Trippa alla fiorentina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Trippa alla fiorentina
Trippa alla fiorentina.png
Origini
Luogo d'origine Italia Italia
Regione Toscana
Zona di produzione Firenze
Dettagli
Categoria secondo piatto
Riconoscimento P.A.T.
Settore Carni (e frattaglie) fresche e loro preparazione
 

La trippa alla fiorentina è un secondo piatto tipico della cucina fiorentina, molto gustoso nonostante gli ingredienti "poveri".

Preparazione[modifica | modifica wikitesto]

Si prepara tagliando la trippa, già cotta e ben lavata, a striscioline e aggiungendola a un soffritto, già preparato, di cipolle. Alcuni preferiscono le cipolle bianche, altri rosse. Alcuni aggiungno anche carote, prezzemolo, sedani e uno spicchio di aglio tagliati a pezzetti. Si aggiungono poi, oltre al sale e peperoncino o pepe, dei pomodori pelati e si lascia cuocere a fuoco molto basso fino a far ritirare l'acqua della trippa e dei pomodori.

Si serve calda, spolverata, volendo, con parmigiano grattugiato e un filo d'olio di oliva[1].

Per dare maggior sapore, il piatto può essere preparato aggiungendo alla trippa anche il lampredotto, ed altre interiora.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Paolo Petroni, Il libro della vera cucina fiorentina, Firenze, Giunti, 2009, ISBN 9788809062887.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gianni Bonacina, La trippa, frattaglie-rigaglie, Roma, Del Bosco, 1974.
  • Luca Giannelli, Trippa e trippai a Firenze, storia e tradizioni, Firenze, SCRAMASAX Ideazioni, 2012, ISBN 978-88-96108-20-8.
  • Roberta Schira e Franco Cazzamali, Il libro delle frattaglie. Storia, scienza e cucina, Milano, Ponte alle Grazie, 2008, ISBN 978-88-6833-323-2.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]