Tullio Ghersetich

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tullio Ghersetich
TullioGhersetich.png
Ghersetich con la maglia del Cagliari.
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Carriera
Squadre di club1
1950-1951 Carrarese 24 (12)
1951-1952 Empoli 33 (18)
1952-1953 Fiorentina 13 (5)
1953-1954 Monza 0 (0)
1954-1955 Salernitana 19 (9)
1955-1957 Cagliari 56 (21)
1957-1958 Salernitana 12 (2)
1958-1959 Rondinella? (?)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Tullio Ghersetich (Pisino, 28 aprile 1930) è un ex calciatore italiano, di ruolo attaccante.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Nativo di Pisino nell'Istria, al tempo territorio italiano (oggi Croazia), viene ingaggiato dalla Carrarese, all'epoca militante in Serie C, nel 1950: con i toscani si mise in mostra come attaccante prolifico (segnalandosi in particolare per una tripletta contro l'Empoli)[1]. Nella stagione successiva fu ingaggiato proprio dagli empolesi, ancora in Serie C, dei quali fu capocannoniere con 18 reti siglate[2]: grazie alle sue marcature, la formazione azzurra terminò il girone seconda alle spalle del Cagliari, promosso in Serie B.

I passaggi alla Fiorentina, al Monza e alla Salernitana[modifica | modifica wikitesto]

Ritratto di Ghersetich con la maglia del Cagliari.

L'ottima stagione di Ghersetich ad Empoli gli valse la chiamata della Fiorentina, militante in Serie A[3]: esordì con i viola il 5 ottobre 1952 nella gara Udinese-Fiorentina 0-1[4]. In totale, con la formazione fiorentina segnò cinque reti[5] in 13 incontri di campionato[4]: in particolare, la rete segnata in Como-Fiorentina 2-1 del 18 gennaio 1953, dopo solo 10 secondi dall'inizio della gara, è la rete più rapida siglata da un calciatore della Fiorentina in campionato[6].

Al termine del campionato venne ceduto al Monza[7]: dopo una sola stagione passò invece alla Salernitana in Serie B, dove siglò nove reti in 19 gare[8].

Le stagioni a Cagliari e il ritorno a Salerno[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate del 1955 la Fiorentina lo cedette a titolo definitivo al Cagliari[9], in Serie B, del quale diventerà capocannoniere con sedici reti siglate in 27 gare[10] formando la coppia d'attacco con Carlo Regalia. La stagione successiva fu invece povera di soddisfazioni per l'istriano, dato che a fronte di 29 gare giocate da titolare segnò solo cinque marcature[10] e tutte nella parte finale del campionato, sintomo di una condizione atletica ottimale raggiunta in ritardo[11].

Al termine della stagione tornò in prestito alla Salernitana[12], ancora una volta in Serie C: disputò 12 gare e mise a segno due reti[8].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Stagione 1950-1951 (Serie C – Girone C), pianetaempoli.it, 1º marzo 2009. URL consultato il 28 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 21 febbraio 2014).
  2. ^ Stagione 1951-1952 (Serie C – Girone C)[collegamento interrotto], pianetaempoli.it, 3 marzo 2009. URL consultato il 28 settembre 2011.
  3. ^ Le liste di trasferimento della Serie A, B e C, Il Corriere dello Sport, 29 agosto 1952, pag.5
  4. ^ a b GHERSETIC Tullio, atf-firenze.it. URL consultato il 28 settembre 2011.
  5. ^ (EN) Italy 1952/53, RSSSF. URL consultato il 28 settembre 2011.
  6. ^ Batistuta delle meraviglie, gazzetta.it, 15 settembre 1997. URL consultato il 28 settembre 2011.
  7. ^ Le liste di trasferimento delle squadre di calcio, archiviolastampa.it, 14 agosto 1953. URL consultato il 28 settembre 2011.
  8. ^ a b Tullio Ghersetich, salernitanastory.it. URL consultato il 28 settembre 2011.
  9. ^ Le liste di trasferimento della Lega Nazionale, Il Corriere dello Sport, 2 settembre 1955, pag.3
  10. ^ a b Tullio Ghersetich, archiviorossoblu.it. URL consultato il 29 settembre 2011.
  11. ^ Vargiu, Pagg.209-211.
  12. ^ Le liste di trasferimento 1957-58, Il Corriere dello Sport, 30 agosto 1957, pag.3

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Valerio Vargiu, Cagliari 90 - La storia e i protagonisti della squadra più amata dell'isola dal 1920 al 2010, Cagliari, La Guida, 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]