Trebata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Trebata, leggendario fondatore di Treviri - Olio su tela di Claudius Markar (1684) nella "Sala di Trebata" Museo della storia della città Simeonstift a Treviri, Inventario numero III, 641

Trebata (...) è il leggendario fondatore della città di Treviri (Germania).

Secondo la leggenda, Trebata era figlio di Ninus, Re di Assiria e di una regina caldea.

Ebbe come matrigna la regina Semiramide. Costei lo costrinse a lasciare il regno assiro. Trebata fuggì con il suo seguito in Europa e verso l'anno 2000 a.C. avrebbe fondato sulle rive della Mosella la città di Treviri. Questa saga del fondatore eponimo di Treviri fu riportata per la prima volta nel 1105 nelle cronache delle Gesta Treverorum.

Si credette di riconoscere la sua tomba nel cosiddetto Franzensknüppchen di Petrisberg, in Treviri. Nel tardo medioevo altre città vantarono le loro origini facendole risalire a Trebata. (ad es.: Strasburgo)

A Treviri la "fontana di Trebata" ricorda oggi la saga e una scritta in latino sulla Casa Rossa della piazza del Mercato vi si riferisce:

(LA)

« ANTE ROMAM TREVIRIS STETIT ANNIS MILLE TRECENTIS.
PERSTET ET ÆTERNA PACE FRVATVR. AMEN. »

(IT)

« Mille e trecento anni prima di Roma c'era Treviri
Possa essa esistere ancora e godersi la pace in eterno »

La Casa Rossa con la scritta

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Ilse Haari-Oberg: Die Wirkungsgeschichte der Trierer Gründungssage vom 10. bis 15. Jahrhundert (= Europäische Hochschulschriften, Reihe 3, Band 607), Bern u.a. 1994 (Diss. Bonn).
  • (DE) Wolfgang Binsfeld: Die Gründungslegende. In: Rheinisches Landesmuseum Trier (Hrsg.): Trier – Augustusstadt der Treverer. 2. Auflage, Mainz 1984, ISBN 3-8053-0792-6, S. 7f.