Traditio legis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dettaglio dei mosaici (traditio legis) del sacello di Sant'Aquilino a Milano

La traditio legis ("consegna della legge") è un tema iconografico tipico dell'arte paleocristiana. Si tratta di raffigurazioni di Cristo tra san Paolo e san Pietro, a cui porge un rotolo, con l'eventuale presenza di altri apostoli. Tale raffigurazione, presente soprattutto nell'area di influenza romana, rappresenta la trasmissione del messaggio evangelico agli apostoli ed in particolare a Pietro, fondamento dell'autorità papale. La traditio legis aveva quindi un contenuto anche ideologico e campeggiava infatti nel catino absidale dell'antica basilica di San Pietro[1]. Cominciò ad essere utilizzata in ambito funerario e le prime testimonianze si trovano su sarcofagi, anche se l'origine va cercata nell'iconografia imperiale.

Il nome di traditio legis dato a questo tipo di raffigurazione deriva dalla scritta "DOMINUS LEGEM DAT" che compare sul rotolo che Cristo porge a Pietro in un mosaico del Battistero di San Giovanni in Fonte a Napoli.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Serena Ensoli, Eugenio La Rocca, Aurea Roma: dalla città pagana alla città cristiana, 2000.
  2. ^ Lorenzo Cappelletti, Gli affreschi della cripta anagnina iconologia', 2002, ISBN 88-7652-910-1, 9788876529108

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]