Tubuli malpighiani dei ragni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I tubuli malpighiani negli aracnidi sono organi deputati al trasporto e all'escrezione situati nell'opistosoma. Insieme alle ghiandole coxali sono deputati all'escrezione soprattutto di guanina, adenina, xantina e di acido urico[1].

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome deriva dal latino tubulus, che significa canaletto, tubicino, per la forma sottilissima; e dal nome del fisiologo italiano Marcello Malpighi che ne descrisse per primo struttura e funzione.

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

Questi organi hanno forma diverticolare e sono situati nell'opistosoma, presso il punto d'incontro fra l'intestino medio e l'intestino posteriore, o direttamente dall'intestino medio[1].

I tubuli sono presenti anche negli artropodi tracheati (Esapodi e Miriapodi); mentre nei ragni sono organi interni e prendono forma soprattutto dall'intestino medio, nei tracheati sono posizionati nel derma e prendono forma dall'intestino posteriore[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Ruppert, Fox & Barnes, Zoologia degli invertebrati, Padova, Piccin Nuova Libraria, 2007, p. 623.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Edward E.Ruppert, Richard S. Fox & Robert D. Barnes. 2007. Zoologia degli invertebrati, quarta edizione italiana condotta sulla settima edizione americana, Piccin Nuova Libraria, Padova.
Artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi