Triumph 1300

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Triumph 1300
1300fwd20.jpg
Descrizione generale
Costruttore Regno Unito  Triumph
Tipo principale Berlina
Produzione dal 1965 al 1970
Sostituisce la Triumph Herald
Sostituita da Triumph Toledo
Esemplari prodotti 148.350[1]
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 3886[2] mm
Larghezza 1568[2] mm
Altezza 1372[2] mm
Passo 2451[2] mm
Altro
Stile Giovanni Michelotti
Altre eredi Triumph 1500
Triumph 1300 (8688730949).jpg

La Triumph 1300 è un'autovettura prodotta dalla casa automobilistica britannica Triumph dal 1965 al 1970.

Il contesto[modifica | modifica wikitesto]

La 1300 è stata commercializzata con un solo tipo di carrozzeria, berlina quattro porte. Fu lanciata sui mercati per sostituire la Triumph Herald e faceva parte della categoria dei modelli medio/piccoli dagli accenti relativamente lussuosi.

È stata introdotta al salone dell'automobile di Londra nell'ottobre del 1965. Disegnata da Giovanni Michelotti, aveva una linea che derivava dalla più grande Triumph 2000.

La 1300 è stata la prima vettura del gruppo Leyland ad essere a trazione anteriore. Il maggior concorrente della Leyland era la BMC, che all'epoca produceva la Mini e l'Austin 1100, entrambe a trazione anteriore. La Leyland sperava che il successo del modello Austin citato fungesse da traino per la 1300, dato che appartenevano alla medesima categoria.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

La 1300 era dotata di un motore a quattro cilindri in linea e valvole in testa da 1.296 cm³ di cilindrata che erogava 61 CV di potenza. Era quindi lo stesso di quello installato sulla Triumph Herald 13/60, il quale derivava dal propulsore da 803 cm³ montato sulla Standard Eight. Il motore della 1300 aveva installato un singolo carburatore Stromberg; questa soluzione era utilizzata anche sul propulsore della Herald. La 1300 aveva installato un cambio manuale a quattro rapporti sincronizzati. Le sospensioni anteriori erano a doppi bracci oscillanti, mentre quelle posteriori erano a bracci longitudinali.

La linea e gli interni[modifica | modifica wikitesto]

La linea era inusuale e derivava da quella della Triumph 2000. Il frontale era caratterizzato dalla presenza di fanali singoli, mentre la parte posteriore era dotata di una corta e tozza coda. Il tettuccio era pronunciato verso il retrotreno.

Gli interni erano di alto livello. La strumentazione era completa ed era inserita in un cruscotto di legno. I sedili erano foderati in PVC. Lo spazioso abitacolo era provvisto di un sistema di ricambio d'aria grazie a delle prese installate sulla carrozzeria. L'equipaggiamento era ricco. Ad esempio, i sedili, che non erano reclinabili, erano provvisti di un sistema di regolazione. Gli interni erano forniti di tappetini. Anche lo sterzo era regolabile. Le maniglie delle porte e dei finestrini non erano esposte, e quindi non avrebbero potuto fungere da appiglio, per esempio, per i vestiti dei passeggeri. La strumentazione comprendeva il tachimetro, l'indicatore del livello del carburante, un misuratore di temperatura, l'amperometro e varie spie di allarme. I sedili posteriori erano dotati di bracciolo centrale, che poteva essere ripiegato se non utilizzato.

Evoluzione[modifica | modifica wikitesto]

La 1300TC[modifica | modifica wikitesto]

Triumph 1300 TC del 1969

Nel 1968 fu aggiunta alla gamma la 1300TC[3]. La TC aveva installato il motore della Triumph Spitfire, che era dotato di carburatore doppio corpo. La potenza erogata era di 75 CV. Questa versione di 1300 era contraddistinta da loghi ed emblemi riportanti la dicitura "TC". La velocità massima della TC era relativamente alta, dato che si attestava a 145 km/h[3], mentre l'accelerazione da 0 a 80 km/h era di 11,5 secondi. Un test su strada migliorò significativamente i dati forniti dalla Triumph. In una prova eseguita dalla rivista specializzata Autocar furono infatti registrate una velocità massima di 150 km/h ed un'accelerazione da 0 a 50 km/h di 10,5 secondi[4]. Il prezzo raccomandato dalla Triumph per la 1300TC era di 909 sterline.

Versione familiare[modifica | modifica wikitesto]

La versione familiare della 1300 raggiunse la fase di progettazione, ma non venne mai prodotta a causa di mancanza di fondi.

Fine produzione sostituzione[modifica | modifica wikitesto]

Della 1300 versione base vennero prodotti 113.008 esemplari, mentre della 1300TC furono assemblate 35.342 unità[1]. Nell'agosto del 1970 la 1300 e la 1300 TC furono sostituite dalla Triumph 1500. Al motore fu aumentata la cilindrata, che toccò i 1.493 cm³. Questo ingrandimento della cubatura portò ad una coppia maggiore e, nel contempo, ad un aumento dei consumi di carburante. La coda fu allungata con conseguente aumento dello spazio nel bagagliaio. La produzione della Triumph a trazione anteriore terminò nel 1973.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Robson, 1990
  2. ^ a b c d Olyslager, 1970
  3. ^ a b (EN) Pubblicità della Leyland della Triumph 1300 TC, in Autocar, vol. 127, nº 3740, ottobre 1967, pp. pag. 3.
  4. ^ (EN) Autotest: Triumph 1300 TC, in Autocar, vol. 128, nº 3768, 2 maggio 1968, pp. pagg. 7–9.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) David Culshaw, Peter Horrobin, Complete Catalogue of British Cars, Londra, Regno Unito, Macmillan, 1974, ISBN 0-33316-689-2.
  • (EN) Graham Robson, The Story of Triumph Sports Cars, Motor Racing Publications, 1972, ISBN 0-90054-923-8.
  • (EN) David Culshaw, Peter Horrobin, The Complete Catalogue of British Cars 1895-1975, Dorchester, Regno Unito, Veloce Publishing PLC, 1997, ISBN 1-87410-593-6.
  • (EN) Richard Langworth, Graham Robson, Triumph Cars – The Complete 75-Year History, Londra, Regno Unito, . Motor Racing Publications, 1979, ISBN 0-90054-944-0.
  • (EN) P. Olyslager, Observers Book of Automobiles, Londra, Regno Unito, Frederick Warne, 1970.
  • (EN) Graham Robson, A-Z of Cars of the 1970s, Devon, Regno Unito, Bay View Books, 1990, ISBN 1-87097-911-7.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili