Trattato di Pelindaba

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

     Nazioni che hanno ratificato il trattato

Il trattato di zona franca delle armi nucleari africane, noto anche come Trattato di Pelindaba (dal nome del principale centro di ricerca nucleare del Sudafrica, gestito da The South African Nuclear Energy Corporation che era il luogo dove furono sviluppate, costruite e successivamente immagazzinate le bombe atomiche sudafricane degli anni '70),[1] istituisce una zona libera da armi nucleari in Africa. Il trattato è stato firmato nel 1996 ed è entrato in vigore con la 28ª ratifica il 15 luglio 2009.

Schema del trattato[modifica | modifica wikitesto]

Il trattato vieta la ricerca, lo sviluppo, la fabbricazione, lo stoccaggio, l'acquisizione, il collaudo, il possesso, il controllo o la stazionamento di dispositivi esplosivi nucleari nel territorio delle parti del trattato e lo scarico di rifiuti radioattivi nel territorio africano da parte dei firmatari del trattato. Il trattato proibisce inoltre qualsiasi attacco contro gli impianti nucleari nell'area da parte dei firmatari del trattato e impone loro di mantenere i più elevati standard di protezione fisica dei materiali, delle strutture e delle attrezzature nucleari, che devono essere utilizzati esclusivamente per scopi pacifici. Il trattato impone a tutte le parti di applicare integralmente le disposizioni dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica a tutte le loro attività nucleari pacifiche. Il trattato ha istituito un meccanismo per verificare la conformità, che comprende l'istituzione della Commissione africana per l'energia nucleare. Il suo ufficio sarà in Sudafrica.[2] Il trattato afferma il diritto di ciascuna delle parti di decidere autonomamente se autorizzare visite di navi straniere e aerei ai suoi porti e aeroporti, sostiene esplicitamente la libertà di navigazione in alto mare e non pregiudica i diritti di passaggio attraverso le acque territoriali garantiti da internazionale legge.

Area di applicazione[modifica | modifica wikitesto]

"Zona africana libera da armi nucleari" indica il territorio del continente africano, gli stati insulari membri dell'OUA e tutte le isole considerate dall'Organizzazione dell'Unità africana nelle sue risoluzioni come parte dell'Africa; "Territorio" indica il territorio terrestre, le acque interne, i mari territoriali e le acque arcipelagiche e lo spazio aereo sopra di essi, nonché il fondo marino e il sottosuolo sottostante.[3]

La zona libera da armi nucleari africane (ANWFZ) copre l'intero continente africano e le seguenti isole: Isole Agaléga, Bassas da India, Cabo Verde, Isole Canarie, Cargados Carajos, Arcipelago di Chagos - Diego Garcia, Comore, Europa, Juan de Nova, Madagascar, Mauritius, Mayotte, Prince Edward e Isole Marion, São Tomé e Príncipe, Réunion, Isola di Rodrigues, Seychelles, Tromelin Island, Zanzibar e Pemba Islands.[4]

Questo elenco non menziona le isole oceaniche di St. Helena 1.900 km a ovest dell'Angola meridionale[5] né le sue dipendenze tra cui l'isola di Ascensione e Tristan da Cunha, l'isola di Bouvet  sita a 2.500 km a sud ovest di Città del Capo, le Isole Crozet site a 2.350 km a sud del Madagascar, Kerguelen o Île Amsterdam e Île Saint-Paul, che, con le Samoa americane nell'Oceano Pacifico, sono le uniche terre dell'emisfero meridionale che non si trovano in nessuna delle zone nucleari libere da armi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il tentativo di rendere l'Africa libera dal nucleare iniziò quando l'Organizzazione dell'Unità Africana dichiarò formalmente il suo desiderio di un Trattato che garantisse la denuclearizzazione dell'Africa al suo primo vertice al Cairo nel luglio 1964. Il trattato è stato aperto alla firma l'11 aprile 1996 al Cairo, in Egitto. Tutti gli Stati dell'Africa sono ammessi a diventare parti del Trattato, che entrerà in vigore alla sua 28a ratifica; i Protocolli entreranno inoltre in vigore in quel momento per quei firmatari del Protocollo che hanno depositato i loro strumenti di ratifica. È stato dichiarato nel 1996 che nessuno stato arabo-africano ratificherà il Trattato fino a quando Israele non rinuncerà al suo programma di armi nucleari.[6] Tuttavia, l'Algeria, la Libia e la Mauritania hanno ratificato il Trattato.

L'Assemblea generale delle Nazioni Unite ha approvato senza voto risoluzioni identiche nel 1997 (due volte),[7][8] 1999,[8] 2001,[9] 2003,[10] e 2005[11] invitando gli Stati africani che non l'hanno ancora fatto a firmare e ratificare il Trattato il più presto possibile, in modo che possa entrare in vigore senza indugio e per gli Stati previsti dal Protocollo III di adottare tutte le misure necessarie per garantirne la rapida applicazione. Nel 1995 era stata approvata una risoluzione a sostegno del testo finale del trattato[12].

Stati che hanno ratificato o aderenti[modifica | modifica wikitesto]

A partire dall'ottobre 2018, il trattato è stato ratificato da 40 stati e dalla Repubblica araba dei Saharawi,[13] ed è entrato in vigore il 15 luglio 2009.

Stato Firmato depositato Modalità
Algeria Algeria 10011-04-19961996 aprile 11 10011-02-19981998 febbraio 11 Ratifica
Angola Angola 10011-04-19961996 aprile 11 10020-06-20142014 giugno 20 Ratifica
Benin Benin 10011-04-19961996 aprile 11 10004-09-20072007 settembre 4 Ratifica
Botswana Botswana 10009-06-19981998 giugno 9 10016-06-19991999 giugno 16 Ratifica
Burkina Faso Burkina Faso 10011-04-19961996 aprile 11 10027-08-19981998 agosto 27 Ratifica
Burundi Burundi 10011-04-19961996 aprile 11 10015-07-20092009 luglio 15 Ratifica
Camerun Cameroon 10011-04-19961996 aprile 11 10028-09-20102010 settembre 28 Ratifica
Ciad Ciad 10011-04-19961996 aprile 11 10018-01-20122012 gennaio 18 Ratifica
Comore Comore 10011-04-19961996 aprile 11 10024-07-20122012 luglio 24 Ratifica
Rep. del Congo Repubblica del Congo 10027-01-19971997 gennaio 27 10026-11-20132013 novembre 26 Ratifica
Costa d'Avorio Costa d'Avorio 10011-04-19961996 aprile 11 10028-07-19991999 luglio 28 Ratifica
Guinea Equatoriale Guinea Equatoriale 10000-00-00 10019-02-20032003 febbraio 19 Adesione
Etiopia Etiopia 10011-04-19961996 aprile 11 10013-03-20082008 marzo 13 Ratifica
Gabon Gabon 10011-04-19961996 aprile 11 10012-06-20072007 giugno 12 Ratifica
Gambia Gambia 10011-04-19961996 aprile 11 10016-10-19961996 ottobre 16 Ratifica
Ghana Ghana 10011-04-19961996 aprile 11 10027-06-20112011 giugno 27 Ratifica
Guinea Guinea 10011-04-19961996 aprile 11 10021-01-20002000 gennaio 21 Ratifica
Guinea-Bissau Guinea-Bissau 10011-04-19961996 aprile 11 10004-01-20122012 gennaio 4 Ratifica
Kenya Kenya 10011-04-19961996 aprile 11 10009-01-20012001 gennaio 9 Ratifica
Lesotho Lesotho 10011-04-19961996 aprile 11 10014-03-20022002 marzo 14 Ratifica
Libia Libia 10011-04-19961996 aprile 11 10011-05-20052005 maggio 11 Ratifica
Madagascar Madagascar 10000-00-00 10023-12-20032003 dicembre 23 Adesione
Malawi Malawi 10011-04-19961996 aprile 11 10023-04-20092009 aprile 23 Ratifica
Mali Mali 10011-04-19961996 aprile 11 10022-07-19991999 luglio 22 Ratifica
Mauritania Mauritania 10011-04-19961996 aprile 11 10024-02-19981998 febbraio 24 Ratifica
Mauritius Mauritius 10011-04-19961996 aprile 11 10024-04-19961996 aprile 24 Ratifica
Mozambico Mozambico 10011-04-19961996 aprile 11 10028-08-20082008 agosto 28 Ratifica
Namibia Namibia 10011-04-19961996 aprile 11 10001-03-20122012 marzo 1 Ratifica
Niger Niger Apr 11, 1996 Feb 22, 2017 Ratifica
Nigeria Nigeria 10011-04-19961996 aprile 11 10018-06-20012001 giugno 18 Ratifica
Ruanda Ruanda 10011-04-19961996 aprile 11 10001-02-20072007 febbraio 1 Ratifica
Sahara Occidentale Repubblica Democratica Araba dei Sahrawi 10020-06-20062006 giugno 20 10027-01-20142014 gennaio 27 Ratifica
Senegal Senegal 10011-04-19961996 aprile 11 10025-10-20062006 ottobre 25 Ratifica
Seychelles Seychelles 10009-07-19961996 luglio 9 10023-05-20142014 maggio 23 Ratifica
Sudafrica Sudafrica 10011-04-19961996 aprile 11 10027-03-19981998 marzo 27 Ratifica
Swaziland Swaziland 10011-04-19961996 aprile 11 10017-07-20002000 luglio 17 Ratifica
Tanzania Tanzania 10011-04-19961996 aprile 11 10019-06-19981998 giugno 19 Ratifica
Togo Togo 10011-04-19961996 aprile 11 10018-07-20002000 luglio 18 Ratifica
Tunisia Tunisia 10011-04-19961996 aprile 11 10007-10-20092009 ottobre 7 Ratifica
Zambia Zambia 10011-04-19961996 aprile 11 10018-08-20102010 agosto 18 Ratifica
Zimbabwe Zimbabwe 10011-04-19961996 aprile 11 10006-04-19981998 aprile 6 Ratifica

Stati che hanno firmato ma non ratificato[modifica | modifica wikitesto]

Tutti i paesi sono membri dell'Unione Africana

Stato firmato
Capo Verde Capo Verde 10011-04-19961996 aprile 11
Rep. Centrafricana Repubblica Centrafricana 10011-04-19961996 aprile 11
RD del Congo Repubblica Democratica del Congo 10011-04-19961996 aprile 11
Gibuti Gibuti 10011-04-19961996 aprile 11
Egitto Egitto 10011-04-19961996 aprile 11
Eritrea Eritrea 10011-04-19961996 aprile 11
Liberia Liberia 10009-07-19961996 luglio 9
Marocco Marocco 10011-04-19961996 aprile 11
São Tomé e Príncipe São Tomé e Príncipe 10009-07-19961996 luglio 9
Sierra Leone Sierra Leone 10011-04-19961996 aprile 11
Somalia Somalia 10023-02-20062006 febbraio 23
Sudan Sudan 10011-04-19961996 aprile 11
Uganda Uganda 10011-04-19961996 aprile 11

Stati non firmatari[modifica | modifica wikitesto]

Stato
Sudan del Sud Sudan del Sud (parte del Sudan fino a luglio 2011)

Stati dotati di armi nucleari e zone Africane libere da armi nucleari[modifica | modifica wikitesto]


Trattato Regione Superficie Stati Vigente da
Antartico Antartide 14.000.000 km2 23 Gennaio 1961
Spazio extra-atmosferico Spazio 10 Ottobre 1967
Tlatelolco America Latina Caraibica 21.069.501 km2 33 25 Aprile 1969
Fondali marini Fondali Marini 18 Maggio 1972
Rarotonga Pacifico del Sud 9.008.458 km2 13 11 Dicembre 1986[14]
Bangkok 4.465.501 km2 10 28 Marzo 1997[15]
MNWFS MOngolia 1.564.116 km2 1 28 Febbraio 2020
CANWFZ Asia Centrale 4.003.451 km2 5 21 Marzo 2009[16]
Pelindaba Africa 30.221.532 km2 53 15 Luglio 2009
Totale: 84.000.000 km2 116

Il trattato prevede tre protocolli.

Ai sensi del Protocollo I, gli Stati Uniti, la Francia, il Regno Unito, la Russia e la Repubblica popolare cinese sono invitati a concordare di non utilizzare o minacciare di utilizzare un dispositivo esplosivo nucleare contro una parte del trattato o contro qualsiasi territorio di uno degli stati di cui al protocollo III all'interno la zona africana.
Ai sensi del Protocollo II, gli Stati Uniti, la Francia, il Regno Unito, la Federazione Russa e la Cina sono invitati a concordare di non testare o assistere o incoraggiare la sperimentazione di un dispositivo esplosivo nucleare ovunque all'interno della zona africana.
Il Protocollo III è aperto agli stati con territori dipendenti nella zona e li obbliga a osservare alcune disposizioni del trattato in relazione a tali territori; solo la Spagna e la Francia possono diventarne Parti.

A partire dall'11 Marzo 2011, il Regno Unito, La Francia, La Federazione Russa e la Repubblica Democratica Cinese hanno firmato e ratificato i protocolli, ma gli Stati uniti d'America non li hanno ancora ratificarti.[17][18] La Spagna non ha né firmato né ratificato il Protocollo III.[19]

Gli Stati Uniti hanno sostenuto il concetto di denuclearizzazione dell'Africa sin dalla prima risoluzione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite su questo tema nel 1965 e hanno svolto un ruolo attivo nella stesura del testo finale del trattato e dei protocolli. Gli Stati Uniti hanno firmato i protocolli I e II nel 1996, ma non li hanno ratificati. Nel maggio 2010, il Segretario di Stato americano Hillary Clinton ha annunciato che l'amministrazione Obama avrebbe presentato questi protocolli al Senato degli Stati Uniti per un consiglio e il consenso alla ratifica.[20]

Lo stato dell'isola di Diego Garcia nell'Oceano Indiano, controllato dal Regno Unito e utilizzato come base militare dagli Stati Uniti, per quanto riguarda il Trattato non è chiaro. Diego Garcia fa parte dell'arcipelago di Chagos rivendicato da Mauritius. Le altre isole dell'arcipelago di Chagos sono considerate in Africa e sono sotto il trattato, ma né gli Stati Uniti né il Regno Unito riconoscono Diego Garcia come soggetto al trattato.[21][22]

Applicazione[modifica | modifica wikitesto]

Per consentire la verifica dell'impegno di non proliferazione nucleare, il trattato impone alle parti di concludere accordi di salvaguardia globali con l'AIEA equivalenti agli accordi richiesti in relazione al trattato di non proliferazione delle armi nucleari (TNP). Ventuno Stati in Africa devono ancora mettere in vigore tali accordi. L'AIEA li incoraggia a mettere in vigore tali accordi il più presto possibile[23].

Ai sensi dell'articolo 12 (Meccanismo di conformità) del trattato, dopo l'entrata in vigore, le parti convengono di istituire una commissione africana per l'energia nucleare (AFCONE). Oltre ad essere un meccanismo di conformità, la Commissione sarà responsabile dell'incoraggiamento dei programmi regionali e subregionali per la cooperazione negli usi pacifici della scienza e della tecnologia nucleare. L'istituzione di AFCONE inoltre: incoraggerebbe gli Stati africani ad assumersi la responsabilità delle loro risorse naturali, e in particolare del materiale nucleare; e a proteggersi dallo scarico di rifiuti tossici.[14]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Von Wielligh, N. & von Wielligh-Steyn, L. (2015). The Bomb – South Africa’s Nuclear Weapons Programme. Pretoria: Litera.
  2. ^ Department of Foreign Affairs, Republic of South Africa, https://web.archive.org/web/20060821052448/http://www.dfa.gov.za/foreign/Multilateral/africa/treaties/anwfz.htm. URL consultato il 28 luglio 2006 (archiviato dall'url originale il 21 agosto 2006).
  3. ^ iaea.org, http://www.iaea.org/About/Policy/GC/GC40/Documents/pelindab.html. URL consultato il 12 maggio 2016.
  4. ^ Noel Scott, Amelia du Rand e Jean du Preez, Arms Management Program, Institute for Security Studies, ottobre 2008, https://issafrica.s3.amazonaws.com/site/uploads/RATPAKPELINDABATREATYOCT08.PDF.
  5. ^ oceandots.com, https://web.archive.org/web/20101223043232/http://www.oceandots.com/atlantic/saint-helena/. URL consultato il 23 dicembre 2010 (archiviato dall'url originale il 23 dicembre 2010).
  6. ^ Captain Mark E. Rosen e U.S. Navy, Nuclear-Weapon-Free Zones: Time for a fresh look, in Duke Journal of Comparative and International Law, vol. 8, n. 1, Fall 1997, pp. 29–78. URL consultato il 28 luglio 2006 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2005).
  7. ^ United Nations Official Document, su www.un.org. URL consultato il 15 giugno 2020.
  8. ^ a b United Nations Official Document, su www.un.org. URL consultato il 15 giugno 2020.
  9. ^ United Nations Official Document, su www.un.org. URL consultato il 15 giugno 2020.
  10. ^ United Nations Official Document, su www.un.org. URL consultato il 15 giugno 2020.
  11. ^ United Nations Official Document, su www.un.org. URL consultato il 15 giugno 2020.
  12. ^ United Nations Official Document, su www.un.org. URL consultato il 15 giugno 2020.
  13. ^ Pelindaba, su disarmament.un.org.
  14. ^ a b ISS Today, http://www.issafrica.org/iss-today/africa-is-now-officially-a-zone-free-of-nuclear-weapons.
  15. ^ nti.org, https://web.archive.org/web/20130512090723/http://www.nti.org/treaties-and-regimes/african-nuclear-weapon-free-zone-anwfz-treaty-pelindaba-treaty/?OpenView. URL consultato il 12 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 12 maggio 2013).
  16. ^ African Nuclear-Weapon-Free Zone Enters into Force | James Martin Center for Nonproliferation Studies
  17. ^ (EN) ISSAfrica.org, Africa Is Now Officially a Zone Free of Nuclear Weapons, su ISS Africa, 12 agosto 2009. URL consultato il 15 giugno 2020.
  18. ^ African Nuclear-Weapon-Free-Zone (ANWFZ) Treaty (Pelindaba Treaty) | Treaties & Regimes | NTI, su www.nti.org. URL consultato il 15 giugno 2020.
  19. ^ (EN) African Nuclear-Weapon-Free Zone Enters into Force, su James Martin Center for Nonproliferation Studies, 12 agosto 2009. URL consultato il 15 giugno 2020.
  20. ^ Remarks at the Review Conference of the Nuclear Nonproliferation Treaty Archiviato il 28 dicembre 2016 in Internet Archive., Hillary Rodham Clinton, Secretary of State, The United Nations, New York City, May 3, 2010.
  21. ^ Arms Control Association, https://web.archive.org/web/20060809134008/http://www.armscontrol.org/factsheets/nwfz.asp. URL consultato il 28 luglio 2006 (archiviato dall'url originale il 9 agosto 2006).
  22. ^ Journal of Environmental Law, vol. 21, DOI:10.1093/jel/eqn034, http://jel.oxfordjournals.org/cgi/content/full/21/1/113.
  23. ^ Articles, su www.isria.com. URL consultato il 15 giugno 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN191536686 · LCCN (ENno2011090213 · GND (DE4797793-0
Diritto Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto