Trattato di Parigi (1783)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Trattato di Parigi
Treaty of Paris 1783 - last page (hi-res).jpg
ContestoGuerra di indipendenza americana
Firma3 settembre 1783
LuogoHotel d'York, Parigi
PartiUS flag 13 stars – Betsy Ross.svg Tredici colonie
Flag of the Kingdom of France (1814-1830).svg Regno di Francia
Bandera de España 1760-1785.svg Regno di Spagna
Flag of the Dutch Republic.png Province Unite
Flag of Great Britain (1707-1800).svg Regno di Gran Bretagna
FirmatariUS flag 13 stars – Betsy Ross.svg Benjamin Franklin
US flag 13 stars – Betsy Ross.svg John Jay
US flag 13 stars – Betsy Ross.svg John Adams
Flag of Great Britain (1707-1800).svg David Hartley
voci di trattati presenti su Wikipedia
Quadro di Benjamin West delle delegazioni al Trattato di Parigi formata da John Jay, John Adams, Benjamin Franklin, Henry Laurens e William Temple Franklin. Il delegato britannico David Hartley rifiutò il ritratto, che è rimasto incompleto.

Con il trattato di Parigi del 3 settembre 1783 (detto anche trattato di Versailles del 1783), il Regno di Gran Bretagna, la Francia, la Spagna, le Province Unite e le Tredici colonie (i futuri Stati Uniti d'America) chiudono il conflitto che durava da otto anni, fra il primo e le altre quattro. Il trattato sancisce la fine della guerra d'indipendenza americana e dei conflitti collegati (la guerra anglo-francese, la guerra anglo-spagnola e la quarta guerra anglo-olandese) e consiste sommariamente:

  • nel riconoscimento da parte della Gran Bretagna dell'indipendenza delle tredici colonie unite (i futuri Stati Uniti d'America);
  • nella rinuncia da parte della Gran Bretagna ai territori fra i monti Allegani e il Mississippi che diventava la linea di frontiera fra gli Stati Uniti d'America ed i possedimenti spagnoli nel nord America;
  • nel diritto di libera navigazione del Mississippi sia per le imbarcazioni britanniche che per quelle degli Stati Uniti;
  • il mantenimento del territorio del Canada (il più ricco di animali da pelliccia, il cui commercio costituiva il pilastro dell'economia nord-americana dell'epoca[1]) da parte della Gran Bretagna e della sua Compagnia della Baia di Hudson, la qual cosa fu una delle cause della successiva Guerra anglo-americana, risolta col Trattato di Gand del 1814 e con quello di Rush-Bagot, del 1817, che impose la smilitarizzazione della zona dei Grandi Laghi;
  • nella restituzione alla Gran Bretagna delle isole Antille occupate dalla Francia;
  • nella restituzione alla Francia dell'isola di Tobago e di alcuni avamposti fortificati sulla costa del Senegal;
  • nella restituzione a Spagna e Paesi Bassi delle colonie occupate dalla Gran Bretagna;
  • nel passaggio della Florida dalla Gran Bretagna alla Spagna che la cederà agli Stati Uniti nel 1819;
  • nella risistemazione dei territori di competenza di Francia e Gran Bretagna in India;

Il trattato venne firmato all'Hotel d'York a 56, Rue Jacob nel VI arrondissement nei pressi dell'ambasciata britannica situata al n° 47.

Firma dei preliminari del Trattato di Parigi il 30 novembre 1782.
Placca all'Hotel d'York al 56, rue Jacob.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Storia Portale Storia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia