Torri e bastioni di Alghero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La Porta a terra

Alghero è una delle poche città fortificate italiane ad aver mantenuto circa il 70% delle sue mura (manca la parte dal forte della Maddalena alla Torre dell'Esperò Rejal), con annesse torri: recentemente valorizzati da un restauro, i bastioni offrono una passeggiata sul mare che circonda la città vecchia, e si congiungono con il Lungomare Dante costruito negli anni cinquanta del XX secolo.

Bastioni[modifica | modifica wikitesto]

Bastioni sul mare
Torre della Polveriera

I bastioni che difendono la città vecchia dal mare sono dell'epoca catalano-aragonese, e a partire dalla Piazza Sulis sono dedicate alla memoria di famosi navigatori:

Forti[modifica | modifica wikitesto]

Torri urbane[modifica | modifica wikitesto]

Torre dell'Esperò Rejal o di Sulis

Torri extraurbane[modifica | modifica wikitesto]

Ma non solo le fortificazioni aragonesi sono presenti sul territorio algherese: durante la seconda guerra mondiale numerosi fortini e capisaldi furono eretti qui e in tutta la Sardegna a difesa della costa e dell'entroterra; molti di questi vengono tuttora utilizzati come abitazioni temporanee, anche se ci sono ovviamente tensioni con le basi NATO (soprattutto con la base della Speranza), che ha richiesto che almeno venissero murati i tunnel ancora agibili che li collegano all'area militare.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]