Marina di Novaglie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Torre di Porto Novaglie)
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Novaglie" rimanda qui. Se stai cercando il centro abitato in Valpantena, vedi Novaglie (Verona).
Marina di Novaglie
frazione
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of Arms of Apulia.svg Puglia
ProvinciaProvincia di Lecce-Stemma.png Lecce
ComuneAlessano-Stemma.png Alessano
Territorio
Coordinate39°51′36″N 18°20′25″E / 39.86°N 18.340278°E39.86; 18.340278 (Marina di Novaglie)Coordinate: 39°51′36″N 18°20′25″E / 39.86°N 18.340278°E39.86; 18.340278 (Marina di Novaglie)
Altitudine70 m s.l.m.
Abitanti15 (2001)
Altre informazioni
Cod. postale73031
Prefisso0833
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Marina di Novaglie
Marina di Novaglie

Marina di Novaglie, o semplicemente Novaglie, è una località balneare della provincia di Lecce, pertinente alla municipalità di Alessano. È collocata sul tratto di costa tra Marina Serra e Gagliano del Capo.

La costa è caratterizzata da una bassa scogliera, nella quale è stato ricavato anche un porticciolo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La località è stata abitata da tempi antichissimi come testimoniano numerose grotte adibite a laure basiliane nel medioevo e a rifugio per i pescatori in seguito. Le origini del toponimo sono incerte: è forse ricollegabile al processo di bonifica che nell'XI secolo interessò la zona, rimettendo "a nuovo" aree boschive e pietrose rendendole abitabili[1].

L'esistenza di alcune sorgenti di acqua dolce fece di Novaglie una località strategica per i pirati Saraceni che vi si recavano per rifornirsi. Nel XVI secolo, proprio per contrastare i Saraceni, venne costruita la Torre del Porto, oggi ridotta ad un ammasso di detriti. Della torre è ancora visibile una parte di quello che doveva essere il basamento della struttura originaria, realizzata in pietrame irregolare e terra rossa. Probabilmente già esistente prima del 1565, fu ricostruita nel 1610 come si evince dai documenti esistenti; la Regia Corte appaltò la ricostruzione a Giovanni Vincenzo Spalletta di Nardò su progetto dell'ingegnere Fontana. In passato comunicava visivamente con Torre del Ricco e con la scomparsa Torre Montelungo, rispettivamente a nord e a sud.

Fin dall'antichità la costa di Novaglie è stata utilizzata come punto d'attracco per navi e barche, come testimonia il toponimo Porto Vecchio dato al tratto di costa più a Nord-est. Durante la Seconda Guerra Mondiale le scogliere di Novaglie furono utilizzate come avamposto tattico per le osservazioni marittime; sul tratto di scogliera denominato Punta Rossa è ancora oggi visibile una torretta in cemento e pietra utilizzata dai soldati per scrutare il mare. Nel secondo dopoguerra alcuni tratti di scogliera furono scavati e risistemati in modo da consentire ai pescatori di tirare in secco le loro imbarcazioni; risale al 1973 la costruzione del piccolo porto in uso.

Nel 1903 una facoltosa famiglia locale edificò la prima villa a uso esclusivo di residenza estiva[2]; successivamente molte famiglie seguirono la medesima tendenza che si è protratta per tutto il XX secolo. Talvolta le nuove abitazioni sono state realizzate ampliando o ristrutturando ricoveri per pescatori e pajare presenti in loco. Fino agli albori del XXI secolo il nucleo abitativo era comunque costituito da pochissime case; negli ultimi decenni si è sviluppato sotto l'impulso dell'edilizia turistica. Benché sia una località prettamente turistica e dunque abitata principalmente d'estate, un ristretto numero di persone vi dimora stabilmente.

Luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Novaglie ospita due antiche laure basiliane nella zona del nuovo porto, scavate nella roccia a partire da due cavità naturali; adibite nel tempo a ricovero per imbarcazioni, è possibile scorgere in esse tratti di scrittura graffita. Presente inoltre una cappella dedicata alla Madonna addolorata risalente al XX secolo, facente parte di un'abitazione privata.

Grotte[modifica | modifica wikitesto]

Il tratto di costa su cui sorge Novaglie è ricco di grotte naturali di notevole interesse paesaggistico, geologico e storico. Tutte le grotte sono accessibili via mare, anche se il ritrovamento di fossili di animali marini di circa 30.000 anni fa testimonia che in epoca remota esse furono sommerse; viceversa, un ciottolo inciso da mano umana ritrovato in una delle Grotte Cipolliane e risalente a 10.000 anni fa ci informa che nel paleolitico il livello del mare fu più basso di ora, e che le grotte furono anche adibite a rifugio umano. Le principali grotte della costa novagliese, da Nord a Sud, sono le seguenti:

  • Grotta Azzurra: così chiamata per la caratteristica colorazione delle acque al suo interno, è un'ampia grotta dotata di due ingressi la cui camera è divisa in due parti da una barriera naturale di rocce.
  • Grotta del Diavolo: si tratta di una piccola grotta con una ristretta camera che si trova a ridosso della costa nell'ampio golfo di Novaglie, di fronte alla falesia tradizionalmente denominata Punta Rossa. Poiché la grotta è molto buia (essendo essa orientata contro il sole) e la sua camera termina in un minuscolo inghiottitoio, probabilmente in tempi antichi essa è stata ritenuta la porta degli inferi, da cui il nome[3]. Al di sopra di questa grotta si trovano le rovine della Torre d'avvistamento, in seguito crollata.
  • Grotta di Porto Vecchio, si trova nella zona denominata appunto Porto Vecchio ed è una piccola grotta con un ripiano erboso sovrastante la camera principale. Un tempo era conosciuta anche come grotta della Madonnina per via di un masso bianco al centro del palco superiore, successivamente franato in mare.
  • Grotte delle Cipolliane: si tratta di un complesso di due grotte dalla particolare caratteristica di avere due camere, una a livello del mare e l'altra a essa immediatamente sovrapposta. Singolarmente, esse vengono chiamate Grotta del Presepe (poiché la sua camera superiore evoca la grotticella di un presepe) e Grotta dell'Elefante (a causa di una formazione rocciosa simile ad un elefante). Quest'ultima è molto importante per il rinvenimento al suo interno di un ciottolo intagliato da mano umana risalente al paleolitico ed esposto al Museo Civico di Paleontologia e Paletnologia di Maglie.

Dal 2013 l'antico tratturo che da Novaglie conduceva a Gagliano del Capo costeggiando le due grotte è stato riattrezzato e aperto al pubblico come percorso escursionistico; tramite esso è possibile accedere alle due camere superiori delle Cipolliane.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.cipolliane.info/comune.html
  2. ^ L'anno di costruzione è riportato, oltre che nei registri catastali, anche in un mosaico che decora il patio d'ingresso.
  3. ^ Questa grotta non va confusa con un'omonima Grotta del Diavolo presente a Santa Maria di Leuca, così denominata in virtù del fatto che il mare, infrangendosi contro le sue pareti, produce un rumore "demoniaco".

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Puglia Portale Puglia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Puglia