Trogloditi (popolo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

I trogloditi (in greco antico: Τρωγλοδύται, Troglodýtai; in latino: Troglodytae) era il nome con cui molti testi del mondo greco antico e romano designarono diversi popoli del Nord Africa, della penisola arabica, dell'India, della Mesia e del Caucaso.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il termine «troglodita» viene dal greco antico τρώγλη (trógle, «caverna») e δύειν (dýein, «entrare»), passato all'italiano dal latino troglodyta.[1]

I trogloditi nelle varie narrazioni greco-romane[modifica | modifica wikitesto]

  • Erodoto parla dei trogloditi nelle sue Storie e riferisce come essi fossero un popolo cacciato dai Garamanti e i corridori più veloci tra tutti gli uomini e mangiassero serpenti, lucertole e altri rettili. L'autore afferma anche che la loro lingua era diversa da ogni altra da lui conosciuta e assomigliasse al verso dei pipistrelli.[2]
  • Strabone fa menzione, nella sua Geografia, di una tribù di trogloditi che viveva insieme ai Crobizi nella Scizia Minore, vicino al fiume Istro e alle colonie greche di Callatis e Tomi.[3]
  • Pomponio Mela nel De Chorographia afferma come i trogloditi non possedessero alcuna risorsa, vivessero nelle profondità delle caverna, si nutrissero di serpenti e, invece di parlare, emettessero suoni acuti.[4]
  • Ateneo di Naucrati nei Deipnosofisti scrive che Pitagora, parlando del Mar Rosso, avesse menzionato come i trogloditi creassero i panduri, strumenti musicali a corda, dalle mangrovie bianche che crescevano nel mare[5] e che Euforione di Calcide, nel suo libro sui giochi istmici, affermasse che essi utilizzavano la sambuca, strumento a sei corde, come i Parti.[6]
  • Claudio Eliano nella sua opera Sulla natura degli animali dice che le tribù dei trogloditi erano famose per il loro modo di vivere, da cui prendevano il loro nome, e mangiavano serpenti;[7] inoltre, essi credevano che il re delle bestie fosse il toro etiope, perché esso possedeva il coraggio di un leone, la velocità di un cavallo e la forza di un toro, maggiore di quella del ferro.[8]
  • Flavio Giuseppe menziona velocemente, discutendo del libro della Genesi, un luogo chiamato Trogloditide,[9] probabilmente riferendosi alle coste del Mar Rosso.[10]
  • Eusebio di Cesarea nella Praeparatio evangelica afferma che i trogloditi furono gli inventori dello strumento musicale della sambuca.[11]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Troglodita, su treccani.it. URL consultato il 18 aprile 2020.
  2. ^ Erodoto, IV, 183.
  3. ^ Strabone, VII, 5.12.
  4. ^ Pomponio Mela, I, 44.
  5. ^ Ateneo, 4.184.
  6. ^ Ateneo, 14.34.
  7. ^ Claudio Eliano, 9.44.
  8. ^ Claudio Eliano, 17.45.
  9. ^ Flavio Giuseppe, Ant. iud., I, 15.1.
  10. ^ Matheny 2011, pp. 40-41.
  11. ^ Eusebio, Praep. ev., X, 6.1.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie
Fonti storiografiche moderne

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Storia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia