Transparent

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Transparent
Transparent (serie TV).png
Immagine tratta dalla sigla della serie televisiva
Titolo originaleTransparent
PaeseStati Uniti d'America
Anno2014-2017
Formatoserie TV
Generecommedia drammatica
Stagioni4
Episodi40 + 1 film TV
Durata28-30 min (episodio)
Lingua originaleinglese
Rapporto16:9
Crediti
IdeatoreJill Soloway
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Prima visione
Distribuzione originale
Dal26 settembre 2014
Al21 settembre 2017
DistributorePrime Video
Prima TV in italiano
Dal9 giugno 2015
Al7 febbraio 2018
Rete televisivaSky Atlantic

Transparent è una serie televisiva statunitense di genere commedia drammatica creata da Jill Soloway per Amazon Studios. La serie ha debuttato su Prime Video il 6 febbraio 2014 ed è terminata il 27 settembre 2019, con la pubblicazione di un film TV musicale conclusivo.

In Italia, le prime quattro stagioni sono andate in onda dal 9 giugno 2015[1] al 7 febbraio 2018 sul canale satellitare Sky Atlantic, mentre il film TV conclusivo è stato distribuito su Prime Video il 27 settembre 2019.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La serie narra le vicende di una famiglia di Los Angeles dopo la scoperta che il padre Mort è transessuale.[2]

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Episodi Pubblicazione USA Prima TV Italia
Prima stagione 10 2014 2015
Seconda stagione 10 2015 2016
Terza stagione 10 2016 2017
Quarta stagione 10 2017 2018
Film TV 2019 2019

Personaggi e interpreti[modifica | modifica wikitesto]

Personaggi principali[modifica | modifica wikitesto]

Personaggi secondari[modifica | modifica wikitesto]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 marzo 2014 Amazon Studios ha rinnovato la serie per ulteriori episodi che costituiscono la prima stagione,[3] resi disponibili dal 26 settembre 2014.[4] La serie è stata rinnovata da Amazon per una seconda stagione pubblicata dal 30 novembre all'11 dicembre 2015. Amazon Studios ha successivamente rinnovato la serie per una terza stagione. Prima della première della terza stagione, arriva il rinnovo anche per la quarta stagione. Stessa cosa, vale per la quinta, rinnovata prima della première della quarta stagione.

Il 19 novembre 2017, Tambor ha annunciato di aver lasciato la serie dopo che diverse accuse di molestie sessuali sono state fatte contro di lui. Ufficialmente licenziato da Transparent il 15 febbraio 2018.[5]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 2015
    • Golden Globe
      • Miglior serie televisiva commedia o musicale
      • Miglior attore in una serie televisiva commedia o musicale a Jeffrey Tambor
    • AFI Awards
      • Programma televisivo dell'anno
    • GLAAD Media Awards
      • Miglior serie televisiva commedia
    • Young Artist Awards[6]
      • Miglior performance in una serie televisiva - Giovane attrice ricorrente di anni 14-16 a Emily Robinson
      • Nomination per la Miglior performance in una serie televisiva - Giovane attrice ricorrente di anni 17-21 a Kiersey Clemons
    • Premio Emmy
      • Miglior attore protagonista in una serie commedia a Jeffrey Tambor
      • Miglior regia per una serie commedia a Jill Soloway
      • Miglior attore guest star in una serie commedia a Bradley Whitford
      • Miglior tema musicale originale di una sigla a Dustin O'Halloran
      • Migliori costumi per una serie, miniserie o film contemporanea a Marie Schley
      • Nomination Miglior scenografia per una serie con episodi inferiori ai 30 minuti
      • Nomination Miglior casting per una serie commedia
      • Nomination Miglior montaggio video per una serie commedia single-camera
      • Nomination Miglior scenografia per una serie con episodi inferiori ai 30 minuti
  • 2016
    • Golden Globes
      • Nomination Miglior serie commedia o musicale
      • Nomination Migliore attrice non protagonista in una serie, mini-serie o film per la televisione a Jeffrey Tambor
    • Premio Emmy
      • Miglior attore protagonista in una serie commedia a Jeffrey Tambor
      • Miglior regia per una serie commedia per l'episodio "Man on the Land" a Jill Soloway
      • Miglior scenografia per una serie con episodi fino a 30 minuti
      • Nomination per la miglior serie commedia
      • Nomination per la miglior attrice non protagonista in una serie commedia a Gaby Hoffmann
      • Nomination per la miglior attrice non protagonista in una serie commedia a Judith Light
      • Nomination per la miglior attrice guest star in una serie commedia a Melora Hardin
      • Nomination per il miglior attore guest star in una serie commedia a Bradley Whitford
      • Nomination per il miglior casting per una serie commedia a Eyde Belasco
      • Nomination per i migliori costumi per una serie con episodi fino a 30 minuti

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sky Atlantic: cosa ci aspetta nel 2015?, sky.it. URL consultato il 21 febbraio 2015.
  2. ^ Amazon Has Finally Made Its House of Cards, Slate, 11 febbraio 2014. URL consultato il 12 febbraio 2014.
  3. ^ Amazon Studios 'orders four original series', BBC News, 12 marzo 2014. URL consultato il 23 marzo 2014.
  4. ^ Laura Prudom, Amazon’s ‘Transparent’ Season 1 to Debut Late September, ‘Bosch’ Premiering Early 2015, su Variety, 12 luglio 2014. URL consultato il 31 luglio 2014.
  5. ^ Jeffrey Tambor Officially Dropped From 'Transparent' in Wake of Harassment Claims', Hollywood Reporter, 15 febbraio 2018. URL consultato il 21 febbraio 2018.
  6. ^ (EN) Young Artist Awards 2015, su www.youngartistawards.org. URL consultato il 20 aprile 2015 (archiviato dall'url originale l'11 settembre 2015).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]