Tris (gioco)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tris
Tic Tac Toe.png
Esempio di partita a tris
Regole
N° giocatori2
Requisiti
Età3+
Preparativipochi secondi
Duratameno di un minuto
Aleatorietàininfluente
Esempio di partita a Tris
Esempio di partita a tris su griglia tridimensionale

Il tris (noto anche come fila tre, tria, crocetta e pallino, zero per, filetto, cerchi e croci, OXO, XOXO) è un popolarissimo gioco di carta e matita astratto a informazione perfetta. Si gioca su una griglia quadrata di 3×3 caselle.

A turno, i giocatori scelgono una cella vuota e vi disegnano il proprio simbolo (di solito un giocatore ha come simbolo una "X" e l'avversario un cerchio). Vince il giocatore che riesce a disporre tre dei propri simboli in linea retta orizzontale, verticale o diagonale. Se la griglia viene riempita senza che nessuno dei giocatori sia riuscito a completare una linea retta di tre simboli, il gioco finisce in parità. Nel caso in cui il gioco finisse in parità, la partita è detta "patta", come nel gioco da tavolo degli scacchi.

Si hanno dei vecchi ritrovamenti nell'antica Roma, dove i soldati giocavano fra di loro; il gioco prendeva il nome di "terni lapilli".

Il gioco viene spesso utilizzato come elemento pedagogico per spiegare la teoria dei giochi e le basi dell'intelligenza artificiale. Si tratta infatti di un gioco ad informazione perfetta a somma zero, di cui si conosce la "strategia perfetta", ovvero l'equilibrio di Nash. Poiché il numero di possibili situazioni (la complessità dello spazio degli stati) è estremamente ridotto rispetto ad altri giochi, scrivere un programma per computer che gioca perfettamente a tris, senza mai perdere, è un compito alla portata di qualsiasi studente di programmazione. Il tris è stato infatti il primo gioco della storia a essere giocato da un computer; il programma era OXO, sviluppato per il computer EDSAC (1952).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Martin Gardner, Ticktacktoe, in Hexaflexagons and Other Mathematical Diversions: The Scientific American Book of Puzzles and Games, 1988, pp. 37-46, ISBN 0-226-28254-6.
  • (EN) Elwyn R. Berlekamp, John Conway; Richard K. Guy, Analysis of Tic-Tac-Toe, in Winning Ways for Your Mathematical Plays, Vol. 3, 2003, pp. 733-736, ISBN 978-1-56881-143-7.
  • (EN) Martin Gardner, Jam, Hot, and Other Games, in Mathematical Carnival, 1992, pp. 208-225.
  • (EN) Martin Gardner, Ticktacktoe Games, in Wheels, Life, and Other Mathematical Amusements, 1983, pp. 94-105, ISBN 0-7167-1589-9.
  • (EN) Martin Gardner, Generalized Ticktacktoe, in Fractal Music, Hypercards and More...: Mathematical Recreations from Scientific American, 1992, pp. 202-213, ISBN 0-7167-2189-9.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Giochi da tavolo Portale Giochi da tavolo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di giochi da tavolo