Trident Records

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Trident Records
StatoItalia Italia
Fondazione1973
Fondata daAngelo Carrara, Antonio Colombi e Maurizio Salvadori
Chiusura2003
Sede principaleMilano
SettoreMusicale
ProdottiVari

La Trident Records, comunemente nota come Trident fu una casa discografica italiana degli anni settanta, attiva dal 1973 al 1975, e successivamente un marchio utilizzato negli anni duemila (dal 2002 al 2003).

Il suo logo consisteva - alternativamente - nella stilizzazione del capo della figura mitologia di Poseidone con il suo tridente, all'interno di un cerchio, oppure nel bozzetto di un tridente impugnato da una mano, all'interno di un cerchio.

Storia della Trident[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1973 al 1975[modifica | modifica wikitesto]

Fondata all'inizio degli anni settanta a Milano dal produttore Angelo Carrara e gestita assieme a Antonio Colombi e Maurizio Salvadori[1], nacque come spin off della Trident Agency, agenzia già esistente e dedita alla promozione organizzazione e produzione di spettacoli.

La Trident Records, con sede in via San Maurilio 13[2], già nel 1973 - anno in cui i primi dischi giunsero alla pubblicazione - costituiva una realtà imprenditoriale a se stante, dedicata alla produzione e pubblicazione di dischi; al pari di altre piccole case discografiche che, poco più che etichette, pur possedendo una sede non disponevano di edizioni discografiche, studi di registrazione ed impianti di stampaggio e canali di distribuzione, anche la Trident esternalizzò tutte queste attività. Così, se i pezzi degli artisti sotto contratto erano depositati presso le Edizioni Usignolo, con sede in Via Meda 15[3], per la produzione, la stampa e la distribuzione dei vinili la Trident si avvalse della Fonit Cetra[4], mentre la registrazione ed il mixaggio dei master avveniva in diversi studi milanesi.

Nella creazione del proprio catalogo, la Trident investì soprattutto sui complessi dell'allora nuovo - per l'Italia - rock progressivo; furono pubblicate le opere dei Biglietto per l'Inferno, i Semiramis (dei quali facevano parte Michele Zarrillo e Giampiero Artegiani), i Dedalus e furono assoldati i Trip[4], provenienti dalla RCA Italiana. Vi fu qualche excursus nell'ambito della produzione di cantautorato di qualità e la musica pop, come nel caso di Claudio Fucci[5]. Direttore artistico - nonché autore - della Trident, in quegli anni, fu Eugenio Finardi[6].

La Trident Records fu attiva solamente fino al 1975, cessando ogni attività in tale anno.

Il marchio ed il catalogo ex Trident Records[modifica | modifica wikitesto]

Con lo stop improvviso delle attività, i lavori della Trident vanno incontro a diversi destini. Da una parte, alcune opere, contrattualizzate sotto la Trident Records e giunte anche a fasi avanzate del processo produttivo, ma mai pubblicate a causa della interruzione dell'impresa, verranno successivamente stampate - anche dopo anni - a cura di altre case discografiche[7][8]; è il caso de il tempo della semina dei Biglietto per l'Inferno, che sarà pubblicato solo nel 1992 dalla Mellow Records.

Altre composizioni - già edite dalla Trident (fra le quali, a titolo di esempio, Dedicato a Frazz, Introspezione[9] e Biglietto per l'Inferno[7]) - ancora richieste, ma la cui stampa e distribuzione non sarebbero state più possibili a causa della chiusura dell'etichetta, sono state poi, da quel momento in poi, e nel corso degli anni, tramite accordi, cedute dagli autori delle stesse, con licenze successive, ad etichette differenti, anche straniere, per essere edite su LP o CD. La presenza, per alcuni di questi singoli dischi, di diverse successive ristampe, sotto differenti etichette, rende estremamente difficoltosa una catalogazione completa ed esaustiva.

Dal canto suo, con il revival del genere prog, il marchio Trident Records stesso è stato nuovamente registrato ed utilizzato, all'inizio degli anni 2000, e fino al 2003 - dal produttore Angelo Carrara attraverso l'agenzia Target Music, per una ristampa ragionata su CD della parte restante del catalogo disponibile, con numerazione e codici originali, attraverso l'etichetta BTF[4]. Quest'ultima etichetta ha poi ristampato alcune opere della Trident anche in anni recenti, anche su vinile.

Nello stesso inizio di decennio, l'etichetta giapponese Arcàngelo (del gruppo DIW, e già impegnata nella ristampa di altre opere progressive italiane fra cui quelle dei Picchio dal Pozzo, New Trolls, ed altri)[10] ha effettuato, su licenza, una analoga ristampa filologica su LP e su CD, di parte scelta del catalogo storico. Con nuova ed inedita numerazione, preceduta dal codice ARC[11], i dischi così stampati sono stati distribuiti anche in Giappone, dove era consistente la domanda di genere.

In anni recenti, il brand Trident Records ha cessato di essere utilizzato per produzioni discografiche, anche se il nome Trident è stato ripreso - unito a diverse parole - da parte del management originale della casa discografica e dell'Agenzia da cui la stessa era nata, per nuova attività imprenditoriali nel settore produzione spettacoli[12].

Parte del catalogo della Trident Records, digitalizzato, è stato infine distribuito nel 2010 in forma virtuale grazie ad un accordo con una società terza[13].

I dischi pubblicati[modifica | modifica wikitesto]

Per la datazione ci siamo basati sull'etichetta del disco, o sul vinile o, infine, sulla copertina; qualora nessuno di questi elementi avesse una datazione, ci siamo basati sulla numerazione del catalogo; se esistenti, abbiamo riportato oltre all'anno il mese e il giorno (quest'ultimo dato si trova, a volte, stampato sul vinile). Laddove stampate, le musicassette avevano identico numero di catalogo, precedute dal codice TRD e le cassette stereo 8 il codice TRE.

33 giri[modifica | modifica wikitesto]

Numero di catalogo Anno Interprete Titoli
TRI 1001 1973 Dedalus Dedalus
TRI 1002 1973 The Trip Time Of Change
TRI 1003 1973 Eneide Uomini umili popoli liberi
TRI 1004 1973 Semiramis Dedicato a Frazz
TRI 1005 1974 Biglietto per l'Inferno Biglietto per l'Inferno
TRI 1006 1974 Opus AvantraDonella Del Monaco Introspezione
TRI 1007 1974 Claudio Fucci Claudio Fucci
TRI 1008 1974 Dedalus Materiale per tre esecutori e nastro magnetico

45 giri[modifica | modifica wikitesto]

Numero di catalogo Anno Interprete Titoli
TRN 1001 1973 Dedalus CT 6/Brilla
TRN 1002 1973 The Trip Corale/Formula nova
TRN 1005 1974 Biglietto per l'Inferno Una strana regina/Confessione
TRN 1006 1974 Opus Avantra Il pavone/Ah doleur
TRN 1007 1974 Claudio Fucci La tua vita/Loro sanno dove?
TRN 1009 1975 Biglietto per l'Inferno Vivi lotta pensa/L'arte sublime di un giusto

Ristampe del catalogo Trident Records[modifica | modifica wikitesto]

Essendo pressoché impossibile una catalogazione delle ristampe ad opera di etichette terze di alcuni dei dischi già prodotti dalla Trident, sono state considerate le sole due ristampe sistematiche - seppur incomplete - di parte del catalogo Trident, effettuate. La prima, ad opera della stessa Trident Records, avvenuta negli anni 2000 in collaborazione e con distribuzione ad opera della BTF s.r.l.; la seconda, su CD ed LP, su licenza, a cura dell'etichetta nipponica Arcàngelo.

CD su etichetta BTF/ Trident Records[modifica | modifica wikitesto]

Numero di catalogo Anno Interprete Titoli
TRI 1001 2001 Dedalus Dedalus
TRI 1004 2006 Semiramis Dedicato a Frazz
TRI 1006 Opus AvantraDonella Del Monaco Introspezione
TRI 1007 2002 Claudio Fucci Claudio Fucci
TRI 1008 2014 Dedalus Materiale per tre esecutori e nastro magnetico

CD ed LP (su marchio Trident ed etichetta Arcàngelo)[modifica | modifica wikitesto]

Numero di catalogo Anno Interprete Titoli
ARC 7001 2002 Dedalus Dedalus
ARC 7002 2002 The Trip Time of Change
ARC 7003 2002 Semiramis Dedicato a Frazz
ARC 7004 2002 Biglietto per l'inferno Biglietto per l'inferno
ARC 7005 2002 Opus Avantra Opus Avantra-Donella Del Monaco
ARC 7006 2002 Dedalus Materiale per tre esecutori e nastro magnetico
ARC 7033 2003 Claudio Fucci Claudio Fucci

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Enrico Ruggeri, Sono stato più cattivo, Edizioni Mondadori.
  2. ^ Label: Trident Records - Rate Your Music, su rateyourmusic.com. URL consultato il 23 ottobre 2019.
  3. ^ Billboard, 2 nov 1968.
  4. ^ a b c Trident, su www.italianprog.com. URL consultato il 23 ottobre 2019.
  5. ^ Claudio Fucci, su www.italianprog.com. URL consultato il 23 ottobre 2019.
  6. ^ Eugenio Finardi e Antonio D'Errico, Spostare l'orizzonte, Rizzoli, 2010.
  7. ^ a b Biglietto per l'Inferno - Wikiwand, su www.wikiwand.com. URL consultato il 23 ottobre 2019.
  8. ^ Biglietto Per L'Inferno - Il Tempo Della Semina, su Discogs. URL consultato il 23 ottobre 2019.
  9. ^ Redazione, PROG – “Rosa Rosae”, il fulgido ritorno di Donella Del Monaco e Opus Avantra | MP News, su mpnews.it. URL consultato il 23 ottobre 2019.
  10. ^ Label: Arcàngelo - Rate Your Music, su rateyourmusic.com. URL consultato il 23 ottobre 2019.
  11. ^ Trident (2), su Discogs. URL consultato il 23 ottobre 2019.
  12. ^ Trident Music - La cultura dello spettacolo, su Trident Music. URL consultato il 23 ottobre 2019.
  13. ^ Rockol com s.r.l, √ Prog 2.0, Pirames distribuisce in digitale il vecchio catalogo Trident, su Rockol. URL consultato il 23 ottobre 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Vari numeri di riviste musicali italiane del biennio 1973-1974, quali Ciao 2001, Qui giovani, Musica e dischi
  • Mario De Luigi, L'industria discografica in Italia, Roma, Lato Side, 1982. ISBN A000221066
  • Mario De Luigi, Storia dell'industria fonografica in Italia, Milano, Musica e Dischi, 2008, ISBN 88-903380-0-8.
  • Vito Vita, Musica Solida. Storia dell'industria del vinile in Italia, Miraggi Edizioni, 2019, ISBN 9788833860459

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica