Trillian (software)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Trillian
software
GenereMessaggistica istantanea
SviluppatoreCerulean Studios
Data prima versione1º luglio 2000
Ultima versione6.0.58 (21 febbraio 2017)
Sistema operativoMultipiattaforma (Microsoft Windows, MacOS, iOS, Android, BlackBerry OS, Browser)
LinguaggioC++
LicenzaProprietario
(licenza non libera)
Sito web

Trillian è un client multi-protocollo per Microsoft Windows, Mac OS X, Linux, Android, iOS e Blackberry OS creato da Cerulean Studios. Permette di collegarsi a molteplici protocolli di messaggistica istantanea da un solo client, o da un'interfaccia web apposita. Il software supporta un proprio protocollo proprietario, oltre a permettere la connessione ad altri protocolli come Facebook Messenger, Google Talk, ICQ, IRC, XMPP, Twitter, e ad account email tramite i protocolli POP3 e IMAP[1]. Altri protocolli, come AIM, Linkedin, Skype, MSN Messenger e Yahoo! Messenger, erano disponibili in passato ma sono stati disattivati per cessazione del servizio o per il ritiro di una API pubblica[2].

È stato distribuito inizialmente il 1º giugno 2000 come client IRC freeware, la prima versione commerciale (Trillian Pro 1.0) fu pubblicata il 10 settembre 2002. La versione 2.0 di Trillian è uscita il 9 settembre 2003. A partire da questa versione, la versione pro del programma supporta l'uso di plugin esterni[senza fonte]. La versione 3.0 uscì il 18 dicembre 2004. La versione attuale è la 6.1, rilasciata a partire da settembre 2017 per le varie piattaforme[3].

Il programma prende il nome da Trillian, un personaggio di fantascienza in Guida galattica per gli autostoppisti di Douglas Adams[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) User Help, su www.trillian.im. URL consultato il 15 luglio 2018.
  2. ^ (EN) Connecting to Skype, su www.trillian.im. URL consultato il 15 luglio 2018.
  3. ^ (EN) News, su www.trillian.im. URL consultato il 15 luglio 2018.
  4. ^ (EN) CNN.com - Trillian restores AOL IM connection - February 26, 2002, su edition.cnn.com. URL consultato il 15 luglio 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]