Trasporti in Calabria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Calabria.

Il sistema stradale e autostradale[modifica | modifica wikitesto]

L'autostrada A3 e le principali strade statali della Calabria
L'autostrada A3 e le principali strade statali della Calabria con legenda

Gli assi longitudinali[modifica | modifica wikitesto]

Le principali infrastrutture stradali possono essere classificate in due gruppi separati, il primo comprendente le infrastrutture viarie che attraversano tutta la regione da nord a sud[1]:

Numero Denominazione e
lunghezza tratto calabrese
Inizio Fine Principali località attraversate nel tratto calabrese
A3 A3 Salerno - Reggio Calabria
(293,900 km)
Napoli Reggio Calabria Castrovillari, Montalto Uffugo, Rende, Cosenza, Lamezia Terme, Vibo Valentia, Gioia Tauro, Palmi
SS 206 SS 106 Ionica
(415,000 km)
Taranto Reggio Calabria Corigliano, Rossano Scalo, Cirò Marina, Crotone, Catanzaro Lido, Soverato, Locri, Siderno
SS 18 SS 18 Tirrenica
(535,132 km)
Napoli Reggio Calabria Praia a mare, Scalea, Cetraro, Paola, Amantea, Lamezia Terme, Pizzo, Vibo Valentia, Rosarno, Gioia Tauro, Palmi, Bagnara Calabra, Scilla, Villa San Giovanni

Gli assi trasversali[modifica | modifica wikitesto]

Il secondo gruppo, comprende strade trasversali, che percorrono da sinistra a destra (ovest-est) attraversando anche i principali promontori della regione, e sono:

Numero Denominazione e
lunghezza tratto calabrese
Inizio Fine Principali località attraversate nel tratto calabrese
SS 280 Strada statale 280 dei Due Mari
(28,000 km)
Lamezia Terme Catanzaro Marcellinara, Settingiano
SS 107 Strada statale 107 Silana Crotonese
(137,300 km)
Paola Crotone Rende, Cosenza, San Giovanni in Fiore, Crotone
SS 283 Strada statale 283 delle Terme Luigiane
(52,477 km)
Guardia Piemontese Spezzano Albanese Fagnano Castello, San Marco Argentano, Roggiano Gravina
SS 534 Strada statale 534 di Cammarata e degli Stombi
(21,305 km)
Firmo Cassano all'Ionio
SS 182 Strada statale 182 delle Serre Calabre
(91,720 km)
Vibo Marina Soverato (in corso di realizzazione e ultimazione la "Trasversale delle Serre)
SS 682 Strada statale 682 Jonio-Tirreno
(42,300 km)
Rosarno Marina di Gioiosa Ionica Melicucco, Polistena, Cinquefrondi, Mammola, Gioiosa Jonica
SS 682 Strada statale 111 di Gioia Tauro e Locri
(55 km)
Gioia Tauro Locri Taurianova, Cittanova
SS 110 Strada statale 110 di Monte Cucco e Monte Pecoraro
(88,315 km)
Monasterace Pizzo Stilo, Caulonia (Ziia), Serra San Bruno
SS 109 Strada statale 109 della Piccola Sila
(164,000 km)
Nicastro Steccato di Cutro

In generale[modifica | modifica wikitesto]

Molte di queste infrastrutture viarie sono in corso di ammodernamento e per una è prevista la totale rimodellazione e modificazione del tracciato. In generale il territorio regionale è attraversato da:

  • circa 3.300 km di strade statali[2];
  • circa 5.700 km di strade provinciali[2];
  • circa 6.700 km di strade comunali[2].

La più importante infrastruttura è certamente l'autostrada A3 Salerno - Reggio Calabria, quella che più di altre ha influenzato le forme degli insediamenti urbani e territoriali da essa percorsa.

Analizzando i vari e differenti contesti locali dello sviluppo di tutta la Regione, i più significativi vengono solcati proprio dalla

  • Salerno - Reggio Calabria; il resto della Regione, soprattutto gli insediamenti della fascia ionica ma anche gli insediamenti della fascia costiera tirrenica cosentina, soffrono molto la mancanza di un collegamento viario importante come l'A3.

Dall'A3, attualmente interessata da lavori di ammodernamento, si diramano a pettine le principali vie di comunicazione stradale che solcano in modo trasversale la Regione.

Le altre due infrastrutture longitudinali sono:

  • la SS 18, per quel che riguarda il versante tirrenico, una strada storicamente rilevante la cui gran parte delle funzioni di arteria di grande comunicazione sono state assorbite dalla A3; alla SS 18 viene affidato oggi, il semplice compito di collegare in maniera capillare i centri costieri più vicini per brevi tratti, senza dover necessariamente utilizzare l'A3.
  • la SS 106, per quel che riguarda la fascia ionica; il discorso è molto diverso relativamente al versante ionico, poiché esso registra ancora elevati gradi di congestionamento e di criticità, generati dal fatto che la SS 106 rappresenta l'unica arteria stradale dello ionio per gli spostamenti sulle medie distanze; la SS 106 infatti è l'unica arteria stradale che percorre la costa ionica calabrese fino a raggiungere Taranto attraversando la costa ionica lucana. Interessata da un imponente fase di ammodernamento, che dovrebbe garantirgli una struttura autostradale, per una spesa totale che si aggira intorno a 1.500.000.000 euro, oggi la SS 106 si presenta come una strada di collegamento capillare fra tutti i centri sorti lungo la costa ionica.

A completare la rete stradale principale calabrese, troviamo gli otto assi trasversali, di cui sei molto rilevanti, quali:

  • la SS 280 Lamezia Terme - Catanzaro Lido che attraversa la Piana di Sant'Eufemia (Lamezia) solcando la vallata che segna la fine del massiccio della Sila e l'inizio di quello dell'Aspromonte, collegando Lamezia Terme con Catanzaro. È una strada di recente realizzazione che è interessata da un cospicua fase di urbanizzazione sia di tipo industriale e commerciale, che residenziale. L'infrastruttura solca un sistema insediativo interurbano di notevole dimensioni;
  • la SS 107 Silana - Crotonese che congiunge Paola a Crotone attraversando tutto l'altipiano silano, è probabilmente la trasversale più importante della Calabria, non solo per la lunghezza (140 km circa), ma perché ha tolto dall'isolamento molti centri che gravitano sull'altipiano. Realizzata agli inizi degli anni settanta nel quadro di opere infrastrutturali da realizzare in Calabria (comprendente anche l'A3), promossa dall'allora Ministro Giacomo Mancini, è una strada di grande comunicazione (SGC) a scorrimento veloce che attraversa tangenzialmente alcuni centri urbani della Sila, del Marchesato Crotonese e della Catena Costiera, mentre attraversa i centri abitati dei comuni di Spezzano della Sila e di Celico;
  • la Guardia Piemontese - Spezzano Albanese, che attraversa trasversalmente la Sila Greca, fino a raggiungere la Piana di Sibari e terminare a Spezzano Albanese. La SS 283 attraversa la catena costiera tirrenica, solca la valle del Savuto attraversando molti comuni. Termina nel centro della valle, e si congiunge con
  • la SS 534 "Sibaritide", che parte da Firmo passa da Spezzano Albanese congiungendosi con la SS 283 terminando sulla costa ionica dopo aver attraversato la Piana di Sibari[3]. Le due SS congiunte formano il primo asse trasversale che si trova percorrendo la Calabria arrivando da Nord;
  • la Strada statale 182 delle Serre Calabre "Trasversale delle Serre" è una infrastruttura in corso di realizzazione che collegherà Vibo Valentia a Soverato. Sarà una struttura che andrà a sostituire la già esistente SS 182, ma il tracciato sarà completamente ridefinito e riadagiato. La realizzazione di questa struttura avrà una valenza molto importante, in quanto collegherà i due centri turistici balneari più importanti della Regione, ovvero Soverato, che è sulla costa ionica, e Tropea (che dista poco da Vibo è che tramite adeguazioni dei collegamenti attuali, sarà adeguatamente collegata), sulla tirrenica, offrendo ai turisti la possibilità di visitare questi due centri turistici, percorrendo in pochi minuti (trenta minuti circa) il nuovo tratto stradale. L'importanza di questa infrastruttura è confermata anche dal fatto che essa è inserita fra le "cinque grandi opere da realizzare" da parte dell'ANAS. La nuova infrastruttura attraverserà anche un altro dei più importanti centri turistici regionali, Serra San Bruno, che annualmente conta migliaia di visitatori che raggiungono questo splendido paesino per visitarne la preziosa certosa;
  • la Strada statale 682 Jonio-Tirreno Marina di Gioiosa Ionica - Rosarno, fu realizzata agli inizi degli anni novanta con lo scopo di poter attraversare l'Aspromonte usufruendo di una infrastruttura moderna a scorrimento veloce. Per realizzarla furono necessari la realizzazione di numeri viadotti (uno dei quali è il secondo più lungo d'Italia) e di gallerie. Può essere considerata, come una degli ultimi importanti interventi infrastrutturali realizzati nella Regione, insieme al porto di Gioia Tauro e all'aeroporto di Crotone;

Di minore importanza invece sono:

Il sistema ferroviario[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Rete ferroviaria della Calabria.

La rete ferroviaria della Calabria, comprende sia linee a scartamento normale, gestite interamente dalle società del gruppo Ferrovie dello Stato che a scartamento ridotto gestite dalle Ferrovie della Calabria. Le ferrovie calabresi sono costituite dalle due dorsali tirrenica e jonica tra le quali insistono le trasversali cosentina (Paola-Cosenza-Sibari) e catanzarese (Lamezia Terme-Catanzaro Lido). Molte linee, della rete a scartamento ridotto, sono state dismesse e quasi tutte smantellate, in gran numero tra gli anni sessanta, (ma altre fino quasi alle soglie degli anni novanta), perché poco competitive rispetto al trasporto su strada, quasi sempre un duplicato del percorso ferroviario o in quanto le esigenze economiche ed industriali per cui erano nate, come il trasporto del legname dai boschi del Pollino e della Sila si erano ridotte o cessate del tutto. La rete calabrese, in alcune sue parti è fondamentale perché costituisce parte del Asse ferroviario europeo Ten-1[4] ed è essenziale per il trasporto proveniente dalla Sicilia o dal nord verso di essa.

Il sistema portuale[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Porti della Calabria
Porto di Gioia Tauro
  • Porto di Gioia Tauro (I classe): infrastruttura industriale ed è il più grande scalo commerciale del mediterraneo;
  • Porto di Reggio Calabria (II classe): sede della direzione marittima della regione è un'infrastruttura a carattere commerciale/industriale con una parte dedicata alla nautica da diporto, è collegato prevalentemente con Messina, con le Isole Eolie e con Malta. Con oltre 10 milioni di passeggeri trasportati all'anno, è il primo della regione e il secondo in Italia nel settore[5];
  • Porto di Villa San Giovanni (II classe): è una struttura orientata esclusivamente ai trasporti, collega infatti il traffico ferroviario ed il grande traffico stradale tra Calabria e Sicilia;
  • Porto di Vibo Marina (II classe): a funzione turistica, commerciale e industriale;
  • Porto di Crotone (II classe): con un bacino mercantile e uno per la pesca e il diporto;
  • Porto di Corigliano (II classe): grande scalo, commerciale-peschereccio;
  • Porto di Palmi (II classe): scalo turistico peschereccio e porto rifugio della Costa Viola, sorge nel litorale della Tonnara;
  • Porto di Cirò Marina (IV classe): scalo turistico peschereccio, è destinato alla pesca locale e al diporto;
  • Porto di Tropea (IV classe): a funzione prevalentemente turistica.

Il sistema aeroportuale[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Aeroporto di Lamezia Terme, Aeroporto di Reggio Calabria e Aeroporto di Crotone.

La regione è dotata di tre aeroporti, di cui uno con continuità di voli internazionali:

Di seguito la tabella con i dati complessivi del traffico passeggeri dei tre aeroporti calabresi negli ultimi dieci anni:

Aeroporti della Calabria
Aeroporto Lamezia.jpg Pista Aeroporto Reggio Calabria.jpg
Aeroporto di Lamezia Terme Aeroporto di Reggio Calabria Aeroporto di Crotone
Anno Passeggeri
2013 2.772.029
2012 2.934.326
2011 2.985.389
2010 2.568.663
2009 2.208.460
2008 2.131.615
2007 2.148.330
2006 2.069.146
2005 1.646.431
2004 1.650.588

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ www.inu.it/download_eventi/XXVCongresso/CL.doc XXV CONGRESSO INU: INFRASTRUTTURE, CITTÀ E TERRITORI CONTRIBUTO DELLA SEZIONE CALABRIA a cura di Enrico COSTA e Gino Cesare MAURO
  2. ^ a b c www.inu.it/download_eventi/XXVCongresso/CL.doc XXV CONGRESSO INU: INFRASTRUTTURE, CITTÀ E TERRITORI CONTRIBUTO DELLA SEZIONE CALABRIA a cura di Enrico COSTA e Gino Cesare MAURO, pag. 2
  3. ^ Geograficamente la SS attraversa i piedi del Pollino fino a giungere sulla costa ionica, dopo aver attraversato la Piana di Sibari
  4. ^ Mappa in formato PDF
  5. ^ dati Istat 2006, vedi Porti d'Italia per flusso di passeggeri.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]