Truffa alla nigeriana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La truffa alla nigeriana è un raggiro informatico (ma che circola anche per posta ordinaria) tra i più diffusi al mondo,[1] inventato per la prima volta nel 1992 per lettera e nel 1994 per e-mail.[2]

Nigerian Scam.jpg

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Esistono numerose varianti di questa truffa[3] ma il principio è più o meno sempre lo stesso: uno sconosciuto non riesce a sbloccare un conto in banca di milioni di dollari; [4] lui un personaggio noto, avrebbe bisogno di un prestanome discreto che compia l'operazione al suo posto. Invita così alcuni utenti concedendo loro questa possibilità in cambio della promessa di ottenere una fetta del bottino. [5]La truffa è chiamata anche 419 scam (419 è l'articolo del codice penale nigeriano che punisce questo genere di truffa). [6]

Esempi di personaggi coinvolti nelle false comunicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Esempi di personaggi noti e immaginari che possono chiedere questo tipo di servizio sono:[7]

  • Il figlio dell'ex presidente del Congo Mobutu Sese Seko.
  • Danjuma Gwarzo, figlio di Alhaji Ismaila Gwarzo, ex consigliere per la sicurezza del defunto ex capo di Stato nigeriano Sanni Abacha.
  • Williams Gumbeze, figlio di uno dei più ricchi agricoltori dello Zimbabwe.
  • Chuma Emmanuel, erede di una famiglia agricola sempre dello Zimbabwe.
  • Charles Dubem, Segretario Generale del Comitato di Assegnazione degli Appalti dell'Ente Federale per Gas e Petrolio della Nigeria.
  • John Pujeh, della Sierra Leone, figlio dell'ex ministro dei trasporti del paese.
  • Femi Kokoma, assistente personale del defunto capo della sicurezza dell'ex presidente della Somalia.
  • Mohammed Alpha, Operations Manager della Banca d'Africa, sede della Repubblica di Bamako (Mali).
  • Suha Arafat, moglie del defunto ex leader palestinese Yasser Arafat.
  • Konan Franck, padre di famiglia che organizza il matrimonio della figlia.
  • Bruno Amador, figlio di Adolphe Amador ricco commerciante di cacao di Cotonou nel Benin.
  • Mr.Hassam Mohamed,The Director incharge of Auditing section of Africa Development Bank (ADB) in Ouagadougou, Burkina Faso.
  • Sipo Moyo, recentemente colpito dal lutto del fratello Gabriel, erede di una famiglia agricola dello Zimbabwe.
  • Joy Al-khalifa, figlia dell'ex defunto capo di Stato della repubblica democratica della Costa D'Avorio Mr. Daniel Al-khalifa.
  • Asare Akuffo, Direttore delle operazioni di Atlantique Lome Togo.
  • Edward Ouko, General Auditor per l'African Development Bank.

Perché è una truffa[modifica | modifica wikitesto]

È facile capire che questo è solo un tentativo di truffa. Al di là del normale buon senso, l'operazione se fosse vera non si svolgerebbe via posta elettronica, e certamente non userebbe un perfetto sconosciuto come intermediario.[8] La letteratura online su questi casi è ricca e documentata. Ci sono inoltre molti elementi anomali che rendono evidente il trattarsi di tentativo di truffa:[9]

  • Lo stesso invito è stato inviato a moltissime altre persone (milioni), utilizzando sempre la medesima formula.
  • Il testo del messaggio usa spesso (ma non sempre) un linguaggio generico e poco preciso (come Caro Amico, Caro Correntista, ecc.). L'evoluzione tecnologica ha però ridotto quest'aspetto.
  • L'occasione è troppo bella per essere vera, e il mittente mette pressione alla vittima per concluderla.

Effetti negativi per chi cade in trappola[modifica | modifica wikitesto]

[10] Gli effetti per chi cade nella trappola seguono un copione prestabilito[11]: prima vengono chiesti soldi per la parcella del notaio, poi altro denaro per l'avvocato ed infine si viene invitati ad un incontro personale nella loro nazione (di solito la Nigeria, da cui il nome di truffa alla nigeriana, ma spesso anche in paesi terzi come l'Italia. Milano è un luogo scelto di frequente essendo l'Italia vicina all'Africa). [12]Arrivati nel luogo dell'appuntamento, possono accadere due cose: o si viene accolti in modo opulento dando al truffato l'impressione della veridicità dell'affare, o si viene direttamente rapinati se le prospettive non sono buone per eventuali guadagni maggiori. [13]In entrambi i casi, i ladri hanno raggiunto il loro scopo.

Questo imbroglio può anche finire in tragedia: nel 2003 Michael Lekara Wayid, diplomatico nigeriano in Repubblica Ceca, è stato ucciso a colpi di fucile da un ultrasettantenne furioso per essere stato raggirato con questo sistema.[14] Nel 2002 un'inchiesta giornalistica stimò in almeno 15 gli omicidi relativi alle "truffe nigeriane".[15]

Secondo la polizia degli Stati Uniti d'America, l'ammontare del raggiro è di circa 100 milioni di dollari l'anno soltanto verso gli Stati Uniti, senza che le autorità possano davvero fare qualcosa per fermare il fenomeno[16].

In Italia, questo argomento ha avuto un momento di grande visibilità nel 2004 e nel 2005, a seguito di alcuni servizi del programma televisivo Striscia la notizia.

Meccanismi della truffa[modifica | modifica wikitesto]

Gli 'investitori' solitamente vengono contattati con un'offerta di questo tipo: "In questo paese povero ci sarebbe una persona molto ricca che avrebbe bisogno di spostare all'estero del denaro con la massima discrezione, sarebbe possibile utilizzare il suo conto?".[17]

Le somme coinvolte sono normalmente nell'ordine dei milioni di dollari, e all'investitore viene promessa una forte percentuale, spesso del 40%. L'accordo proposto è spesso presentato come un crimine innocuo, in modo da dissuadere i partecipanti dal contattare le autorità.[18] In Nigeria l'operazione è organizzata professionalmente, con uffici, numeri di fax funzionanti e spesso con contatti in uffici governativi. Gli investitori che cercano di scoprire cosa si trova a monte dell'offerta, spesso trovano un sistema organizzato, in cui tutti i pezzi si combinano perfettamente.[19]


Nel momento in cui la vittima accetta di partecipare all'affare, il truffatore per prima cosa invia alcuni documenti fasulli che portano impressi timbri e sigilli ufficiali del governo, o in alternativa manda alcune mail per informare il socio dei "progressi". Presto però inizia a parlare di ritardi, relativi a necessità di corruzione o pratiche burocratiche che richiedono un grosso anticipo in denaro. Le scadenze vengono via via prorogate e i costi aumentano, ma viene mantenuta viva la promessa dell'imminente trasferimento di denaro. La pressione psicologica è mantenuta alta, per stimolare il truffato a concludere in fretta senza coinvolgere altre persone.[20]

In alcuni casi le vittime sono invitate in Nigeria[21] per incontrare funzionari governativi, spesso falsi. Alcune vittime una volta giunte vengono addirittura prese in ostaggio fino al pagamento di un riscatto, o sono portate nel paese in modo illecito senza visto di ingresso e poi ricattate per poterne uscire. Nei casi più estremi la vittima può essere anche uccisa.[22]

In ogni caso, il millantato trasferimento di denaro non avviene mai, ovviamente, dato che i soldi o l'oro non esistono.

A volte il paese coinvolto non è la Nigeria, ma il Ghana, la Costa d'Avorio, il Benin, il Senegal, il Sudafrica o altri stati dell'Africa Occidentale. Occasionalmente la frode passa da un paese non africano come i Paesi Bassi, la Francia, il Regno Unito, la Spagna, l'Italia, il Belgio, la Germania, la Svizzera o il Canada.

Altre varianti[modifica | modifica wikitesto]

Una variante della truffa può essere svolta tramite un finto avvocato, che rappresenta il patrimonio di parenti lontanissimi mai conosciuti dalla vittima della truffa.[23] I parenti sono morti in un incidente d'auto o aereo. Il finto avvocato rivela alla vittima di essere andato incontro a problemi insormontabili pur di poterla trovare. Ha soltanto bisogno che la vittima gli inoltri le informazioni del suo conto corrente per potergli mandare la parte dei milioni di dollari che gli spetta.

Un'altra variante viene spacciata come "notifica di vincita" di una compagnia di lotterie, soprattutto nel Regno Unito e in Olanda, che richiede un pagamento in anticipo per raccogliere la somma che la vittima ha "vinto".

Ancora, la truffa viene riproposta a più riprese in ambito alberghiero con cifre di denaro più plausibili. In questa versione il truffatore si propone di prenotare un gran numero di camere, cene di gala ecc. e promette di versare lauti anticipi, ma per cause diverse (dalla rivoluzione alla carta di credito bloccata) chiede che sia l'albergatore a versare inizialmente una determinata somma a suo favore.

Nel 2012 è iniziata a circolare una variante che fa riferimento al tesoro di Gheddafi.[24]

La truffa della vendita di beni o affitto di alloggi[modifica | modifica wikitesto]

Scam letter posted within South Africa

Di più modesta entità, ma non per questo meno redditizia, è un'altra truffa perpetrata nel settore della compravendita di beni usati o di prenotazioni di alloggi per vacanze. La tipica situazione è quella in cui una persona reale (il potenziale truffato) mette in vendita o in affitto un bene (automobile, motocicletta o altro bene) inserendo annunci sui più diffusi canali di vendita. Il truffatore quasi sempre è disponibile subito a pagare il prezzo pieno, senza contrattare. A questo punto vi sono diverse versioni:[25]

  • Viene inviato un assegno da banca estera maggiore del prezzo pattuito al venditore, e dopo alcuni giorni viene richiesto di restituire la parte eccedente. L'assegno internazionale contraffatto è difficile da verificare, e le banche stesse possono avere difficoltà nel verificare l'autenticità.
  • Vengono richiesti dal truffatore gli estremi del pagamento, e, una volta ricevuti, si viene informati che per diversi motivi non gli è possibile effettuare il pagamento se prima non gli viene mandata una piccola somma di denaro (ad esempio, se il paese è africano, viene richiesta una somma di denaro come pagamento di una fantomatica tassa per effettuare acquisti all'estero, e si promette di restituirne l'ammontare col pagamento finale).
  • Il truffatore/acquirente dice di essere in un paese, ma di essersi trasferito in un altro paese, e di avere quasi sempre un contatto in Italia, e crea mille sotterfugi per farsi mandare delle somme di denaro.[26]

Esposizione e traduzione di alcune e-mail[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito vengono mostrate alcune delle più recenti e diffuse lettere ricevute da diverse vittime per questa tipologia di truffa. Nella maggior parte dei casi i testi vengono scritti in lingua inglese ed inviati a persone che non sono madrelingua in modo tale da non insospettire il lettore in caso di errori grammaticali che renderebbero la truffa molto più facile da intuire. L'obiettivo principale resta sempre quello di rendere il discorso vago abbastanza da disorientare il lettore e allo stesso tempo evidenziare alcune parole chiave in formato stampatello. Anche se presentano diverse similitudini le storie che raccontano possono essere anche molto diverse fra loro.[27]

Mariam Abacha

La vedova del defunto generale della Nigeria Sani Abacha vuole trasferire 80 milioni di dollari fuori dal paese:

Caro Signore,

Buona giornata e complimenti. L'arrivo di questa lettera ti susciterà un gran stupore, ma ti imploro di prestare molta attenzione e dedicare un po del tuo tempo alla lettura perché ne va del futuro dell'intera mia famiglia. Permettimi di presentarmi. Il mio nome è Dott.ssa Mariam Abacha, la moglie del defunto generale di stato e comandante delle forze armate federali della repubblica della Nigeria morto l'8 giugno 1998. La mia disavventura inizia immediatamente dopo la morte di mio marito la mattina dell'8 giugno 1998 con l'arrivo della nuova amministrazione governativa. L'odierno governo democratico è determinato a mettere sotto cattiva luce tutto l'operato di mio marito ed è, che io sappia, intenzionato a confiscare tutte le sue proprietà congelando i nostri conti correnti sia fuori che dentro la Nigeria. Mentre ti sto scrivendo mio figlio Mohammed Abacha è sotto l'interrogatorio del governo. Tutte queste misure prese dal governo serviranno ad ottenere un riconoscimento da parte delle altre forze internazionali. Io e tutti i membri della mia famiglia siamo stati trattenuti subito dopo la morte di mio marito, perciò ti chiedo l'indulgenza di assisterci tenendo con te al sicuro i nostri fondi. Questa discussione deve restare fra noi due altrimenti tutti gli sforzi saranno vani. Per l'occasione ho incaricato il Dott. Galadima Hassan, amico di fiducia, come rappresentante legale a nome mio e di tutta la mia famiglia per l'esecuzione dell'intera transazione. Il mio defunto marito ha nascosto nella cassaforte 80 milioni di dollari dei quali ormai solo io conosco l'esistenza. È riposto in un luogo inaccessibile per chiunque abbia intenzione di accedervi. Questa somma deve essere trasferita fuori la Nigeria prima che il governo riesca a trovarla e confiscarla come hanno fatto con tutti gli altri beni. Ti imploro di prendere seriamente in considerazione ciò che ti ho detto ed aiutare una vedova nel bisogno.

N/B: Per piacere contatta Dott. Galadima Hassan al seguente indirizzo e-mail per migliori informazioni in merito all'operazione.

Cordiali Saluti,

Datt.ssa Mariam Abacha

Kareem Salami

Un ufficiale del governo federale vuole spostare 31 milioni di dollari presenti nella banca centrale della Nigeria sul conto corrente estero della vittima promettendo in cambio il 20% della somma:

Prima di tutto ti prego di mantenere riservata questa conversazione. Noi rappresentiamo il top management del governo delle finanze della Nigeria (Federal Government Contract Review Panel) e abbiamo intenzione di salvaguardare alcuni fondi che sono stati intrappolati qui in Nigeria. Al fine di assisterci nella trattativa commerciale permettici di ricevere questi fondi dall'estero in quanto altrimenti verrebbero congelati. I motivi sull'esistenza di questi fondi sono riportati di seguito: Durante il regime del nostro ultimo capo di stato il generale Sani Abacha gli ufficiali di governo hanno gestito compagnie e si sono conferiti privilegi contrattuali largamente sovrastimati in vari ministeri. Il nuovo governo ci ha incaricati di indagare sul tesoretto e e abbiamo individuato questo surplus di fondi all'interno della banca centrale della Nigeria (C.B.N). Purtroppo la nostra posizione di membri del consiglio dell'interno non ci permette di acquisire questi soldi con i nostri nomi. Perciò sono stato delegato dai miei colleghi affinché potessi trovare un partner disposto a caricare sul proprio conto corrente 31 milioni di dollari su cui bisognerà pagare una tassa di transizione.

Ci siamo messi d'accordo di condividere la somma nel seguente modo: 70% per noi (gli ufficiali) 20% per il partner esterno (tu) 10% verrà usato per il pagamento delle tasse di transizione

Ti prego ti notare che questa operazione è al 100% sicura e ci auguriamo che i fondi possano arrivare sul tuo account in meno di 10 giorni lavorativi dall'arrivo di questo messaggio.

234-********:ti prego di rispondere tramite questo numero di telefono o fax. Non vediamo l'ora di fare affari con te e sollecitare la tua confidenzialità nella transazione. Ti prego di rispondere per presa visione di questa lettera utilizzando il numero di telefono/fax di sopra. Ti daremo tutti i dettagli dell'operazione quando avrò ricevuto la tua telefanata.

Sinceramente il tuo,

Dott. Kareem Salami.

Stephen Abu

Un amico del figlio del generale Sani Abacha cerca aiuto per trasferire 56 milioni di dollari nel conto estero della vittima:

ATTENSIONE

(nome della vittima)

IO SONO SGN. STEPHEN ABU, UN AMICO INTIMO DI MOHAMMED ABACHA FIGLIO DELL'ULTIMO CAPO DI STATO NIGERIANO CHE STA AFFRONTANDO ORA UNA SERIE DI DIFFICOLTA CAUSATE DALLA MAL AMMINISTRAZIONE E MANCANZE DEL PADRE - USO ILLECITO DI DENARO PUBBLICO. HO OTTENUTO IL TUO CONTATTO DA UN AVVOCATO RISPETTABILE DI QUESTO PAESE MA NON GLI HO SPIEGATO LE MOTIVAZIONI PER CUI HO BISOGNO DEL TUO CONTATTO. PRIMA DELLA SUA DETENZIONE MUHAMMED MI CHIAMO PRESSO LA SUA ABITAZIONE MOSTRANDOMI UN ENORME CASSAFORTE BEN NASCOSTA E CUSTODITA CONTENENTE 56 MILIONI DI DOLLARI. MI SPIEGO CHE QUEL DENARO ERA PARTE DELL'EREDITA RICEVUTA DAL PADRE E MI PREGO DI CUSTODIRLI PORTANDOLI FUORI DAL PAESE FINO A QUANDO NON SAREBBE STATO LIBERATO DALLE PESANTI ACCUSE MOSSE CONTRO DI LUI DAL NUOVO GOVERNO. ALLORA DECISI DI TRASFERIRMI A COTONOU IN BENIN PORTANDO CON ME L'INTERA SOMMA. ORA TI STO CONTATTANDO AFFINCHE TU POSSA SCENDERE QUI IN COTONOU PER INIZIARE GLI ASPETTI DELLA TRATTATIVA. ALTERNATIVAMENTE POSSO CARICARE PARTE DEL DENARO SUL TUO CONTO CORRENTE E DA LI EFFETTUARE LE TRANSAZIONI. HO DECISO DI DARTI IL 25% DEL TOTALE AFFINCHE TU POSSA CUSTODIRE IL 40% DELLA SOMMA FINO A QUANDO IL MIO AMICO MUHAMMED NON VERRÀ LIBERATO.

TI PREGO DI TENERE IL TUTTO NELLA MASSIMA SEGRETEZZA E CONFIDENZIALITA. TI ASSICURO CHE È AL 100% SICURO E CHE LA TRANSAZIONE AVRA SUCCESSO E NESSUNO MMI POTRA DISTURBARE IN QUESTO NUOVO PAESE IN CUI MI TROVO PERCHE NON SONO POPOLARE QUI.

TI PREGO DI RISPONDERE IL PIU PRESTO POSSIBILE SU QUESTA EMAIL ************** ED ACCETTARE LA TRANSAZIONE IMMEDIATAMENTE.

I MIEI MIGLIORI AUGURI

Azioni online di contrasto alla truffa[modifica | modifica wikitesto]

Esistono diverse comunità che cercano di opporsi a queste truffe e fra le più famose abbiamo:[28]


419eater.com

419eater.com [29]è un sito per adescare truffe in internet. Il nome 419 deriva dalla "frode 419" che risulta essere il secondo nome in inglese per definire la truffa alla nigeriana. Il fondatore del sito web è Michael Berry, alias Shiver Metimbers. Dal 2013 il forum contiene più di 55000 account registrati ed ha come motto di base l'idea che, a detta di uno dei membri, "Ogni minuto che un truffatore dedica alla conversazione con me è un minuto in cui non truffa una reale e potenziale vittima".[30] Il sito contiene un elenco di diverse truffe fallite e molto spesso commentate dagli stessi membri della comunità che vi partecipano come "esche". Vengono ospitati anche diverse fotografie dei singoli truffatori in pose molto umoristiche e con la finalità di ridicolizzarli, questo perché molto spesso l'esca chiede al suo truffatore di inviargli una sua foto il quale pensando di parlare con una vittima reale pur di ricevere il compenso decide di accontentarlo. Inoltre il sito dà la possibilità ai membri di comunicare fra loro specie durante l'esecuzione di una truffa, infatti ogni volta che si aggiunge un nuovo utente all'interno della comunità viene affiancato da uno molto più esperto che tramite messaggi può fornirgli alcuni consigli utili per la buona riuscita dell'operazione.

Artists Against 419

Artists Against 419[31] detta anche AA419 è una comunità internet dedicata all'identificazione e disattivazione dei siti fraudolenti come ad esempio quelle per le truffe alla nigeriana. Il sito fu fondato nei primi anni 2000 ed ebbe come primo obbiettivo l'identificazione delle diverse banche fasulle sparpagliate per internet ed utilizzate dai truffatori come canali per le loro transazioni. Per l'identificazione e valutazione dei siti vengono adoperati numerosi strumenti i quali una volta dimostrata la loro falsità vengono inseriti all'interno di una lista facilmente visibile nella pagina home del loro sito web.[32] Anche se l'idea di fondo è quella di avvisare potenziali vittime mediante la pubblicazione di questa lista a volte, per casi estremamente gravi, vengono organizzati dei flash mob che coinvolgono una grande mole di utenti i quali iniziano a richiedere pagine d'informazione con la finalità di abbattere quei server che (a volte inconsapevolmente) ospitano questi siti fraudolenti.

Ultimi reportage[modifica | modifica wikitesto]

Dopo diversi anni dalle prime truffe alla nigeriana nell'ultimo periodo si stanno registrando diversi attacchi fraudolenti che provengono in gran parte da questa nazione centro africana e opportunamente riportati all'interno del report del luglio 2015 steso da un'importante compagnia di sicurezza informatica americana FireEye.[33]

In questo caso i truffatori risultano essere molto più abili ed esperti in quanto invece di raccontare storie, molto spesso poco plausibili e difficilmente credibili, preferiscono agire di nascosto operando con un attacco man in the middle durante una conversazione fra un acquirente e il suo fornitore.

Attacco Man-In-The-Middle

[34] Il truffatore attraverso una serie di tool specifici per il monitoraggio della rete da prima individua una potenziale vittima dopo di che ottiene tutte le informazioni circa la sua cronologia personale e quindi eventuali interessi in termini di acquisti e-commerce. Una volta compilato il profilo dell'utente il truffatore sfrutta una possibile comunicazione futura con un fornitore spacciandosi rispettivamente da fornitore con la vittima e da utente con il fornitore (ovviamente il tutto all'insaputa dei due). [35]Molto spesso la comunicazione avviene tramite e-mail perché l'acquirente, specie se un rappresentante di un'azienda, richiede sempre un particolare tipo di trattamento con il fornitore per soddisfare eventuali specifiche. FireEye ha riscontrato che la quasi totalità delle vittime sono di origine asiatica in quanto molto spesso risultano essere meno esperti nella navigazione in internet. Molto spesso i truffatori preferiscono avere contatti fra loro circa aggiornamenti su eventuali applicazioni/programmi utilizzati durante la frode, di solito questi strumenti hanno un costo fra 200-3600$ .[36]ma in compenso una truffa andata a buon fine remunera profitti ben più alti e quindi risultano costi facilmente gestibili. Il vantaggio in questo tipo di truffa sta nel fatto che oramai la tradizionale truffa alla nigeriana è conosciuta in quasi tutto il globo quindi difficilmente efficace.[37]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Steve Lohr, 'Nigerian Scam' Lures Companies., in New York Times, 21 maggio 1992. URL consultato il 22 giugno 2012.
  2. ^ Jessica Tavecchio, Struttura delle truffe (PDF), tecnoteca.it.
  3. ^ Daniel Engber, Who Made That Nigerian Scam?, nytimes.com. URL consultato il 28 giugno 2016.
  4. ^ On Guard Online, The “Nigerian” Email Scam, onguardonline.gov. URL consultato il 28 giugno 2016.
  5. ^ Nigerian scam, Encyclopedia Britannica. URL consultato il 14 luglio 2012.
  6. ^ Ecobank, ‘Nigerian 419’ scams, ecobank.com. URL consultato il 28 giugno 2016.
  7. ^ An old swindle revived; The "Spanish Prisoner" and Buried Treasure Bait Again Being Offered to Unwary Americans, in The New York Times, 20 marzo 1898, p. 12. URL consultato il 1º luglio 2010.
  8. ^ Mitchell Zuckoff, The Perfect Mark, newyorker.com.
  9. ^ FBI, Common Fraud Schemes, fbi.gov.
  10. ^ WhatisMyIpAddress, What is a 419 (Advance-fee Fraud) Scam?, whatismyipaddress.com. URL consultato il 28 giugno 2016.
  11. ^ International Financial Scams, United States Department of State, Bureau of Consular Affairs. URL consultato il 12 gennaio 2015.
  12. ^ The Nigerian Prince: Old Scam, New Twist, Better Business Bureau. URL consultato il 26 febbraio 2015.
  13. ^ (EN) Get smart on cybersecurity, su Mozilla. URL consultato il 9 febbraio 2016.
  14. ^ (EN) Michelle Delio, Nigerian Slain Over E-Mail Scam, Wired, 21 febbraio 2003. URL consultato il 15 marzo 2009.
  15. ^ (EN) David Emery, The Nigerian E-mail Hoax, San Francisco Chronicle, 14 marzo 2002. URL consultato il 15 marzo 2009.
  16. ^ Barbara & David P. Mikkelson, Nigerian Scam, su Snopes, 1º febbraio 2010. URL consultato il 22 giugno 2012.
  17. ^ Erika Eichelberger, What I Learn Hanging Out, motherjones.com. URL consultato il 28 giugno 2016.
  18. ^ David Harley, 419 Scams: Let The Seller Beware, welivesecurity.com. URL consultato il 28 giugno 2016.
  19. ^ freemaninstitute, Nigerian Frauds, freemaninstitute.com. URL consultato il 28 giugno 2016.
  20. ^ Michael Kassner, The truth behind those Nigerian 419 scammers, techrepublic.com. URL consultato il 28 giugno 2016.
  21. ^ Stephen Ellis, The Origins Of Nigeria's 419 Scams, europe.newsweek.com. URL consultato il 28 giugno 2016.
  22. ^ Ron Rosenbaum, How To Trick an Online Scammer Into Carving a Computer Out of Wood, theatlantic.com. URL consultato il 28 giugno 2016.
  23. ^ Userwebs, The Nigerian Scam (419 Advance Fee Fraud) Defined, userwebs.rmci.net. URL consultato il 28 giugno 2016.
  24. ^ La truffa “alla Nigeriana” in salsa libica | robertocodazzi.it
  25. ^ David Mikkelson, Nigerian Scam, snopes.com.
  26. ^ TvTropes, 419 Scam, tvtropes.org.
  27. ^ Quatloos!, alla voce "Nigerian 419 Letters" (link)
  28. ^ Redazione Blitz, Facebook, la truffa che arriva dalla Nigeria, blitzquotidiano.it. URL consultato il 28 giugno 2016.
  29. ^ 419scam, "419" Scam – Advance Fee / Fake Lottery Scam, 419scam.org. URL consultato il 28 giugno 2016.
  30. ^ Jacqui Cheng, Baiting Nigerian scammers-, arstechnica.com. URL consultato il 28 giugno 2016.
  31. ^ Artists Against 419, aa419, wiki.aa419.org. URL consultato il 28 giugno 2016.
  32. ^ Artists Against 419, Fake Sites Database, db.aa419.org. URL consultato il 28 giugno 2016.
  33. ^ FireEye security reimagined,  ([1])
  34. ^ Eugène François Vidocq, Memoirs of Vidocq: Principal Agent of the French Police until 1827, Baltimore, Maryland, E. L. Carey & A. Hart, 1834, pp. 58.
  35. ^ Uwe Buse, Africa's City of Cyber Gangsters., in Der Spiegel, 7 novembre 2005. URL consultato il 22 giugno 2012.
  36. ^ Misty Harris, Nigerian email scams royally obvious for good reason, study says, in The Province, 21 giugno 2012. URL consultato il 23 giugno 2012.
  37. ^ Danielson And Putnam News: Danielson, in Norwich bulletin, 16 novembre 1922, p. 6. URL consultato il 7 maggio 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Clara Gallini, Cyberspider. Un'etnologa nella rete, Roma, Manifestolibri, 2004

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]