Torri Kharraqan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Torri Kharraqan
Kharaghan.jpg
Le torri Kharāghān
StatoIran Iran
ProvinciaProvincia di Qazvin
LocalitàQazvin
ReligioneMusulmana
ConsacrazionePrima torre 1067
Seconda torre 1093
ArchitettoMuhammad bin Makki al-Zanjani
Stile architettonicoSelgiuchide

Coordinate: 35°50′24.5″N 49°00′32.2″E / 35.840139°N 49.008944°E35.840139; 49.008944

Le Torri Kharraqan sono un mausoleo, eretto nel 1067 e nel 1093, siti nel nord dell'Iran, vicino a Qazvin.

Le torri[modifica | modifica wikitesto]

Le strutture sono in mattoni e il basamento di 15 metri di altezza e 4 metri di larghezza, e fanno ampio uso della geometria. All'interno del mausoleo più vecchio c'è una lampada e dei dipinti.

La torre orientale risale al 1067-68, mentre la torre occidentale al 1093.[1] Entrambe le torri sembrano essere il lavoro dell'architetto Muhammad bin al-Makki Zanjani.[2] Si ritiene che l'occupante della torre orientale fosse Abu Sa'id Bijar e l'occupante della torre occidentale Abu Mansur Iltayti.

Queste torri sono degli esempi residui dell'architettura che esisteva durante il periodo selgiuchide medievale Persia.[3]

XIX secolo[modifica | modifica wikitesto]

Entrambe le torri sono state significativamente danneggiate dal sisma di Bou'in-Zahra del 2002. Si trovavano in un buono stato di conservazione prima dell'evento, suggerendo che fu uno dei più potenti terremoti nella regione da circa 900 anni.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ David Stronach and T. Cuyler Young, Jr, Three Seljuq Tomb Towers, Iran, Vol. 4, 1966:6.
  2. ^ David Stronach and T. Cuyler Young, Jr, Three Seljuq Tomb Towers, 6.
  3. ^ David Stronach and T. Cuyler Young, Jr, Three Seljuq Tomb Towers, 1.
  4. ^ R. T. Walker, Bergman, E, Jackson, J, Ghorashi, M e Talebain, M., The 2002 June 22 Changureh (Avaj) earthquake in Qazvin province, northwest Iran: epicentral relocation, source parameters, surface deformation and geomorphology, in Geophysical Journal International, vol. 160, nº 2, 2005, pp. 707–720, Bibcode:2005GeoJI.160..707W, DOI:10.1111/j.1365-246X.2005.02516.x.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]