcune tra le più notevoli opere d'architettura dell'India, oltre ad una tradizione vivente d musica, danza e belle arti. Il paese è famoso ed apprezzato per i grandi templi delle sue città e per gl'innumerevoli siti di rilevanza storico-archeologica; ma anche per le stazioni collinari, le cascate, i parchi nazionali, la cucina locale e per la fauna selvatica e bellezza paesaggistica.

Città turistiche principali[modifica | modifica wikitesto]

Veduta di Chennai.

Chennai[modifica | modifica wikitesto]

Chennai, precedentemente conosciuta come Madras, è la capitale dello stato e la quarta più grande metropoli dell'India. La città è conosciuta per le sue spiagge, l'architettura anglo-indiana, i festival culturali, oltre ad essere la più grande destinazione per lo shopping[4]. Considerata come la porta dell'India meridionale, è ben collegata a tutte le altre regioni del subcontinente sia per snodi ferroviari, che stradali ed aerei.

Ospitando uno dei più grandi complessi ospedalieri dell'intero continente asiatico, ha recentemente stimolato un forte afflusso di turismo medico[5].

Veduta di Coimbatore

Coimbatore[modifica | modifica wikitesto]

Coimbatore è la seconda più grande città del Tamil Nadu, dopo la capitale Chennai. Viene spesso definita come la Manchester dell'India del Sud a causa della sua crescente importanza commerciale; situata nell'estremo occidente del paese, ai confini col Kerala, è ben collegata da strade, ferrovie ed aerei con le principali città indiane.

Uno degli ingressi al gopuram di Sri Meenakshi a Madurai.

Madurai[modifica | modifica wikitesto]

Madurai è la terza città più grande del Tamil Nadu, nonché la più antica, abitata ininterrottamente per più di 2 mila anni. Vi si trovano alcuni tra i più importanti templi dell'India, è sede culturale e centro turistico di alto livello: durante il regno dell'imperatore Pandiayn è stata la capitale del regno Pandya.

A tutt'oggi Madurai continua ad essere punto di ritrovo culturale dello stato ed una delle principali destinazioni turistiche peri visitatori stranieri: dista 450km da Chennai, ha un'importante ferrovia e un aeroporto situato a 12km dal centro cittadino.

Madurai è molto conosciuta anche per i suoi complessi templari, costruiti soprattutto dai re Pandyan e Nayak, tra i quali no dei più famosi è certamente quello dedicato a Meenakshi Devi, risalente a quasi due millenni fa[6]: la maggior parte della vita cittadina e dei suoi abitanti ruota ancor oggi interamente attorno al grande tempio induista, uno dei maggiori per dimensioni e perimetro, ed è visitato annualmente da decine di migliaia di turisti.

Il Mariamman Theppakulam è un enorme serbatoio costruito nel 1636 nella parte orientale della città; al suo fianco sorge un tempio dedicato a Parvati nei cui intorni ogni anno tra gennaio e febbraio si svolge un festival che celebra il matrimonio della Dea.

Madurai si trova ance vicino al tempio di Thirupparamkunram dedicato a Murugan-Karttykeya e a quello di Pazhamudircholai situata 16km a nord del centro cittadino; queste sono due delle sei principali dimore della divinità.

La città ospita inoltre la grande moschea Kazimar, che si crede esser stata costruita da un discendente diretto del profeta Maometto e che si afferma esser il più antico monumento islamico dell'India meridionale; l'altra è la moschea Goripalayam la quale ospita le tombe di due dei sovrani del sultanato di Delhi.

Veduta di Salem.

Salem[modifica | modifica wikitesto]

Salem è un'importante città della regione con numerose località d'interesse turistico, tra cui la grande diga Mettur, i templi di Kailasanathar e Kottai Mariamman (quest'ultimo sede d'un famoso festival), il lago Poolavari. Salem è la quarta città per ampiezza del Tamil Nadu, è sede d'un'importante snodo ferroviario e collegamenti stradali.

Una strada di Erode.

Erode[modifica | modifica wikitesto]

Erode è la sede amministrativa del distretto omonimo; situata sulle rive del fiume Kaveri è stata governata, lungo il corso della sua storia, da diverse dinastie (tra cui i Pandya e i Chola), ma ha fatto parte anche dell'Impero di Vijayanagara.

Si trova al centro della penisola meridionale, circa 400km a sudovest dalla capitale Chennai e all'incirca ad 80km ad est di Coimbatore; i prodotti dell'industria tessile, del petrolio e della curcuma contribuiscono soprattutto all'economia cittadina, impiegando in queste attività la maggioranza degli abitanti.

Essendo capitale distrettuale ospita anche gli uffici amministrativi e i principali istituti scolastici superiori ed universitari pubblici; l'aeroporto più vicino è quello di Coimbatore.

Piazza del mercato a Vellore.

Vellore[modifica | modifica wikitesto]

Vellore è città capoluogo amministrativo dell'omonimo distretto; si trova a 140km ad ovest della capitale del Tamil Nadu. Situata sulle rive del fiume Palar, è stata governata nel corso del tempo da diverse dinastie e regni meridionali del subcontinente indiano (i Pallava, i Chola, l'impero Vijayanagara, i Rashtrakuta).

Ospita la storica fortezza risalente al XVI secolo, un museo governativo ed un parco scientifico, oltre a svariati luoghi di culto religioso sia induista (il Tempio di Jalakanteshwara all'interno del forte ed il tempio d'oro Sripuram) che islamico (con una grande moschea), la chiesa cristiana di St. Johns, l'ampio giardino zoologico Amirthi e la vasta stazione ferroviaria, tutti luoghi d'attrattiva turistica ubicati negli immediati dintorni cittadini[7][8].

Thoothukudi[modifica | modifica wikitesto]

Thoothukudi (o Tuticorin) è una cittadina commerciale situata in riva al mare nella punta Sud del Tamil Nadu; possiede ampi tratti di spiagge assolate e sabbiose ideali come meta turistica. Ha un capolinea ferroviario e un aeroporto nazionale con voli regolari per Chennai. Nelle sue immediate vicinanze si trovano diversi luoghi di significato storico-religioso.

Tempio shivaita di Nellaiapar a Tirunelveli.

Tirunelveli[modifica | modifica wikitesto]

Tirunelveli è un antico centro urbano sede di molti templi e santuari, tra cui il grande tempio Nellaiappar dedicato al dio Shiva. Si trova sul lato occidentale del fiume Thamirabani, mentre sul lato orientale si trova la sua città gemella Palayamkottai. Dotata di un importante nodo ferroviario, si trova a 700km a sudovest di Chennai.

Luoghi patrimonio mondiale dell'UNESCO[modifica | modifica wikitesto]

Templi di Chola[modifica | modifica wikitesto]

I templi di Chola sono stati costruiti dal re RajaChola e da suo figlio Rajendra

Gruppi di monumenti a Mahabalipuram[modifica | modifica wikitesto]

La ferrovia Nilgiri Mountain[modifica | modifica wikitesto]

Altre città-tempio del Tamil Nadu[modifica | modifica wikitesto]

La strada che porta al tempio di Nataraja a Chidambaram.

Chidambaram[modifica | modifica wikitesto]

Chidambaram è la città in cui ha trovato la sua sede il dio Shiva come danzatore cosmico di somma beatitudine (Nataraja): il tempio ad egli dedicato è stato costruito nel IX secolo ed il suo santuario interno ha la forma insolita di una capanna con tetto dorato e quattro gopuras a forma di torre che lo circondano.

Molti dei sovrani dell'antica dinastia dei Chola sono stati incoronati qui in presenza della divinità. Ad una trentina di km dalla città, nel villaggio di Melakadambur si trova invece un gran tempio scultoreo la cui architettura lo fa assomigliare ad un carro.

Tiruchirapalli[modifica | modifica wikitesto]

Tiruchirappalli è un importante centro educativo, sede delle rovine rocciose del tempio del VII secolo Ucchi Pillayar dedicato a Ganesh. La città è anche molto vicina a Samayanallur, ove sorge un tempio dedicato a Parvati, e al villaggio templare di Tiruvanaikkaval sede del tempio shivaita di Jambukeswarar.

Veduta di Srirangam.

Srirangam[modifica | modifica wikitesto]

Srirangam è un'isola parte della comune di Tiruchirapalli, un altro esempio classico di città templare del Sud; essa ospita il gran tempio di Sri Ranganathaswamy, una delle principali destinazioni di pellegrinaggio della comunità Vaishnava (fedele al dio Vishnu). Questo è anche il più grande tempio induista funzionante in tutto il mondo, con un'ampiezza di 156 ettari in totale e con la torre che misura 60 metri di altezza, che ne fa la più alta esistente[9].

Tiruvarur[modifica | modifica wikitesto]

A Tiruvarur si trova il tempio induista dedicato al Signore Thyagaraja, uno degli aspetti di Shiva, luogo di venerazione fin dal VII secolo e cantato negli inni dei poeti sacri: il complesso occupa una superficie di 33 ettari con un grande serbatoio per l'acqua situato ad ovest.

Al suo interno visi trovano numerosi santuari e mandapas (sale), distribuite tra i tre spaziosi recinti; qui sembrano essersi stabiliti i principi e le pratiche del culto degli alberi e poste le più antiche basi del culto del Linga. La città ospita anche l'annuale festival dei carri sacri che si svolge a marzo e che dura 10 gg, animato dalla folla che li trasporta dal tempio per le vie cittadine.

Kanchipuram[modifica | modifica wikitesto]

Kanchipuram è una delle destinazioni più visitate del Tamil Nadu, essendo stata a suo tempo la capitale dell'antico regno dei Pallava ed è considerata una delle sette città sante induiste. Centinaia di antichi templi vi si trovano, anche se la maggior parte di essi sono oggi in rovina

Kanniyakumari[modifica | modifica wikitesto]

Il distretto di Kanyakumari si trova nell'estrema punta meridionale del subcontinente

Kumbakonam[modifica | modifica wikitesto]

Kumbakonam

Rameshwaram[modifica | modifica wikitesto]

Tiruchendur[modifica | modifica wikitesto]

Palani[modifica | modifica wikitesto]

Thiruvanamalai[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tamil Nadu, Andhra Pradesh build temple ties to boost tourism. The Times of India. (10 August 2010).
  2. ^ TN received over 18 crore tourists in 2012. The Hindu (25 July 2013).
  3. ^ INDIA Tourism statistics at a glance, Ministry of Tourism, Govt. of India. URL consultato l'11 settembre 2011.
  4. ^ Retail - What's in store?. India Today (14 January 2008).
  5. ^ More foreign tourists fly to TN for culture, healthcare. The Times of India. (19 April 2010)
  6. ^ http://7wondersofindia.ndtv.com/vote.aspx?id=5#
  7. ^ Vellore to become Corporation in The Hindu.
  8. ^ Inauguration of Vellore Corporation in The Hindu.
  9. ^ Welcome To TamilNadu Tourism. Tamilnadutourism.org

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

India Portale India: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di India