Tremarctinae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Tremarctinae
Spectacled Bear Tennoji 2.jpg
Orso dagli occhiali (Tremarctos ornatus)
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Carnivora
Famiglia Ursidae
Sottofamiglia Tremarctinae
Merriam & Stock, 1925
Generi

I Tremarctini o orsi dal muso corto sono una sottofamiglia di Ursidae, oggi rappresentata da una singola specie vivente, l'orso dagli occhiali (Tremarctos ornatus) del Sud America, e che comprende diverse specie estinte appartenenti a quattro distinti generi: l'orso dal muso corto della Florida (Tremarctos floridanus), l'orso dal muso corto nordamericano del genere Plionarctos (P. edensis e P. harroldorum) e Arctodus (A. pristinus e A. simus) e gli orsi dal muso corto giganti sudamericani del genere Arctotherium (A. angustidens, A. vetustum, A. bonariense, A. wingei e A. tarijense).[1] Si pensa che il gruppo abbia avuto origine nel Nord America orientale, durante il Miocene superiore, per poi invadere il Sud America come parte del grande scambio americano.[2]

Sistematica[modifica | modifica wikitesto]

Tradizionalmente le relazioni filogenetiche interne dei Tremarctinae mostravano Plionarctos e Tremarctos come gruppi basali rispetto ad un clade di orsi dal muso corta, composto da Arctodus e Arctotherium.[3][4] Uno studio delle affinità degli orsi appartenenti al genere Arctotherium indica che erano più strettamente correlati all'orso dagli occhiali che ad Arctodus, implicando un'evoluzione convergente per le grandi dimensioni nei due lignaggi.[5]

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

La seguente tassonomia degli orsi dal muso corto segue gli studi di Mitchell et al. (2016):[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ J. Krause, Unger, T., Noçon, A., Malaspinas, A., Kolokotronis, S., Stiller, M., Soibelzon, L., Spriggs, H., Dear, P. H., Briggs, A. W., Bray, S. C. E., O'Brien, S. J., Rabeder, G., Matheus, P., Cooper, A., Slatkin, M., Pääbo, S. e Hofreiter, M., Mitochondrial genomes reveal an explosive radiation of extinct and extant bears near the Miocene-Pliocene boundary, in BMC Evolutionary Biology, vol. 8, 28 luglio 2008, p. 220, DOI:10.1186/1471-2148-8-220, PMC 2518930, PMID 18662376.
  2. ^ L.H. Soibelzon, E.P. Tonni e M. Bond, The fossil record of South American short-faced bears (Ursidae, Tremarctinae), in Journal of South American Earth Sciences, vol. 20, 1–2, 2005, pp. 105-113, DOI:10.1016/j.jsames.2005.07.005. URL consultato il 21 febbraio 2019.
  3. ^ Leopoldo H. Soibelzon e Ascanio D. Rincón, The fossil record of the short-faced bears (Ursidae, Tremarctinae) from Venezuela. Systematic, biogeographic, and paleoecological implications, in Neues Jahrbuch für Geologie und Paläontologie, Abhandlungen, vol. 244, n. 3, 2007, pp. 287-298, DOI:10.1127/0077-7749/2007/0244-0287.
  4. ^ Leopoldo H. Soibelzon e Blaine W. Schubert, The largest known bear, Arctotherium angustidens, from the early Pleistocene pampean region of Argentina: with a discussion of size and diet trends in bears, in Journal of Paleontology, vol. 85, n. 1, 2011, pp. 69-75, DOI:10.1666/10-037.1.
  5. ^ a b Kieren J. Mitchell, Sarah C. Bray, Pere Bover, Leopoldo Soibelzon, Blaine W. Schubert, Francisco Prevosti, Alfredo Prieto, Fabiana Martin, Jeremy J. Austin and Alan Cooper, Ancient mitochondrial DNA reveals convergent evolution of giant short-faced bears (Tremarctinae) in North and South America, in Biology Letters, vol. 12, n. 4, 2016, p. 20160062, DOI:10.1098/rsbl.2016.0062, PMC 4881349, PMID 27095265.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi