Trans Europa Naturgas Pipeline

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Trans Europa Naturgas Pipeline
Localizzazione
Nazioni attraversate Paesi Bassi Paesi Bassi
Germania Germania
Svizzera Svizzera
Inizio Bocholtz
Fine Wallbach
Informazioni generali
Tipo Gas naturale
Progettista Trans Europa Naturgas Pipeline GmbH & Co. KG
Eni
E.ON
Costruzione 1972 - 2009
Informazioni tecniche
Lunghezza 968 km
Capacità 15,5 miliardi di m³/anno
Diametro 0,95 m
 

Trans Europa Naturgas Pipeline (conosciuto con l'acronimo di TENP) è un gasdotto che corre per 500 km (968 km complessivi) da Bocholtz, nei Paesi Bassi, e termina a Wallbach, in Svizzera, dove si connette con Transitgas. Trasporta il gas dei giacimenti olandesi fino all'Italia, alla Germania e alla Svizzera.

È sviluppato su due linee che hanno una capacità di 15.5 miliardi di metri cubi annui.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

È stato costruito tra il 1972 e il 1974, come parte tedesca del sistema di gasdotti per l'importazione di gas olandese in Italia[1]. Nel 2006 è stato completato il raddoppio del tracciato.

Proprietà[modifica | modifica wikitesto]

Il proprietario dell'infrastruttura è Trans Europa Naturgas Pipeline GmbH & Co. KG, joint venture tra E.ON Ruhrgas (51%) and Eni (49%).

Eni Gas Transport Deutschland S.p.A. ed E.ON Gastransport GmbH gestiscono il sistema di trasporto TENP, forniscono e commercializzano i relativi servizi di trasporto[2].

Eni ha avviato un processo di dismissione per queste partecipazioni[3].

Il 22 settembre 2011 ENI cede il 100% delle azioni detenute in Eni Gas Transport Deutschland, il 49% delle azioni in Trans Europa Naturgas Pipeline KG (Tenp Kg) e il 50% delle azioni di Trans Europa Naturgas Pipeline GmbH alla società Fluxys G, partecipata al 90% da Publigas SCRL ed al 10% da Caisse de dépôt et placement du Québec[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]