Torto o ragione? Il verdetto finale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Torto o ragione? Il verdetto finale
Torto o ragione-rai1.jpg
Paese Italia
Anno 2008-2017
Genere giudiziario
Durata 90 min
Lingua originale italiano
Crediti
Conduttore Veronica Maya (2008-2014)
Tiberio Timperi (2 gennaio-17 febbraio 2012, 5 maggio-30 maggio 2014)
Monica Leofreddi (2014-2017)
Regia Gianfranco Di Pasqua (2008-2011)
Andrea Apuzzo (2011-2015)
Giuseppe Sciacca (2015- 2017)
Casa di produzione Endemol
EndemolShine Italy
Rete televisiva Rai 1

Torto o ragione? Il verdetto finale è stato un programma televisivo italiano giuridico non istituzionale, andato in onda su Rai 1 dal 2008 al 2017. Fino al 2014 era chiamato Verdetto finale ed era condotto da Veronica Maya, mentre le successive edizioni sono state presentate da Monica Leofreddi.

Il programma[modifica | modifica wikitesto]

Dinanzi al giudice, che dà inizio al processo con un colpo di martelletto, si presentano due contendenti, che raccontano una controversia che li divide. Tali contendenti sono due attori che interpretano una parte; le storie da loro interpretate, come detto nei titoli di coda, sono frutto di fantasia.

I contendenti sono assistiti rispettivamente dagli avvocati Lorenzo Radogna (che ha preso il posto di Daniele Castaldi dalla seconda edizione) e Maria Chiara Cudillo (sostituita per motivi familiari in alcune puntate dall'avvocato Maria Gabriella Di Pentima) confermati anche dopo il restyling del programma.

Inizialmente la presentatrice chiede prima ai legali e poi ai contendenti il motivo per il quale si trovavano davanti al giudice, dando a loro modo di spiegare le proprie motivazioni. Nelle storie, i contendenti raccontano che c'è sempre un episodio clou e spesso è il motivo finale per cui si trovarono uno contro l'altro. Successivamente i due vanno uno alla volta a fianco del giudice, non per parlare con lui, ma per essere sottoposti ciascuno alle domande dell'avvocato della controparte. Dopo la discussione, i due avvocati fanno una breve arringa in favore dei propri assistiti.

La giuria è composta da tredici membri, e presieduta fino al 2011 da un personaggio VIP che cambiava di puntata in puntata, e che era parte attiva durante il dibattito; dal 2011-2012, in concomitanza con il restyling del programma e dello studio, il ruolo di presidente di giuria viene ricoperto a rotazione da un componente della stessa giuria (e ha come compito solamente quello di leggere il verdetto finale); coloro che fino ad allora erano presidenti di giuria (e non solo loro), vengono invece invitati a rotazione per svolgere semplicemente la funzione di opinionisti.

Dopo le arringhe i giurati si ritirano in una stanza per discutere e decidere il verdetto che poi comunicano in studio con l'affermazione "Con giudizio di (risultato) il verdetto finale è a favore di...". Prima però il giudice esprime, tramite la propria sentenza, quello che dice la legge nel caso analizzato durante la puntata, e il fumettista Max Schioppa (fino al 2013 era Sergio Criminisi) illustra la vicenda con una vignetta satirica.

Per le prime tre edizioni (dal 15 settembre 2008 al 3 giugno 2011), il programma è stato trasmesso la mattina, per poi essere spostato il pomeriggio alle 14.10 (cosa che era già successa dall'11 maggio all'11 settembre 2009). Dal 2012 lo show va in onda dal CPTV RAI di Napoli.

Veronica Maya è stata rimossa dai dirigenti delle reti RAI il 30 aprile 2014 ed è stata sostituita nuovamente da Tiberio Timperi fino al termine della stagione (30 maggio 2014). Fino al 2013 il giudice è stato Domenico De Bonis, sostituito prima da Giuseppe Febbraro e poi da Enrico Picillo. Dal 2014, il giudice nuovo è diventato Manuela Maccaroni, presidente dell'Associazione Nazionale Avvocati per i Minori e le Famiglie.

L'aggiornamento nel 2014 e la chiusura del programma nel 2017[modifica | modifica wikitesto]

Dall'8 settembre 2014 il programma, pur mantenendo il suo formato, si rinnova: cambia nome in Torto o ragione? Il verdetto finale e viene condotto da Monica Leofreddi, mentre il nuovo giudice è Manuela Maccaroni. Inoltre, i due contendenti si avvalgono ognuno di un testimone per esporre le proprie ragioni. In più, la conduttrice interagisce con i giurati mentre sono riuniti per deliberare il verdetto. Anche la formula del verdetto è cambiata: "Con giudizio di (risultato) la ragione è dalla parte di...".

Già durante la puntata del 7 maggio 2012, tuttavia, nella fase compresa tra gli interrogatori e le domande del pubblico, è stato ascoltato e controesaminato dagli avvocati un testimone per ciascuna delle parti in giudizio. Inoltre nella puntata del 19 novembre 2014 è stato ascoltato invece un ulteriore testimone aggiuntivo, raggiunto tramite collegamento telefonico. Dalla stagione 2016-17, i contendenti spiegano in video le loro ragioni.

Il formato era stato acquistato dalla spagnola TVE, che però ha rinunciato a produrlo. In questo aggiornamento si rinnova completamente lo studio. Il 20 febbraio 2017, viene comunicata la notizia che Rita Dalla Chiesa sarà per 10 puntate consecutive a partire dal 27 dello stesso mese presidente fisso di giuria. Il 24 maggio 2017 viene annunciata la chiusura del programma dopo gli ascolti non sufficienti riportati nella stagione appena conclusa. La notizia viene annunciata anche dalla conduttrice tramite reti sociali. La dirigenza Rai starebbe pensando di sostituirlo con un gioco a premi.

Articoli sul programma[modifica | modifica wikitesto]

Ascolti dal 2010[modifica | modifica wikitesto]

Anno Telespettatori Share
2010-2011 1.197.000 25,88%
2011-2012 2.012.000 13,21%
2012-2013 2.251.000 14,29%
2013-2014 1.791.000 11,72%
2014-2015 1.640.000 12,53%
2015-2016 1.611.000 13,60%
2016-2017 1.354.000 10,18%

Note[modifica | modifica wikitesto]


Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione