Turchi di Bulgaria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bulgarian Turks
Bulgaristan Türkleri
български турци
Linguaturco
ReligioneIslam (Sunnismo e Alevismo)
Gruppi correlatiturchi anatolici e altre popolazione turche
Distribuzione
Bulgaria Bulgaria 588.318[1]
Turchia Turchia 326.000[2]-372.000[3]
Svezia Svezia 30.000[4]
Paesi Bassi Paesi Bassi 10.000–30.000[5][6]
Cipro del Nord Cipro del Nord 2.000–10.000[7][8]
Belgio Belgio 4.807[9]
Austria Austria 1.000[10]
Romania Romania 800

I turchi di Bulgaria (in turco Bulgaristan Türkleri; in bulgaro: български турци?, Bǎlgarski Turci) sono una popolazione turca originaria della Bulgaria. Nel 2011, in Bulgaria vi erano 588.318 turchi, circa il 8,8% della popolazione,[11] la minoranza etnica più numerosa del paese. La comunità risiede perlopiù nel distretto meridionale di Kărdžali e nei distretti nordorientali di Šumen, Silistra, Razgrad e Tărgovište. Nel XX secolo si è sviluppata una diaspora che ha portato centinaia di migliaia di turchi bulgari in Turchia, Paesi Bassi e Svezia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I turchi bulgari discendono sia dalle popolazioni turche insediatesi nella regione dopo che l'Impero ottomano conquistò i Balcani tra la fine del XIV e l'inizio del XV secolo, che dai bulgari convertitisi all'Islam e che furono turchizzati nel corso del periodo ottomano.[12][13] Ѐ stato inoltre teorizzato che vi possano essere stati apporti dalle tribù turche dei peceneghi, oghuz e cumani.[14][15][16] Secondo una tradizione locale, molti karamanidi (provenienti dai vilayet di Konya, Nevşehir, Niğde e Karaman) furono insediati nella zona di Kărdžali dai sultani Maometto II, Selim I e Mahmud II.[17] La comunità turca divenne una minoranza quando venne stabilito il Principato di Bulgaria in seguito alla Guerra russo-turca del 1877-1878.

Tra il 1876 e il 1878, la comunità turca di Bulgaria venne decimata dall'emigrazione, dalle epidemie e dai massacri. Il flusso dei turchi verso l'Anatolia continuò in modo costante a seconda delle politiche dei regimi al potere in Bulgaria, fino al 1925; dopodiché l'emigrazione venne regolamentata. Durante il XX secolo, i governi bulgari misero in atto numerose deportazioni ed espulsioni forzate, che presero di mira anche la popolazione slava musulmana dei pomacchi.[18]

Il più significativo flusso di emigrazione dei turchi dalla Bulgaria avvenne nel 1989, quando 360.000 persone abbandonarono il Paese alla volta della vicina Turchia, per sfuggire alle politiche di assimilazione forzata messe in atto dal regime comunista di Todor Živkov, anche se successivamente 150.000 ritornarono tra il 1989 ed il 1990. Il programma di assimilazione del regime venne avviato nel 1984 e consisteva nel forzare i musulmani bulgari ad adottare nomi cristiani e slavi e ad abbandonare l'identità e le tradizioni islamiche.[19][20] Nel corso di questo processo, gli insediamenti a maggioranza turca vennero circondati da unità dell'esercito bulgaro, mentre ogni rimando all'identità turca ed islamica veniva eliminato dai cimiteri e dalle abitazioni e le moschee vennero chiuse o demolite. Centinaia di persone vennero uccise o deportate.[21]

In seguito alla caduta del regime di Živkov nel 1989, il parlamento bulgaro approvò leggi per ripristinare i diritti culturali della popolazione turca. Nel 1991 una nuova legge concesse a chiunque fosse stato colpito dalla campagna di cambio del nome tre anni per ripristinare ufficialmente i nomi originari. Nel gennaio 1991, la lingua turca venne reintrodotta nelle scuole. Nel 2011, vi erano 588.318 persone di etnia turca in Bulgaria, rappresentanti l'8,8% della popolazione,[22] delle quali 564.858 di lingua turca.[23] Nel 2014, il 37,6% dei 992.597 residenti in Turchia nati all'estero risultavano essere nati in Bulgaria.[3]

Religione[modifica | modifica wikitesto]

Distribuzione dei musulmani in Bulgaria

L'identità islamica tra la comunità rimane molto forte, con oltre il 95% dei turchi bulgari che si definiscono musulmani, mentre la maggior parte della popolazione del Paese si definisce cristiana ortodossa. I turchi rappresentano il 74% dei musulmani in Bulgaria, mentre il restante 26% è composto perlopiù da pomacchi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (BG) Население по местоживеене, възраст и етническа група, Национален статистически институт, 2011 (archiviato dall'url originale il 2 giugno 2012).
  2. ^ (TR) DÖNEM: 22, Tbmm.gov.tr.
  3. ^ a b Place of Birth Statistics, 2014, TUIK.
  4. ^ New challenges for Migration Policy in Central and Eastern Europe, p. 187.
  5. ^ Turkish Bulgarians fastest-growing group of immigrants in The Netherlands – Bulgaria abroad, su The Sofia Echo.
  6. ^ Nieuwe Turk is Bulgaar|Binnenland, su Telegraaf.nl, 21 luglio 2009.
  7. ^ Хиляди български турци не успяха да дадат своя вот в Кипър : : Novinar.bg, su Novinar.net.
  8. ^ Най-известната тв водеща в Северен Кипър се изправя пред камерата на "Другата България" – Фактор Нюз, su Bgfactor.org.
  9. ^ sln.be, http://www.sln.be/nieuws/documents/13.6pdf.pdf.
  10. ^ Avusturya'daki Bulgaristan Türkleri hala Bulgar isimlerini neden taşıyor?, Balkan Türkleri Kültür ve Dayanışma Derneği.
  11. ^ http://www.nsi.bg/sites/default/files/files/pressreleases/Census2011final.pdf
  12. ^ Stein, p. 238.
  13. ^ Crampton, p. 36.
  14. ^ Hupchick, p. 11.
  15. ^ Nicole, p. 45.
  16. ^ Norris, pp. 146–47.
  17. ^ Професор Илбер Ортайлъ: Султаните Фатих и Махмуд са заселили Родопите с турци, su rodopi24.blogspot.bg.
  18. ^ Suleiman, pp. 102–103.
  19. ^ Curtis.
  20. ^ Laber, pp. 45–47.
  21. ^ Bulgaria: A country study (PDF), Federal Research Division, Library of Congress, 1993, p. 82.
  22. ^ 2011 Census Final data (PDF), su nsi.bg.
  23. ^ Население по етническа група и майчин език, Censusresults.nsi.bg (archiviato dall'url originale il 19 dicembre 2015).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Frank Laczko, Irene Stacher e Amanda Klekowski von Koppenfels, New challenges for Migration Policy in Central and Eastern Europe, Cambridge University Press, 2002, ISBN 906704153X.
  • (EN) Jonathan Stein, The Politics of National Minority Participation in Post-communist Europe, M. E. Sharpe, 2000, ISBN 0-7656-0528-7.
  • (EN) R. J. Crampton, A concise history of Bulgaria, Cambridge University Press, 1997.
  • (EN) D. P. Hupchick, The Balkans: From Constantinople to Communism, Palgrave, 2002, ISBN 1-4039-6417-3.
  • (EN) D. Nicole, Attila and the Huns, Osprey Publishing, 1990.
  • (EN) H. T. Norris, Islam in the Balkans: religion and society between Europe and the Arab world, 1993.
  • (EN) Yasir Suleiman, Language and identity in the Middle East and North Africa, 1996.
  • (EN) Glenn E. Curtis, Bulgaria: A Country Study, 1992.
  • (EN) Jery Laber, Destroying ethnic identity: the Turks of Bulgaria, 1987.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Bulgaria Portale Bulgaria: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Bulgaria