Tragedia della discoteca Kiss

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fiori depositati sul luogo della tragedia.

La tragedia della discoteca Kiss avvenne il 27 gennaio 2013 in una discoteca di Santa Maria, in Brasile.[1]

La tragedia[modifica | modifica wikitesto]

Nella notte tra sabato 26 e domenica 27 gennaio, la discoteca ospitò una festa di adolescenti universitari.[1] Durante lo spettacolo pirotecnico, i razzi bengala e i fuochi d'artificio colpirono il soffitto del locale bruciando la plastica e scatenando l'incendio, divampato quasi subito.[1]

I giovani presero d'assalto l'uscita, vicina ai servizi igienici, creando un ingorgo che impedì di abbandonare in sicurezza la discoteca.[2] Al di là del fuoco, le molte vittime (232 secondo i calcoli della polizia) morirono anche per la calca e l'asfissia dovuta al fumo. I vigili del fuoco spensero le fiamme soltanto 3 ore dopo, dovendo sfondare anche le pareti del locale per intervenire.[2]

Gravità dell'incidente[modifica | modifica wikitesto]

La stampa locale definì l'incidente come il più grave verificatosi negli ultimi 50 anni.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Brasile, incendio in discoteca: oltre 230 morti. Il rogo partito dai fuochi pirotecnici, repubblica.it, 27 gennaio 2013. URL consultato il 29 gennaio 2013.
  2. ^ a b Brasile, strage di ragazzi: almeno 232 morti in un incendio, corriere.it, 27 gennaio 2013. URL consultato il 29 gennaio 2013.
  3. ^ (PT) Incêndio em boate no RS mata mais de 240 na maior tragédia em 50 anos, G1 RS.it, 27 gennaio 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]