Tranvia di Locarno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tranvia di Locarno
Città Locarno
Inaugurazione 1908 (Minusio–Sant'Antonio stazione)
1910 (Sant'Antonio stazione–Piazza Sant'Antonio)
1933 (Sant'Antonio stazione–Solduno)
Chiusura 1933 (Sant'Antonio stazione–Piazza Sant'Antonio)
1960 (Minusio–Solduno)
Vecchi gestori TLo (1908-1923)
FART (1923-1960)
Tipo tranvia
Scartamento 1000 mm
Alimentazione elettrica
Trasporto pubblico

La tranvia di Locarno era costituita da una sola breve linea tranviaria a trazione elettrica che collegava la città a Muralto e Minusio, transitando anche dalla stazione ferroviaria. Fu in esercizio dal 1908 al 1960[1]. Fu inizialmente gestita dalla Tramvie Elettriche Locarnesi (TLo), in seguito il servizio fu affidato alle Ferrovie regionali ticinesi (FRT, oggi FART).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fermata di Muralto Croce Bianca.

Il servizio fu inaugurato il 1º ottobre 1908 sul percorso stazione Sant'Antonio (capolinea della ferrovia della Vallemaggia inaugurata un anno prima) – Piazza Grande – Stazione Gottardbahn – Minusio[2]. La richiesta di concessione prevedeva che la tranvia avesse le medesime caratteristiche tecniche della ferrovia della Vallemaggia dalla stazione di Locarno S. Antonio sino all'allora officina del gas; in quel punto la linea si sarebbe diramata: da una parte la linea per la stazione della Ferrovia del Gottardo attraverso la Piazza Grande (con caratteristiche tranviarie), dall'altra una linea lungo via G. A. Orelli verso il lago (da costruirsi con caratteristiche tali da permettere la circolazione dei treni merci provenienti dalla Vallemaggia)[3]. Già nel 1908 la compagnia richiese una modifica della concessione in modo tale da poter essere liberata dall'obbligo di trasporto di viaggiatori e bagagli lungo la linea per il lago[4].

Nel 1910 la linea fu prolungata fino a Piazza Sant'Antonio. Questo percorso fu soppresso nel 1933 a causa della scarsa frequentazione (su 40 corse giornaliere, 10 circolavano a vuoto). Il 20 marzo 1914 venne aperta all'esercizio la tratta tra Minusio e il definitivo capolinea presso l'albergo Esplanade[5]. La linea fu in seguito nuovamente prolungata fino a Solduno, sui binari delle ferrovie FRT (Valmaggina e Centovallina)[6]. Il 30 aprile 1960 terminò il servizio tranviario, sostituito da autocorse[1].

La società TLo rimase autonoma fino al 1923, anno dell'apertura della ferrovia Locarno - Domodossola. Da allora la gestione del servizio è assicurata dalle Ferrovie regionali ticinesi (FRT, oggi FART) che raggruppa le citate ferrovie Locarno - Domodossola, Locarno - Bignasco e la tranvia)[7].

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

Stazioni e fermate
Unknown route-map component "uexKBHFa"
Minusio Esplanade
Unknown route-map component "uexHST"
Minusio Crocifisso
Unknown route-map component "uexHST"
Minusio Piazza
Unknown route-map component "uexHST"
Muralto Croce bianca
Unknown route-map component "uexHST" Unknown route-map component "exKBHFa" Unknown route-map component "tKBHFa"
Locarno stazione FART
Unknown route-map component "uexmABZg+l" Unknown route-map component "exSTRr" Unknown route-map component "tSTR"
Unknown route-map component "uexABZgl" Unknown route-map component "exSTR+r" Unknown route-map component "tSTR"
biforcazione circonvallazione Lago
Unknown route-map component "uexHST" Unknown route-map component "exSTR" Unknown route-map component "tSTR"
Locarno Piazza Grande
Unused straight waterway Unknown route-map component "exBST" Unknown route-map component "tSTR"
Locarno Azienda Gas & Macello[8]
Unknown route-map component "uexHST" Unknown route-map component "exSTR" Unknown route-map component "tSTR"
Locarno Largo Zorzi
Unknown route-map component "uexHST" Unknown route-map component "exHST" Unknown route-map component "tSTR"
Locarno Piazza Castello
Unknown route-map component "uexmABZg+l" Unknown route-map component "exSTRr" Unknown route-map component "tSTR"
biforcazione circonvallazione Lago
Unknown route-map component "uexSTR+l" Unknown route-map component "uexABZgr" Unknown route-map component "tSTR"
diramazione per Piazza Sant'Antonio * 1908 † 1933
Unknown route-map component "uexKBHFe" Unused straight waterway Unknown route-map component "tSTR"
Piazza Sant'Antonio * 1908 † 1933
Unknown route-map component "exBHF" Unknown route-map component "tBHF"
Sant'Antonio
Unknown route-map component "exHST" Unknown route-map component "tHST"
Solduno
Unknown route-map component "xABZg+l" Unknown route-map component "tSTRaq" Unknown route-map component "tSTRr"
Stop on track
San Martino
Stop on track
Ponte Brolla
Unknown route-map component "exKRW+l" Unknown route-map component "eKRWgr"
Unknown route-map component "exCONTf" Continuation forward
Linee per Bignasco † e Domodossola
Raccordo per il lago, anni 1914-1918.

