Trattato di Marrakech

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il trattato di Marrakech, ufficialmente «Trattato di Marrakech per facilitare l'accesso ai testi pubblicati alle persone cieche, con incapacità visive o altre difficoltà ad accedere al testo stampato»,[1][2] è un trattato internazionale sottoscritto su impulso Organizzazione mondiale per la proprietà intellettuale (OMPI), a Marrakech, Marocco, il 28 giugno 2013,[3][4] che ha introdotto il principio che il diritto d'autore trova una vistosa deroga di fronte alla necessità di permettere ai non vedenti o ipovedenti di accedere su un piano di parità al sapere.[5][6] ll documento contiene eccezioni alla proprietà intellettuale per i testi destinati a persone con disabilità visiva (in audio, Braille, con caratteri ingranditi o in versione elettronica); resta fermo che tale beneficio si applica solo a favore dei disabili, mentre nei confronti degli altri soggetti trova piena applicazione la tutela del diritto d'autore. Il trattato, inoltre, sancisce che tali libri possano essere scambiati, a livello transnazionale, fra organizzazione e organizzazione.

La firma è stata salutata con entusiasmo dalla European Blind Union, l'organizzazione che rappresenta i non vedenti europei: infatti, essa stima in 285 milioni gli ipovedenti in tutto il mondo e afferma che solo il 5% dei libri che vengono pubblicati è oggi disponibile in versione accessibile.[7]

Paesi firmatari[modifica | modifica wikitesto]

Il Brasile firma il trattato di Marrakech

Un totale di 51 paesi ha sottoscritto il trattato nella conferenza diplomatica di Marrakech. Per entrare in vigore era prevista la ratifica del trattato da parte di almeno 20 paesi.[8][9], quota raggiunta nel giugno 2016[10][11] contro i 13 del dicembre 2015 [12][13]

Al 30 giugno 2016 i paesi che hanno ratificato il trattato sono: India, El Salvador, Emirati Arabi Uniti, Mali, Uruguay, Paraguay, Singapore, Argentina, Messico, Mongolia, Repubblica di Corea, Australia, Brasile, Perù, Repubblica democratica popolare di Corea, Israele, Cile, Ecuador, Guatemala e Canada. Al 23 aprile 2018 gli stati che hanno ratificato il trattato sono saliti a 36.[14]

Unione Europea[modifica | modifica wikitesto]

L'Unione Europea ha sottoscritto il trattato[15] e sotto la presidenza greca ha spinto i paesi a ratificarlo, ma in concreto all'interno dell'Unione sono sorte delle remore ad una conclusione rapida dell'iter procedurale, che si cerca di superare attraverso la strada della ratifica da parte dell'Unione per tutti i 28 paesi membri[16] Per evitare estensioni abusive, si pensa di limitare l'esenzione alle sole biblioteche specializzate per ciechi o ipovedenti.

Sono sorte divergenze tra Unione Europea ed alcuni dei suoi paesi membri sulla competenza in materia.[17] L'Unione propende per una sua competenza esclusiva, Repubblica Ceca, Finlandia, Francia, Germania, Romania, Slovacchia e Slovenia per una competenza concorrente.

Il 3 marzo 2015 è stata presentata una interrogazione al Parlamento europeo: che a fronte delle indiscrezioni "secondo cui Italia, Germania e Regno Unito, insieme ad altri Paesi, starebbero bloccando il trattato di Marrakesh, “si impegna a collaborare attivamente con gli attori interessati per trovare una soluzione pragmatica ai fini dell'adesione al trattato di Marrakech”."[18] e a fine maggio al Senato Italiano[19] per sapere quali difficoltà frenino l'iter della concreta applicabilità del trattato[20][21][22][23][24].

Nel gennaio 2016 è stata presentata una proposta di risoluzione per sottolineare che un gruppo di sette stati sta rallentando l'iter dell'adesione[25]

L'Italia, che è all'avanguardia per quello che riguarda la disponibilità di testi accessibili ai non vedenti, si trova tra le nazioni che frenano l'applicazione del trattato di Marrakech come introduzione di una deroga alla normativa sul diritto d'autore[26]

L'Unione europea ha ratificato il trattato per tutti i 28 membri il 1 ° ottobre 2018. Le disposizioni del trattato entreranno in vigore in tutta l'UE (incluso nel Regno Unito) il 1 ° gennaio 2019. [27] [19] [28]

USA[modifica | modifica wikitesto]

Il 28 giugno 2018, il Senato degli Stati Uniti ha approvato la legge di attuazione; la Camera ha approvato con un consenso unanime il 25 settembre 2018. Il disegno di legge e il trattato sono stati firmati in legge dal Presidente il 9 ottobre 2018[29]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Diplomatic Conference to Conclude a Treaty to Facilitate Access to Published Works by Visually Impaired Persons and Persons with Print Disabilities
  2. ^ Tratado de Marrakech para facilitar el acceso a las obras publicadas a las personas ciegas, con discapacidad visual o con otras dificultades para acceder al texto impreso, su wipo.int. URL consultato il 9 luglio 2014.
  3. ^ Stevie Wonder Hails Landmark WIPO Treaty Boosting Access to Books for Blind and Visually Impaired Persons
  4. ^ Conferencia Diplomática sobre la conclusión de un tratado que facilite a las personas con discapacidad visual y a las personas con dificultad para acceder al texto impreso el acceso a las obras publicadas, su wipo.int. URL consultato il 9 luglio 2014.
  5. ^ Sulle eccezioni al diritto d'autore anche prima del trattato di Marrakech Vezzoso
  6. ^ Almansi Archiviato il 26 febbraio 2015 in Internet Archive.
  7. ^ Più diffusione per i libri per ciechi: firmato dall’Ue il trattato di Marrakech. Inail riporta erroneamente 285 milioni di ciechi ma è il numero di ipovedenti, cfr. https://www.who.int/blindness/GLOBALDATAFINALforweb.pdf
  8. ^ wipo.int, 28 giugno 2013, http://www.wipo.int/pressroom/es/articles/2013/article_0018.html. URL consultato il 9 luglio 2014.
  9. ^ I primi paesi a ratificarlo sono stati El Salvador, India, Mali, Paraguay, Emirati Arabi Uniti e Uruguay.
  10. ^ Wipo
  11. ^ west info eu
  12. ^ Wipo
  13. ^ wipo.int
  14. ^ Wipo
  15. ^ EUR-Lex - 32014D0221 - EN - EUR-Lex
  16. ^ Archivio CGIL
  17. ^ Consiglio dell'Unione Europea
  18. ^ Dal Parlamento europeo una risoluzione sui diritti delle persone con disabilità
  19. ^ Senato
  20. ^ Europart
  21. ^ Isabella Adinolfi 5Stelle
  22. ^ Unione Europea
  23. ^ http://www.ebookreaderitalia.com/opere-e-accessibilita-italia-e-germania-tardano-la-ratifica-del-trattato-di-marrakech/
  24. ^ Unione Italiana Ciechi
  25. ^ Parlamento Europeo
  26. ^ Iniziative e news | Società Italiana degli Autori ed Editori
  27. ^ [1]
  28. ^ [2]
  29. ^ [3]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Diritto Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto