Trilogia di Bartimeus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Trilogia di Bartimeus è una trilogia di romanzi fantasy scritta dall'inglese Jonathan Stroud, pubblicata tra il 2003 e 2006 e ambientata in un universo parallelo al nostro in cui la magia è conosciuta e i maghi reggono il governo delle società umane. Le vicende principali si svolgono in una Londra alternativa del XX secolo.

In quest'opera, Stroud gioca con gli stereotipi del mago buono e del demone cattivo, ribaltando le situazioni bianco/nero prettamente Harrypotteriane, e regalandoci un mondo fatto di personaggi complessi, di cui è centro un vero e proprio "anti-eroe".

La storia è caratterizzata dal sarcasmo e dall'umorismo pungente di Bartimeus espresso soprattutto nelle divertenti note a piè di pagina in cui commenta gli eventi.

I libri[modifica | modifica sorgente]

L'amuleto di Samarcanda[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi L'amuleto di Samarcanda.

Il millenario jinn Bartimeus viene richiamato dall’Altro Luogo ed evocato a Londra da un ragazzino di dodici anni, Nathaniel. La sua missione è rubare l'Amuleto di Samarcanda a Simon Lovelace, un mago senza scrupoli...

L'occhio del golem[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi L'occhio del golem.

Nathaniel viene convocato a risolvere un mistero inquietante, un mostro enorme, circondato di oscurità, getta Londra nel panico e fa strage di cose e persone. Nathaniel evoca Bartimeus, che l’aveva aiutato già tre anni prima, per risolvere il mistero...

La Porta di Tolomeo[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi La porta di Tolomeo.

Il potere di Londra vacilla. John Mandrake, divenuto Ministro dell’Informazione, è al culmine del potere; ma non può contare sull’aiuto di Bartimeus, perché la lunga permanenza sulla Terra lo ha indebolito quasi mortalmente; Mandrake si rifiuta però di lasciarlo andare. Il giovane pagherà cara la sua strategia: qualcuno evoca Bartimeus per coinvolgerlo in un pericoloso piano che vedrà spiriti e umani uniti contro i maghi...

I protagonisti[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Personaggi della Trilogia di Bartimeus.

La narrazione si svolge dal punto di vista dei suoi tre protagonisti:

  • Il potente spirito (un jinn di quattordicesimo livello ne L'amuleto di Samarcanda, di quarto ne L'occhio del Golem) Bartimeus, che ha più di cinquemila anni. Uno dei suoi primi padroni, Tolomeo, gli concesse tre doni che non ha più dimenticato: l'essere trattato da lui al pari dei maghi; la libertà di muoversi liberamente tra la Terra e l'Altro Luogo (il luogo da cui proviene); e infine l'aver sacrificato gli ultimi istanti della sua vita, prima di morire, per congedarlo e rimandarlo nell'Altro Luogo.
  • Il mago John Mandrake (vero nome Nathaniel), impegnato nella sua ascesa da giovane apprendista a membro del governo. Nathaniel, per vendicarsi di una umiliazione subita, evoca lo spirito Bartimeus. Ma, inavvertitamente, Bartimeus apprende il vero nome di Nathaniel e ciò finisce per limitare notevolmente il controllo di quest'ultimo sul demone, che ora può lanciare delle contromagie utilizzando il nome del mago.
  • Kitty Jones, una comune (umana priva di poteri), facente parte della Resistenza, un'organizzazione di comuni refrattari alla magia che combatte il governo dei maghi che viene distrutta nel secondo libro.

Altri media[modifica | modifica sorgente]

La Miramax Films è attualmente impegnata nella realizzazione di un film sulla Trilogia di Bartimeus.[senza fonte]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]