Note

  • la stazione di Locarno FART è capolinea (dal 1923) della ferrovia per Domodossola e dal 1908 al 1965 di quella per Bignasco;
  • i binari del tram furono utilizzati, tra Sant'Antonio e Locarno FART, anche dalla ferrovia per Bignasco[9] e da quella per Domodossola. Nell'aprile 1927[10] venne inaugurata la cosiddetta circonvallazione Lago usata dalle due ferrovie ma non dai tram. Nel 1990 fu sostituita da una galleria.

Materiale rotabile[modifica | modifica wikitesto]

Sin dall'apertura all'esercizio della fino alla sua sostituzione con autobus vennero impiegate tre elettromotrici Ce 2/2 1-3 di costruzione MAN/Alioth. Nel 1946 vennero affiancate da due elettromotrici Ce 2/4 4-5 di costruzione MAN/Oerlikon provenienti dalla tranvia Altstätten — Berneck dove erano entrate in servizio nel 1904. Al momento della cessazione del servizio tutto il materiale rotabile passò alle FART[11]. Tuttora preservate sono le motrici Ce 2/2 1, in servizio presso le FART come Be 2/2 7[12], e le Ce 2/4 4-5, che erano state quasi subito cedute dalle FART alla SSIF[13]. La motrice numero 4 è esposta presso la stazione di Santa Maria Maggiore, mentre la numero 5, di proprietà della Associazione Ferrovia Biella Oropa[14], è conservata presso il santuario di Oropa a ricordare la soppressa tranvia per Biella.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b :Ferrovie Autolinee Regionali Ticinesi (FART) - Svizzera:
  2. ^ Autorizzazione dell'apertura della linea, Foglio federale, volume IV, anno 1908, pagina 935
  3. ^ Messaggio del Consiglio federale concernente la concessione di una tranvia elettrica da Locarno a Minusio (eventualmente Gordola) del 14 marzo 1905, Foglio federale, volume II, anno 1905, pagina 461
  4. ^ Messaggio del Consiglio federale concernente una modifica della concessione di una tranvia elettrica da Locarno a Minusio (eventualmente Gordola) del 3 ottobre 1909, Foglio federale, volume VI, anno 1909, pagine 647-648
  5. ^ Rapporto di gestione del Consiglio federale per l'anno 1914, pagina 315
  6. ^ Modifica della concessione (soppressione tratta Sant'Antonio - piazza Sant'Antonio), Foglio federale, Volume I, anno 1933, pagine 8-15
  7. ^ :Ferrovie Autolinee Regionali Ticinesi (FART) - Svizzera:
  8. ^ Immagine del 1986
  9. ^ Ratifica dal parte del governo dell'accordo tra la compagnia dei tram e la ferrovia Locarno-Bignasco, Foglio federale, Volume II, anno 1908, pagine 468-472
  10. ^ Albé, Alessandro, La ferrovia Locarno Domodossola, Nuova Edizioni Trelingue, Viganello-Lugano 1988, p. 189
  11. ^ Albé, Alessandro, La ferrovia Locarno Domodossola, Nuova Edizioni Trelingue, Viganello-Lugano 1988, p. 192
  12. ^ Materiale Rotabile, Ferrovie Autolinee Regionali Ticinesi (FART). URL consultato il 14-07-2013.
  13. ^ Albé, Alessandro, La ferrovia Locarno Domodossola, Nuova Edizioni Trelingue, Viganello-Lugano 1988, p. 135
  14. ^ Chi siamo, Associazione FerroviaBiellaOropa. URL consultato il 14-07-2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]