Toyota TF103

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Toyota TF103
Toyota F1 Car 2003.jpg
Descrizione generale
Costruttore Giappone  Toyota F1 Team
Tipo principale Formula 1
Sostituisce la Toyota TF102
Sostituita da Toyota TF104
Altre caratteristiche
Altro
Progetto Gustav Brunner

La Toyota TF103 fu una vettura di Formula 1 con cui il team nipponico affrontò la stagione 2003. Disegnata da Gustav Brunner, fu pilotata dal francese Olivier Panis e dal brasiliano Cristiano da Matta, campione in carica della CART. I due sostituirono Mika Salo e Allan McNish, piloti titolari nella stagione precedente.

Per il progetto della vettura la Toyota stanziò circa 350 milioni di euro e i vertici della scuderia dichiararono che l'obiettivo per la stagione era di qualificare almeno uno dei due piloti tra i primi dieci ad ogni gara e di raggiungere costantemente la zona punti.[1] Nei fatti il miglior risultato fu un quinto posto ottenuto da Panis in Germania, mentre entrambi i piloti riuscirono a qualificarsi al terzo posto in un'occasione a testa.

Presentazione[modifica | modifica wikitesto]

La vettura venne ufficialmente presentata l'8 gennaio 2003 al Circuito Paul Ricard, in Francia[2].

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

La TF103 aveva un disegno molto tradizionale, e fu considerata dallo stesso costruttore più come una 'logica evoluzione' dalla vettura che la precedette, la TF102. Più leggera (circa 90 kg di meno) e più sottosterzante, la vettura vide l'impegno principale oltre che di Gustav Brunner anche di Keizo Takahashi, capo del coordinamento tecnico. L'aerodinamica si ispirava a quella della vincente Ferrari F2002[2]. La vettura disponeva anche di un cambio nuovo che però dette dei problemi di affidabilità. Altri problemi venivano dati dal sistema di alimentazione.

Lo sterzo della vettura.

Dalla gara di Silverstone, vennero presentate dalle migliorie aerodinamiche.

Il più importante sviluppo rispetto alla TF102 derivò dal motore: il RVX-03 fu testato per la prima volta nel settembre 2002 e presentava due vantaggio rispetto al RVX-02; era più leggero e più potente. Il responsabile del propulsore era l'ingegnere italiano Luca Marmorini.

Carriera agonistica[modifica | modifica wikitesto]

La stagione[modifica | modifica wikitesto]

Le prestazioni della TF103 superarono quelle della TF102, facendo segnare in tutto 16 punti, 10 con da Matta e 6 con Panis. Le due vetture furono anche ai primi due posti durante il Gran Premio di Gran Bretagna, ciò grazie alla confusione portata in pista da un invasore, Neil Horan, all'undicesimo giro. Da Matta fu capace di resistere in testa fino al giro 29.

Panis fu capace, nel Gran Premio di Indianapolis, di partire in terza posizione, così come da Matta in Giappone, seguito, sempre in seconda fila, dal suo compagno di scuderia. Panis fece segnare il terzo miglior tempo in gara in Germania, in cui giunse quinto, miglior risultato fino al quel momento per la scuderia.

Risultati completi[modifica | modifica wikitesto]

(Legenda: il grassetto indica le pole position, il corsivo indica i giri veloci)

Anno Vettura Motore Gomme Piloti Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Brazil.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Austria.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Japan.svg Punti Pos.
2003 TF103 Toyota V10 RVX-03 M Panis Rit Rit Rit 9 Rit Rit 13 8 Rit 8 11 5 Rit Rit Rit 10 16
Da Matta Rit 11 10 12 6 10 9 11 Rit 11 7 6 11 Rit 9 7

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giuseppe Piazzi, Toyota atto secondo, in Quattroruote Speciale, nº 24, Domus, marzo 2003, pp. p. 55.
  2. ^ a b La Toyota ricomincia dalla Rossa, archiviostorico.gazzetta.it, 9 gennaio 2003. URL consultato il 12 maggio 2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1